.
contributo inviato da team_realacci il 15 ottobre 2009
Roma, 15 ottobre 2009 
 
“A tutt’oggi il ponte sullo Stretto è solo una tassa sul futuro. L’unica certezza è lo stanziamento di un miliardo e trecento milioni di euro pubblici, che vengono sottratti ad opere molto più urgenti e utili per il paese. Tutto il resto è dubbio e fumoso e francamente appare molto problematico che un sistema finanziario in difficoltà in tutto il mondo e che in Italia non garantisce il credito alle piccole e medie imprese, sia in grado di supportare un’opera tanto faraonica quanto incerta. A meno che, come al solito, non sia Pantalone a pagare. Vale a dire soldi pubblici con i quali si garantiscono i privati”, lo afferma Ermete Realacci, responsabile Ambiente del PD, commentando le affermazioni del Ministro Matteoli che ha annunciato l’avvio dei lavori per il Ponte sullo Stretto per il prossimo 23 dicembre.

Ufficio stampa On. Realacci
TAG:  PONTE  STRETTO  TASSA  FUTURO  MATTEOLI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork