.
contributo inviato da team_realacci il 15 settembre 2009
Roma, 14 settembre 2009 
 
“Ora allargare le ricerche per trovare anche le altre navi affondate misteriosamente”, lo afferma Ermete Realacci, responsabile Ambiente del Pd, tornando sulla vicenda delle navi dei veleni. “Il ritrovamento del relitto affondato a largo di Cetraro”, spiega Realacci, “è un elemento fondamentale per riaprire le inchieste chiuse e riprendere le indagini sugli affondamenti sospetti di oltre una quarantina di navi. Ad oggi le procure investite delle indagine per reati di ecomafia e la Marina Militare Italiana sono a conoscenza dell’esatta posizione dei siti di affondamenti di almeno nove navi cariche di pericolosi rifiuti. Sono passati troppo anni e non c’è più tempo perdere per fare luce su una storia di una gravità assoluta che mette a rischio la salute di tanti cittadini e l’ecosistema marino del Mediterraneo. Il Governo venga subito in Parlamento a riferire su questa vicenda”. 
 
Ufficio stampa On. Realacci
TAG:  NAVI  VELENI  CETRARO  CUNSKY  JOLLY ROSSO  SVERSAMENTI  RIFIUTI  TOSSICO  NOCIVI  RADIOATTIVI  FUSTI  CRIMINALITÀ ORGANIZZATA  AUMENTI  PATOLOGIE  TUMORALI  COSENZA  CETRARO  INCHIESTE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork