.
contributo inviato da paulfromm il 1 settembre 2009

Un azzeccato racconto che la dice lunga sullo sfascio del paese:

LA CRISI ECONOMICA DEL 2009

Faccio parte della task-force approntata dal ministero delle Attività produttive e del Lavoro per fronteggiare la terribile crisi economica di quest'ultimo anno e che secondo molti esperti, checché ne pensi il nostro governo, durerà a lungo. Ultimo anno è dir poco perché sono almeno due gli anni in cui stiamo, per dirla con una famosa trasmissione comica televisiva, sull'orlo del baratro… ma tant'è, i nostri governanti erano in tutt'altre faccende affaccendati e quindi solo dal mese scorso siamo stati chiamati con urgenza all'operatività in questo settore.
In realtà gli operatori della suddetta task-force erano, e sono, i migliori operatori di un altro progetto. Un progetto di punta - un fiore all'occhiello del Ministero - che si occupa di incrementare e migliorare le opportunità occupazionali favorendo la partecipazione ed il reinserimento nel mercato del lavoro, dei lavoratori, soprattutto di quelli svantaggiati, attraverso azioni di incentivazione e formazione oltre che di sostegno. Uno staff di operatori magnificamente preparati e dediti, oltre ogni dire, al gravoso e poco soddisfacente compito della lotta per l'occupazione nel paese. Il meglio del meglio…

Eppure qui c'è una prima stranezza: io, infatti, sono una precaria. Una lavoratrice con un contratto di consulenza a tempo determinato. Un'unità lavorativa su cui si cerca di risparmiare. Una precaria che aiuta altri precari.
Voi direte: «Meglio! Così capirà profondamente la situazione di chi deve tutelare».
«Giusto», dico io «… però mi sembra che in tutto questo ci sia qualcosa che non torni».

E qualcosa che non torna in effetti c'è!!!

Nei primi del mese scorso il nostro contratto era scaduto e già da qualche giorno non andavamo al lavoro. Agli inizi di questo mese però i nuovi contratti erano stati approntati (anche se, dicevo, per risparmiare, volevano darci trecento euro in meno – eh!, sa, essendo precaria… dicevano all'ufficio del personale) e mancava solo la nostra firma. Quindici giorni prima, sempre a contratto scaduto, eravamo stati comunque chiamati ad effettuare uno studio accurato sulla crisi economica per quanto riguardava il nostro settore di competenza e a proporre strategie di cooperazione tra gli attori istituzionali – leggasi Stato, confederazione degli industriali e sindacati – e tra operatori pubblici e privati con l'obiettivo di diminuirne gli effetti sulla disoccupazione che, con annesso calo del potere di acquisto, avrebbero potuto ingenerare un vizioso circolo deflattivo e recessivo.
Ma il nostro governo, che ti fa? All'inizio di questo mese, ti approva un Decreto che qui per comodità chiameremo scacciacrisi e che blocca tutti i contratti di consulenza – e precari – in essere o da poco scaduti.
Risultato: tutto il progetto di punta, tutte le attività della nostra task-force, le nostre analisi sulla crisi, il primo abbozzo relazionale, azzerati brutalmente. E chi fa lo studio, fondamentale, per combattere la crisi devastante che colpisce il nostro paese ed il mondo intero? Chi elabora le strategie per diminuirne il prezzo a carico soprattutto dei più poveri? Chi tesse la rete di rapporti, relazioni, convincimenti, coinvolgimenti, suggerimenti e quant'altro, per rendere operative quelle strategie?

Ma innanzitutto un dilemma di fondo: in determinati contesti, come fanno dei precari a difendere altri precari?
Mi veniva da ridere, a tutti i miei colleghi veniva da ridere in quella situazione ridicola. Dovevamo elaborare – per conto del governo – strategie per difendere il paese ma la prima misura di quello (che sapeva che solo noi avremmo potuto approntarle) ci tagliava i fondi ed azzerava il nostro lavoro, ci bloccava i rinnovi, ci mandava a casa. Assolutamente ridicolo e senza senso, ancor più della Tela di Penelope che in verità per la donna, un senso lo aveva.
E ci veniva anche da piangere perché per tanti di noi, con mariti, mogli e figli e con stipendi da precari, il mancato rinnovo del contratto era come essere gettati sul lastrico: c'era un mio collega che si vergognava di dirlo alla moglie, altre a cui erano venuti mancamenti e malesseri vari, altri sull'orlo di un tracollo psichico dagli esiti a dir poco incerti.

Non vi dico in quei giorni le tensioni, le lotte, le assemblee, le mobilitazioni che abbiamo affrontato dannandoci l'anima ed il cuore. Tutto sembrava essere inutile. Addio lavoro, addio strategie, addio risorse, addio vita, rinnovamento, possibilità. Addio tutto. Poi, quando stavamo per dichiararci vinti, come i Troiani di Kavafis, ecco la bella notizia: il governo ti approva, in commissione, un emendamento, che lascia tutto immutato, come due mesi prima… era la revoca del blocco… almeno fino al prossimo anno. Un anno di tempo quindi, una boccata d'aria tranquilla per almeno 365 giorni… 365 giorni al tramonto, parafrasando i maschietti. E possibilità di compiere il nostro dovere, dare il nostro contributo, di studiare, elaborare, approntare e mettere in atto le misure per ridurre il dolore, la crisi, la disoccupazione, la deriva del paese.

Avevamo l'impressione che la nostra situazione si risolvesse così come era stata creata: senza un perché. O peggio, senza nessuna lungimiranza o capacità di pianificazione.
Ed infine ci veniva alla mente un'altra considerazione: il tutto doveva essere operativo per la fine dell'estate!
Come potrà esserlo? Ora siamo a fine Luglio, ancora in alto mare, all'inizio della nostra analisi, fondamentale. Ad Agosto la nostra azienda, se pur pubblica, chiude. Si sa che prima di metà, fine Settembre non si riesce a riavviare niente. Se ce la facciamo chiuderemo la fase di relazione alla fine del 2009. Nel 2010 dovremo cercare di convincere tutte le parti sulla giustezza della nostra proposta e poi applicarla. I tempi così si allungano, diventano biblici rispetto alla pericolosità del fenomeno. Prima della metà del 2010 non riusciremo ad intervenire sulle dinamiche di crisi…
Saremo in tempo? La crisi non si sarà aggravata così tanto da rendere inutili i nostri interventi? In questi accadimenti la velocità di intervento è essenziale. E se addirittura si fosse conclusa, magari con esiti drammatici per l'occupazione e l'economia del paese?

Non so cosa rispondere. Mi sento solo in colpa, inadeguata, passiva, coatta all'inefficacia. Un ingranaggio, una rotellina in questo mondo istituzionale e farraginoso. Ho paura per il mio futuro e per quello degli altri. In questo paese si fa un vano cianciare mentre tutto crolla intorno a noi. Quanto potrò, quanto potremo reggere?

Non so darmi una risposta.

TAG:  CRISI ECONOMICA  2009  DISOCCUPAZIONE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
14 marzo 2009
attivita' nel PDnetwork