.
contributo inviato da team_realacci il 4 settembre 2009
Roma, 4 settembre 2009 
 
“La richiesta avanzata ieri all’Unione Europea dalla Confindustria Italiana e tedesca di rivedere i parametri di Basilea due è più che condivisibile”, lo afferma Ermete Realacci (Pd) dopo l'appello alla Ue lanciato dagli industriali italiani e tedeschi per allentare i requisiti patrimoniali e la valutazione del rischio imposti dalle regole di Basilea due.
“E’ una richiesta giusta”, aggiunge Realacci, “non solo per affrontare il difficile periodo economico, ma perché le regole entrate in vigore due anni fa, prima della crisi quindi, non erano in grado di valutare la qualità e sostenere la struttura caratteristica del nostro sistema produttivo incentrato in gran parte sulle piccole e medie imprese”. 
 

Ufficio stampa On. Realacci
TAG:  BANCHE  UE  CONFINDUSTRIA  PARAMETRI  BASILEA DUE  REQUISITI PATRIMONIALI  VALUTAZIONE  RISCHIO  PICCOLE  MEDIE  IMPRESE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork