.
contributo inviato da cerve87 il 9 agosto 2009


Un nuovo incidente ha colpito una centrale nucleare tedesca. Una centrale del gruppo RWE ha dovuto essere messa fuori servizio venerdì (scorso) in seguito all'attivazione del sistema di sicurezza.

"Cercheremo di scoprire cosa ha attivato il sistema di sicurezza. Per il momento pensiamo che il fermo non durerà più di due giorni", ha spiegato un portavoce del RWE. Si tratta di un nuovo problema per la centrale tedesca, dopo una serie d'incidenti avvenuti all'inizio di luglio in una centrale gestita dalla società svedese Vattenfall.

Questa serie d'incidenti rischia di agitare un po' l'opinione pubblica tedesca riguardo al nucleare, già sensibile al problema, dato che la stessa Angela Merkell desidera rilanciare l'energia nuclare nel bacino del Reno.

Traduzione dell'articolo:

NUCLEAIRE – Nouvel incident dans une centrale allemande


In Italia, l'informazione relativa al nuclare è ovviamente sempre favorevole... In occasione dell'incidente in Germania, la stampa ha parlato per 5 giorni consecutivi della notizia del blocco della centrale di Bahrein; riportando anche le reazioni delle gente riguardo l'accaduto. Sui nostri giornali nessun riferimento. Inoltre, le fonti rinnovabili sono assenti dai nostri tg e quotidiani e per giunta, se diminuiscono i costi delle materie energetiche (metano, petrolio, carbone) perdono il loro fascino!! Eppure, nel nostro Paese si può vivere di sole e di vento tutto l'anno; mentre in Germania, se tutto va bene, hanno il sole solo per quattro ore al giorno, quando non piove da dieci giorni!! Diamoci da fare, con i piccoli mezzi a nostra disposizione, per far arrivare tutte le informazioni a chi non usa internet!!!

Fonte:
TAG:  CENTRALE NUCLERARE  INCIDENTE CENTRALE NUCLEARE TEDESCA  GERMANIA  CENTRALE EWE  SISTEMA DI SICUREZZA  IMPIANTO NUCLEARE GERMANIA  VATTENFALL  OPINIONE PUBBLICA TEDESCA  BACINO DEL RENO   

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
6 giugno 2009
attivita' nel PDnetwork