.
contributo inviato da team_realacci il 4 settembre 2009
Roma, 4 settembre 2009. Napoli-Milano in 4 ore e 10 minuti, Trapani-Gela 6 ore e 47 minuti. Tempi che spingono l'associazione di consumatori Adiconsum a dire 'no' "a un'Italia a due velocità", perchè "la mobilità è un diritto delle persone". Adiconsum interviene dopo l'annuncio, dato ieri da Ferrovie dello Stato, dell'apertura delle tratte veloci Bologna–Firenze e Novara–Milano. Attive, secondo le previsioni, dal 13 dicembre, le due tratte permetteranno il completamento dell'intera rete Alta Velocità, da Torino a Salerno. Per l'associazione dei consumatori è "positiva" la notizia data da Trenitalia, "ma non è tutto oro quello che luccica", avverte, e chiede a Governo e Regioni "investimenti reali per il 'trasporto lumaca' esistente al Sud e per il pendolarismo".

Paolo Landi, segretario generale di Adiconsum, è critico: "Anche nel trasporto ferroviario si allarga la forbice tra aree forti ed aree deboli del Paese", afferma. Perchè, spiega, se è vero che i passeggeri potranno coprire una tratta come la Napoli-Milano in 4 ore e 10 minuti, dall'altra parte va detto che "un passeggero o un turista che oggi dovesse decidere di percorrere la tratta ferroviaria da Trapani a Gela, molto più breve della Napoli-Milano, impiega dalle 6 ore e 47 minuti alle 7 ore e 44 minuti". Un simile situazione, denuncia Adiconsum, "non riguarda solo la Sicilia, ma anche tratte che teoricamente dovrebbero essere 'più appetibili' economicamente, come quelle che partono dalla Capitale per raggiungere regioni del Sud". Solo per fare un esempio, sulla tratta Roma-Messina, "se va bene si hanno tempi di percorrenza di 6 ore e 35 minuti, se va male, di 9 ore e 19 minuti".

Fonte: Dire
4 settembre 2009

TAG:  ITALIA  STATO  FERROVIE  TAV  TRENO  FERROVIA  ADICONSUM  PENDOLARISMO  DUE VELOCITÀ  TRASPORTO LUMACA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork