.
contributo inviato da redazionepd il 16 ottobre 2009

Oggi venerdì 16 ottobre, c'è stato il confronto TV tra Pierluigi Bersani, Dario Franceschini e Ignazio Marino a You Dem.

Riproponiamo il confronto in diverse clip.

Prima parte: Verini, direttore di Youdem, introduce il confronto TV tra i tre candidati. Bersani, Franceschini e Marino rispondono a Tiziana Ferrario e Maurizio Mannoni sul tema dell'assistenza sanitaria.                      

Seconda parte: il segretario dopo le primarie, la libertà di coscienza dei parlamentari, il caso Binetti, il testamento biologico, le coppie gay e le unioni civili.

Terza parte riforma Gelmini, scuola e l'università, il Lodo Alfano, la giustizia.

Quarta parte crisi economica, la politica del nuovo segretario e la riforma delle pensioni.

 

Tutte le foto del confronto sulla pagina flickr di PdNetwork:

 

 

TAG:  PD  TWITTER  FLICKR  PRIMARIE  PIERLUIGI BERSANI  DARIO FRANCESCHINI  IGNAZIO MARINO  YOUDEM  CONFRONTO CANDIDATI SEGRETERIA PD 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di filmes inviato il 21 ottobre 2009
Non vedo perchè limitare i confronti. Il fatto che avvengano in TV non vuol dire che si banalizzino i messaggi e i contenuti. Tutto dipende da quello che si dice e da come lo si dice.
Inoltre non si cambia nessuna regola, con un confronto in TV, caso mai si amplia la possibilità di informazione. A tutti, anche ai non simpatizzanti per il PD. Hai visto mai che facciamo un pò di pubblicità positiva al ns. partito ?
democrazia, idee, valori,....
Filippo Messineo
commento di marcelobranko inviato il 20 ottobre 2009
Bravo Cilloider, per una volta non cerco il pelo nell' uovo e concordo in pieno con te: voterò Marino, che sta vincendo in tanti sondaggi sul web. Speriamo ce la faccia anche il 25! E, anche se non ce la faremo e vincerà Bersani o anche Franceschini, lo appoggeremo, na intanto avremo dato alla "struttura" un segnale di voglia di cambiamento e di rinnovo generazionale.
commento di Pietro Giliberti inviato il 20 ottobre 2009
Caro Bersani, a mio parere la gente non capisce la contrarietà ad un incontro ad ampia diffusione (RAI). Perché non accogliere l'opportunità di fare maggiore chiarezza tra i programmi dei candidati e magari ampliare la partecipazione alle primarie?
commento di arte46 inviato il 20 ottobre 2009
Bersani con l'indice alzato ci ha ammonito: "AttenSione ragazzi! Basta confronti! Basta dare spettacolo, la gente non capirebbe!"
Con tutto il rispetto, a Bersani vorrei chiedere: " Non era lei che ha frequentato per anni i vari salotti televisivi insieme a Tremonti e compagnia bella a dare un triste spettacolo alla gente?"
Caro Bersani la gente, come la chiama lei e non solo lei, vuole capire, vuole decidere, vuole scegliere, vuole chiarezza e massima informazione.
MARINO lo sta chiedendo da mesi e con lui tutto il popolo dei delusi e degli sfiduciati che si aspettano un reale cambiamento del p.d. e del'Italia!
GRAZIE MARINO per essere dalla nostra parte! Forse saremo gli ultimi..ma prima o poi gli ultimi saranno i primi|! CORAGGIO!
commento di cilloider inviato il 20 ottobre 2009
Io so chi è l'asso di cuori !!!!

Non ho bisogno che Scalfari me lo spieghi!!!con assurdi giochi di prestigio!!!

commento di cilloider inviato il 20 ottobre 2009
GRANDE IGNAZIO!!!!




commento di ignazio marino inviato il 20 ottobre 2009
Scuotiamo l'Italia, è finito il tempo di aspettare,VIVIAMO IL PD, CAMBIAMO L'ITALIA!

http://www.youtube.com/watch?v=CaRixBOh0_g
commento di cilloider inviato il 20 ottobre 2009
" .....Di Pietro, la sua “roccia”, lo rinnegherà tre volte prima che il gallo canti. "

commento di cilloider inviato il 20 ottobre 2009
E il 25 Ottobre.............

Il popolo della sinistra ....gridò

BARABBA! BARABBA! BARABBA!

commento di lupodamontenero inviato il 20 ottobre 2009
confronto? ma daiiii...

altor giustamente scrive:

Un confronto anche serrato, ma serio e civile, sarebbe un ottimo esempio in questi tempi di politica urlata.

io sono meno ambizioso visto chi dovrebbe parteciparvi, mi contenterei di un confronto serrato e civile...il serio lo vedo ipotetico assai.

Comunque , ormai è tardi i giochi sono fatti e Bersani ha rispolverato la frase Marxiana " zitto ragazzo , lasciami lavorare! "
commento di dollaro07 inviato il 20 ottobre 2009

Al compagno fini si aggiunge il compagno tremonti.

commento di cilloider inviato il 20 ottobre 2009
"Non vogliono il confronto perchè hanno paura di Marino. "

NON VOGLIONO IL CONFRONTO PERCHE' HANNO PAURA DI MARINO!!!

commento di Tasaus inviato il 20 ottobre 2009
A differenza di quello che dice Bersani, credo che il confronto in tv o comunque accessibile dal numero maggiore di persone possa aumentare il numero dei votanti alle Primarie e aiutare tutti a decidere su chi dovrà essere il nuovo segretario del PD. Che segretario può essere chi si sottrae al confronto? Per questo apprezzo Marino che sin dall'iniìzio ha sostenuto la necessità di confrontare le tre mozioni.
commento di Anpo inviato il 19 ottobre 2009
Mah mi sembra difficile visto che sia Franceschini che Bersani (quest'ultimo, invero, in maniera piuttosto esitante, quasi preoccupato per questa prospettiva) si sono detti d'accordo su un nuovo confronto.

Certo poi è vero che i mass media hanno vissuto a lungo le primarie come un cofnronto a due e non a tre escludendo Marino. Ma mi sa proprio che dovranno ricredersi.
commento di maxim11 inviato il 19 ottobre 2009
Non vogliono il confronto perchè hanno paura di Marino. Ora lo conoscono solo gli amici di inernet mentre con un intervento pubblico diventerebbe noto a tutti.
commento di guido perazzi inviato il 19 ottobre 2009
cari dirigenti del PD.
Mi chiamo: Perazzi Guido, aspirante autodidatta sul pensiero politica e filosofia. Invio un pensiero politico, per costruire al meglio possibile il PD. Sperando sia utile per fare meglio la prossima volta nel fare programma politici
Oggi penso che: Con le idee di esclusione e autoesclusione dei diversi, non si costruisce nessun partito democratico e nessuna alleanza elettorale vincente.
il caso binetti non è per niente chiarificante. perchè espulsione? i pensieri diversi sono la ricchezza della politica!
I dirigenti politici, prima di presentare il proprio programma politico, io penso che, sarebbe stato utile alla politica, aver ascoltato i più pensieri possibili d’ascolto, di noi partecipanti. Invece a noi viene chiesto solo la scelta tra tre programmi politici, che secondo il mio pensiero, non potranno essere il massimo del meglio possibile. Perché il programma politico, non è il risultato dell’ascolto dei pensieri degli iscritti al partito democratico.

E tra l’altro, non è stato possibile utilizzare nessuna idea degli iscritti al partito per il programma politico dei tre candidati a segretario. guido guperaz@alice.it
commento di cherubinif inviato il 19 ottobre 2009
Un dibattito in tv tra i 3 candidati PD farebbe bene alla televisione italiana. Mi dispiace molto che Bersani non lo voglia. Mi sono iscritta al partito democratico in occasione della scesa in campo di Marino, quindi da pochi mesi, e mi interessa moltissimo sentire le proposte del PD dai tre punti di vista. E' anche piacevole scoprire così i numerosi punti in comune oltre alle differenze. Non vedo cioè, nessun contrasto tra essere uniti e confrontarsi. Nel non volere il dibattito invece vedo un aspetto negativo, un sottrarsi al giudizio.
commento di peana inviato il 19 ottobre 2009
Questa società è nata circa un anno fa quando un piccolo gruppo di artisti peruviani e newyorkesi hanno dato il via a una serie di workshop in villaggi della selva amazzonica, per trasmettere ad alcuni giovani delle comunità il “know how” necessario per realizzare in proprio film e documentari sui loro problemi e i loro interessi. El Perro del Hortelano ( il cane dell’ortolano) si rifà nel titolo a una commedia omonima di Lope de Vega, a sua volta ispirata al proverbio spagnolo che recita “ Il cane dell’ortolano non mangia e non lascia mangiare”. Questa è l’accusa che Alan Garçìa, in un suo discorso, ha lanciato contro le popolazioni della Amazzonia che, secondo lui, non sfruttano le risorse della foresta e non vogliono che altri lo facciano.

Non c’è voluto molto prima che quelli, a cui era rivolta l’offesa, la facessero propria con orgoglio : siamo tutti cani dell’ortolano !

La cosa più sorprendente è che il film (Una fiction con attori delle varie comunità della foresta oltre ad artisti e attivisti peruviani, argentini, spagnoli, statunitensi, australiani, nicaraguensi, girato nella riserva Amarakaeri) anticipa, nella sua trama, per filo e per segno, quanto ora sta realmente accadendo ( per un trailer del film: www.vimeo.com/5420706 ).

Il moltiplicarsi di iniziative come quelle della Selva Rica testimoniano di una unità diffusa tra le popolazioni amazzoniche e di una crescente consapevolezza che la loro lotta in difesa della foresta non è più un fatto di politica solo nazionale. Quello che è in gioco è il futuro e forse la sopravvivenza stessa del genere umano su questo nostro pianeta:

L’allarme lanciato da decenni da scienziati, difficilmente tacciabili di estremismo, ha trovato finalmente eco al recente vertice dell’ONU nelle parole del Presidente degli Stati Uniti, il paese che più di ogni altro deve porre un freno ai propri consumi e alla quantità di spazzatura e veleni che introduce ogni secondo nell’ambiente.

Massi
commento di peana inviato il 19 ottobre 2009
Le leggi Peruviane in vigore prevedono che le popolazioni locali siano consultate prima di qualsiasi operazione sul loro territorio. Cosa che non è stata fatta. D’altronde Roy Hunt presidente della Compagnia è amico intimo tanto di George W.Bush che di Alan Garçìa. Ma cosa si nasconde esattamente dietro l’asettica definizione di “esplorazione geologica del terreno?”

La Hunt Oil dichiara che l’impatto ambientale di questa ricognizione sarà minimo, ma documenti ufficiali della compagnia scendono in particolari: per capire se c’è petrolio o altro, sarà necessario fare esplodere oltre 12 mila cariche esplosive sottoterra, lungo 300 miglia di foresta vergine, per registrarne l’eco sismico, e costruire oltre 100 piste di atterraggio per gli elicotteri necessari agli spostamenti del personale. Nella zona da esplorare con la dinamite ci sono anche i resti archeologici di un antico sito Inca, segnalato nella edizione 2006 del “Amarakaeri Communal Reserve Master Plan” , ma questo particolare è opportunamente scomparso dalle mappe presentate dalla Hunt Oil. Nei paraggi vivono anche popolazioni cosiddette “ non contattate” ovvero indigeni che hanno avuto pochissimi contatti con la “civiltà” e, quelli che li hanno avuti, gli sono ampiamente bastati, tanto da indurli a scegliere un volontario isolamento nelle zone più inaccessibili della selva.



C’è qualcuno che sta vivendo con una emozione tutta particolare, lo scontro in corso nella riserva Amarakaeri. Sono quelli che hanno partecipato al film “El Perro del Hortelano “ di Renzo Zanelli, prodotto dalla “ Selva Rica Magic Flute Film”. Questa società è nata circa un anno fa quando un piccolo gruppo di artisti peruviani e newyorkesi hanno dato il via a una serie di workshop in villaggi della selva amazzonica, per trasmettere ad alcuni giovani delle comunità il “know how” necessario per realizzare in proprio film e documentari sui loro problemi e i loro interessi. El Perro del Hortelano ( il cane del
commento di peana inviato il 19 ottobre 2009
parole ...parole...parole
Questi sono fatti veri e ci riguardano perchè ,se non ci riguardano allora non abbiamo capito niente nè di diritti umani, nè di politica:
DINAMITE NELLA SELVA AMAZZONICA

Nuova tensione in Perù dove, da un momento all’altro,

Può superare il livello di guardia lo scontro tra la

Compagnia petrolifera texana Hunt Oil e le popolazioni

Della Riserva comunale Amarakaeri

Massimo De Feo su Alias-Manifesto del 3/10/2009

Nella poco nota “Reserva Comunal Amarakaeri “ nel sud del Perù (Parco Nazionale di Manù) la texana Hunt Oil, col benestare del governo peruviano, vorrebbe dare il via a una esplorazione geologica del terreno. Questa riserva fu creata con un decreto legge il 9 maggio 2002 su una estensione i 400.000 ettari, con l’obiettivo di proteggere il bacino dei fiumi Madre de Dios e Colorado per assicurare la stabilità di quelle terre, dei boschi, preservare la qualità e la quantità dell’acqua, l’equilibrio ecologico e l’ambiente adeguato, per lo sviluppo delle comunità native Harakmbut, Yine e Matsigenka che vivono nell’area.

Il 13 settembre scorso, portavoci di queste popolazioni, in una riunione nella città di Maldonado, hanno presentato ai rappresentanti della Hunt Oil un documento che chiede alla compagnia di cessare ogni attività nella zona e di lasciare la Riserva.

Antonio Iviche, presidente della Federazione dei popoli del Rio Madre de Dios (FENAMAD) ha reso chiaro che in caso contrario saranno le stesse comunità indigene a farsi carico di espellere fisicamente la Hunt Oil. Lo scontro tra la Compagnia e le popolazioni della Riserva può superare da un momento all’altro il livello di guardia. Se verranno erette barricate per impedire ai bulldozer di entrare nella foresta, quale sarà la reazione del Governo di Alan Garçìa ?

La battaglia di Bagua ha insegnato qualcosa ?



Le leggi Peruviane in vigore prevedono che le popolazioni locali siano consultate prim
commento di cosaica inviato il 19 ottobre 2009
penso anch'io che un confronto sulle reti nazionali fosse più proficuo per tutti compreso Bersani che non lo vuole, è finito il tempo del "si fa tra noi" un vero partito democratico si apre alla gente, le sue idee e le mozioni, io condivido pienamente quella di Marino, vanno diffuse se vogliamo essere credibili e vivere il nostro PD
commento di paolorai inviato il 19 ottobre 2009
Non riesco a comprendere per quale motivo non si voglia fare un confronto aperto tra i candidati utilizzando uno strumento con una diffusione che va ben oltre ai "quattro gatti" che sanno dove trovare Youdem. ho l'impressione che si abbia paura di qualcosa e questo non è il partito che ho in mente.
Grazie
commento di altor inviato il 19 ottobre 2009

Anche a mio parere un confronto "non per pochi intimi" farebbe bene a tutto il partito, considerando anche che, credo non casualmente, ultimamente l'interesse è cresciuto.
Un confronto anche serrato, ma serio e civile, sarebbe un ottimo esempio in questi tempi di politica urlata.
commento di angix79 inviato il 19 ottobre 2009
sono anch'io per un confronto PUBBLICO, quindi in televisione, e in prime time!
mi spiace, ma per me non è prioritario che "gli altri" non pensino che non siamo uniti, è prioritario invece che ci chiariamo una volta per tutte, che discutiamo una volta per tutte, che scegliamo alla luce del sole il segretario, per evitare poi i soliti complotti sotterranei che non fanno durare un segretario più di un anno.
commento di arte46 inviato il 19 ottobre 2009
Perchè non ripetere il confronto sulla RAI? Perchè non dar modo alla stragrande maggioranza di persone che votano a sinistra di capire per chi devono votare alle primarie? Qualcuno forse teme che la troppa chiarezza lo penalizzi ed è comprensibile dal suo punto di vista, ma non può esserlo per tutti quelli che hanno veramente a cuore le sorti del partito democratico e di tutta la sinistra italiana sempre più allo sbando. In poco più di due mesi è successo un fatto straordinario che è sempre più difficile ignorare: MARINO ha suscitato entusiasmo e speranze inaspettate anche in persone che mai e poi mai avrebbero continuato a votare D.P.! MARINO é rimasta l'ultima spiaggia..Non voltiamo lo sguardo altrove e uniamoci tutti attorno all'unico leader che sta dimostrando ogni giorno di più la sua grande competenza e capacità politica, il solo che potrà vincere Berlusconi!
commento di Anpo inviato il 19 ottobre 2009
Dubito che vi sarà un nuovo confronto visto nche che tutti e tre hanno detto sì ad una chat fra ciascuno di loro e i lettori dell'Unità che comincerà domani. Peccato.
Comunque a chi fosse interessato:
Martedì 20 alle ore 11 si terrà il forum con Pier Luigi Bersani.
Il giorno successivo, mercoledì 21, sempre alle 11:00, con Ignazio Marino. Infine giovedì 22, a partire dalle ore 13,30 toccherà a Dario Franceschini.
commento di free.ennio inviato il 19 ottobre 2009
Vorrei dire ai nostri candidati alla Segreteria che dal confronto, in diretta tv o meno che sia, può venire fuori solo del buono. Quel grande patrimonio che costituisce la base del nostro grande Partito Democratico.
Facciamo emergere quello custodiamo da sempre, l'essenza stessa della democrazia: il coraggio di discutere dei problemi alla ricerca di soluzioni condivise e costruite senza pregiudiziali, senza veti a favore di questo o di quello, senza la necessità di dover soddisfare o coprire i bisogni di pochi!
Io sto con Marino perchè sento che Marino vuole consolidare il Partito Democratico sui valori della partecipazione, dell'inclusione, del merito, dell'innovazione. Senza pregiudizi e senza preclusioni. E questo si manifesta nella sua disponibilità al confronto, nella sua apertura di vedute, nella sua chiarezza di intenti...
Il grande popolo dei DEMOCRATICI ha bisogno di questo tipo di riferimenti, vuole questo e, soprattutto, pratica e vuole praticare sempre di più la partecipazione.
Riconosce un grande valore ad ogni forma di espressione libera e costruttiva, come i dibattiti o i confronti. Perchè sa che la costruzione del bene comune passa attraverso il contributo di tanti, e non di pochi 'eletti'.
Riconosce un grande e supremo valore alla Democrazia...
Ennio Nereto
commento di cilloider inviato il 19 ottobre 2009
"Come si fa a dire "venite alle primarie" e poi evitare un confronto in TV che attrarrebbe milioni di persone!??!?"


COME SI FA A DIRE "VENITE ALLE PRIMARIE" E POI EVITARE UN CONFRONTO IN TV CHE ATTRARREBBE MILIONI DI PERSONE!???????????????????

commento di Gian74 inviato il 19 ottobre 2009
Bersani alla richiesta di un nuovo confronto risponde con una sufficienza irritante e maleducata: "vediamo se dopo questo ne servono altri o ne hanno abbastanza"...
Mi dispiace che un uomo intelligente come lui disegni a tal punto il confronto con gli altri due.
Noi vogliamo invece un confronto DOVE LA GENTE LO PUO' VEDERE; cioè in RAI!
Come si fa a dire "venite alle primarie" e poi evitare un confronto in TV che attrarrebbe milioni di persone!??!?
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
20 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork