.
contributo inviato da dalle nebbie mantovane il 2 ottobre 2009

Visto che domani c'è la manifestazione per la libertà di stampa, mi permetto una riflessione e alcuni distinguo: in Italia, nonostante le pressioni, le minacce, i ricatti (Boffo) e le denunce penali intimidatorie (Republica, Unità...) sulla carta stampata si può ancora scrivere liberamente.

Il medium attualmente più libero - e su questo mi piacerebbe conoscere la vostra opinione - è internet, dove oltretutto chiunque, gratuitamente, può aprire un blog o inviare messaggi non filtrati e non censurati, lo si è visto con le elezioni iraniane (l'Italia come l'Iran?).

Il medium invece dove non c'è quasi più e, per Berlusconi, non deve esserci libertà di stampa, è naturalmente la televisione.
Perché da profondo conoscitore di questo mezzo, che ha contribuito a creare, a plasmare, a diffondere (anche se all'estero più di tanto non ha sfondato), B. sa che la stragrande maggioranza (non ho il dato preciso) degli italiani si informa solo e soltanto attraverso la tv; dei quali, il 70% sceglie di guardare, tra i telegiornali, solo il Tg1.
E' in tv quindi, sui tg in particolare, e sul Tg1 in particolarissimo, che lui deve esercitare il suo controllo, la sua censura, all'occorrenza le sue epurazioni.
Con i tg (pseudo-tg, compreso il Tg5 da qualche anno) di Mediaset non ha problemi, il Tg di LaSette, per quanto indipendente, non gli fa paura perché lo guarda sì e no il 5% degli italiani.
Un discorso a parte, ma tutto politico e tutto interno alle logiche spartitorie Pdl, meriterebbe il Tg2, che spesso (guardare per credere) si smarca da B. rivendicando di volta in volta le posizioni di Fini o della Lega.
Che cosa resta da controllare?
Ovvio: il Tg3 (risale a ieri la nomina della Berlinguer a direttore: quanto durerà? La tempra ce l'ha, come del resto Concita de Gregorio, ma il clima è da Deserto dei Tartari) e i programmi di informazione politica, ivi compresi i "pericolosissimi" Chetempochefa, Parla con me o qualsiasi, anche quando modesto e poco graffiante, programmino Rai che registri un buono share.

Ecco perché, con buona pace di Vittorio Zucconi e di qualunque altro commentatore che ieri (mi riferisco a Radio Capital e a Repubblica Tv) si stupiva retoricamente che B. cerchi di far chiudere programmi che tirano e faccia traballare le poltrone dei direttori delle reti che fanno audience, chiedendosi i commentatori in quale altro Paese sarebbe un demerito fare audience, penso che nel giro di qualche mese ci sarà una resa dei conti, magari prima sui direttori di Rai2, Rai3 e relativi Tg, rispetto ai programmi "eversivi", che dopo le epurazioni bulgare non credo si vogliano martirizzare per la seconda volta.

TAG:  ATTUALITÀ  TELEVISIONE  TV  POLITICA  SANTORO  ANNOZERO  BERLUSCONI  AUDITEL  IL DESERTO DEI TARTARI  TG1  TG2  TG3  BIANCA BERLINGUER  CHETEMPOCHEFA  PARLA CON ME  CENSURA  IRAN  ITALIA  INTERNET  REPUBBLICA TV  RADIO CAPITAL  VITTORIO ZUCCONI  L'UNITÀ  LA REPUBBLICA  CONCITA DE GREGORIO 

diffondi 

commenti a questo articolo 1
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
10 febbraio 2009
attivita' nel PDnetwork