.
contributo inviato da gdlombardia il 1 settembre 2009

Questa volta non si parla di“gaffe” ma di un grave attacco di Silvio Berlusconi all’Unione Europea: minaccia di bloccare il funzionamento del Consiglio e chiede le dimissioni dei commissari europei, se a Bruxelles continueranno a parlare i portavoce anziché il Presidente della Commissione Barroso

Nel giorno in cui si celebra il settantesimo anniversario dell’iniziodella Seconda Guerra mondiale, conflitto dopo il quale è iniziato il percorso verso un’Europa unita per evitare il ripetersi di altre tragedie immani, il Presidente del Consiglio italiano ha pensato bene di ricattare le istituzioni europee, nel tentativo di imbavagliare chi non la pensa come lui e volendosi forse avvalere degli stessi metodi con cui governa l'Italia. 

“La sua richiesta di dimissionare i commissari europei, minacciando il blocco del Consiglio non è altro che la conferma della debolezza del governo italiano. Mentre dovrebbe lavorare seriamente per una politica dell'immigrazione che accolga e non lasci morire o rispedisca indietro migliaia di profughi che cercano di fuggire dalla fame e dalla miseria'' ha commentato David Sassoli, capodelegazione del Pd al Parlamento europeo.

E mentre Berlusconi attacca l’Unione Europea, le Frecce tricolori sono invece pronte ad omaggiare il dittatore libico Gheddafi: nella politica estera italiana c’è qualcosa che non va o è solo una nostra impressione?


TAG:  POLITICA  BERLUSCONI  DIMISSIONI  ESTERA  UE  GIOVANI  DEMOCRATICI  UNIONE EUROPEA  GHEDDAFI  LOMBARDIA  BRUXELLES  CONSIGLIO  BARROSO  BLOCCO  MINACCIA  COMMISSARI  PRESINDENTE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
7 ottobre 2008
attivita' nel PDnetwork