.
contributo inviato da tribo il 28 luglio 2009

Apprezzabile, peccato che ne uscirà vincitore uno solo.

Nessuno dei tre è più uguale degli altri, anche se uno può contare su radici più consolidate e sicure.

Avrà il mio appoggio se avrà coraggio e visione per dover negare con inamovibile determinazione il nucleare come fonte di energia oggi, a causa delle attuali certezze di contaminazione cumulativa dell'ambiente per l'impossibile smaltimento pulito delle scorie.

Può darsi che in futuro si troverà il modo di smaltire in modo pulito le scorie, ma può anche non darsi.

Contaminare l'ambiente, da ciechi tecnologici oggi, sarebbe immoralità somma e infinitamente esecrabile per tutta la nostra generazoione nei milioni e trilioni di anni a venire

Darsi da fare per eliminare tutte le centrali nucleari invece in tutto il moondo, da subito, oggi..

Non possimo innescare un bomba per l'autofagocitazione del genere umano.

Possibile che non lo si capisca?

Invece per fare ciò oggi da parte di persone politiche serie, ci vuole un enorme coraggio ed una maturità umana molto, molto  fuori dall'ordinario. Se lo si fa alla leggera è finita prima di cominciare.

C'è un vantaggio, il consenso immediato  può aiutare, ma c'è un grande svantaggio, che, se non si attuano politiche per l'approvvigionamento dell'energia ai cittadini veramente rivoluzionarie, il rischio del fiasco, nel concreto, è elevatissimo.

Questo è lo spirito rivoluzionario che il mondo oggi richiede ai migliori di noi, quelli che si offrono per la nobilissima mission di gudare gli altri uomini.

E poi di vite ne occorrono tantissime, non ne bastano solo una o alcune.

Se non scaturisce una vera e propria fede da questa scelta consapevole delle energie pulite, non si va da nessuna parte.

Dai : . . . . n ., per il mondo che vogliamo, con Obama si può !

TAG:  ENERGIA  BERSANI  FRANCESCHINI  MARINO  PULITA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di ggavioli inviato il 13 agosto 2009
In queste discussioni sul PD ho visto veramente poche proposte per il futuro.
Nel futuro, a partire da oggi, c'è la necessità di cambiare le politiche energetiche attuali e future, tendenti a ridurre la dipendenza energetica dall'estero e l'emissione di gas serra in atmosfera.
In termini molto sintetici le ragioni economiche per un'effettiva riduzione dell'uso dei composti fossili del carbonio in Italia sono un risparmio netto per l'azienda Italia di almeno 12 miliardi di euro2005 nel 2020 e di 33 miliardi di euro2005 nel 2040 per minori acquisti all'estero.
Tuttavia molte delle politiche energetiche attuali e future comportano attività burocratiche ed allontanamento dall'obbiettivo di minimo costo a pari riduzione d'emissione.
Le complicazioni burocratiche e gli errori tecnologici della P.A. disperdono quasi completamente i vantaggi per l'utente finale che invece possono essere di 8 miliardi di euro nel 2020 (133 €/a a persona) e di 24 G€/a nel 2040 (400 €/a a persona).
Quanto alla complessità della materia, ti assicuro che la Pubblica Amministrazione, pretendendo di conoscere le tecnologie meglio degli utilizzatori, ha creato veri Uffici Complicazioni Affari Semplici.
Basta confrontare le mie proposte con la burocrazia per poter usare il fotovoltaico, o l'eolico, o la cogenerazione, o la coibentazione degli edifici, o l'emission trading, ......
Se il mio ragionamento e le mie conclusioni ti interessano, leggilo tutto e commentalo sul blog "concorrenzaenergetica" partendo dal post del 02/07/09.
Gradirei anche tuoi commenti, o stroncature a:
http://concorrenzaenergetica.ilcannocchiale.it/?YY=2009&mm=6&dd=21
http://concorrenzaenergetica.ilcannocchiale.it/?YY=2009&mm=5&dd=18
O scrivimi.
gabrielegavioli@tin.it
commento di Anzalone.Michele inviato il 5 agosto 2009
ehi.. calmini
commento di pdlmenoelle inviato il 4 agosto 2009
x norete4

Sei il solito saccentello piddino. Parla, parla,parla....senza dire nulla di concreto. Bravo a fare le morali, sebbene non si capisca su cosa, vista la confusione che regna sovrana nella sua testolina. Fortemente convinto di avere un'intelligenza superiore alla media, benchè conosca solo due parole, democratico e riformista, pericolosamente tendente alle parabole veltroniane e a strabuzzare gli occhi come capezzone per convincerti delle sue "idee rivoluzionarie". Vai a sproloquiare da qualche altra parte, tanto per usare i tuoi stessi termini.
commento di norete4 inviato il 4 agosto 2009
pdlmenoelle...
Ovviamente non hai raccolto nulla....delle mie parole... Non è che ci sperassi.....
Continua a parlare con luoghi comuni, frasi fatte.....la roma la lazio.. l'originale la copia... pseudo cultura da telespettarore, hai bisogno di un tuo menico per esorcizzare chissà quali fantasmi....
ok.... se serviamo a questo è gia è qualcosa.....
stacci bene è.....

WWW.SCELGOMARINO.INFO - WWW.IGNAZIOMARINO.IT
commento di pdlmenoelle inviato il 4 agosto 2009
X norete4

Borderline?
Il pd è borderline, d'altronde vi divide dal pdl una sola lettera. Per il resto, siamo lì.
Ma gli italiani, preferiscono l'originale alla brutta copia.

commento di norete4 inviato il 4 agosto 2009
Caro "pdlmenoelle"

NON ho capito la sua critica alquanto banale, generica... e stucchevole...

Che ci vuoi dire? Dicci a parole tue?
...Che ora perchè la magistratura sta facendo il suo sacrosanto dovere di reprimere abusi (Ovviamente tutti da dimostrare)cosa dovremmo fare scioeglierci come neve al sole??
Che ci proponi di altrenativo una confraternita di duri e puri che non sbaglieranno mai e che faranno sempre le cose guste? Ce li garantisci tu?

Ma tienitelo te un Partito di giusti con la verità in tasca.. Tienitelo te un Partito fatto di santi e di galantuomini o meglio tienitelo nella tua testa,
di povero illuso qualunquista,populista,Gillettista, Roberspieriano dei poveri!

Io mi do da fare nel Partito che credo possa cambiare le sorti di questo Paese!! o almeno ci provo!
Aderire ad un Partito a parere mio non vuole dire entrare in una chiesa dogmatica! Come pensi te!Un Partito deve essere un mezzo non un fine.

Il PD è pieno di gente che ha questa mia voglia di dimostrare che una altro Paese è possibile!!
Lavoriamo NON per un Paese perfetto e fatto di santi "intoccati dal male!" a tua immagine ovviamente.... Perchè quello sta solo nella tua testolina manichea e borderline...

Il PD nasce per unire la grandi culture che hanno portato al progresso questo Paese ma non possiamo fermarci a questo.
Il PD nasce per essere strumento nelle mani di quelli che lo vogliono utilizzare per MIGLIORARE il possibile....
Per il Paradiso c'è Il SIgnore per chi ci crede o più modestamente:
Grillo, Travaglio, Di Pietro... e la tua persona...


WWW.SCELGOMARINO.INFO - WWW.IGNAZIOMARINO.IT

commento di norete4 inviato il 4 agosto 2009
anzalone.....
nel frattempo che tu organizzi e porti al 51% un parito tutto perfetto fatto di gente perfetta etc etc... teniamoci stretto questo PD e vediamo se possibile migliorarlo nel possibile...

WWW.SCELGOMARINO.INFO - www.ignaziomarino.it
commento di Anzalone.Michele inviato il 3 agosto 2009
che poi fa rabbia perché sono tutte quante persone con un'esperienza e una cultura alle spalle.. vabé
commento di Anzalone.Michele inviato il 3 agosto 2009
Ti rendi conto? Come faccio a votarli? Dovrebbero dirmi grazie perché li voto nonostante tutto quello che (non) fanno o dicono.. e invece poi uno legge ste cose e "cadono le braccia". Verrebbe voglia veramente di farselo da zero un partito riformista ambizioso... con progetti veri.. Sarebbe piu' facile farlo da zero che riciclare questa gente...
commento di e_ros inviato il 3 agosto 2009
Grazie Michele.
Ammazza che schifo oh!!! Mah.
commento di pdlmenoelle inviato il 3 agosto 2009
x norete4

Tenitelo stretto il tuo partito di plastica.
Avete le giunte di mezza italia indagate, in parlamento è come se non ci siete e ancora avete il coraggio di giudicare chi, realmente, vorrebbe un'opposizione degna di questo nome?
Già, uno che si definisce riformista mi fa venire solo da ridere. E io dovrei essere rappresentato da un partito riformista? Meglio l'opposizione a vita. Almeno conservo la dignità e non elemosino la poltrona.
ciao
commento di pdlmenoelle inviato il 3 agosto 2009
X norete4

Hai finito di dire caxxate? La destra governa perchè il tuo partito, quello "democratico", è un partito inutile e di inetti. E' un partito pieno di cattoexcomunisti (la categoria peggiore quella degli ex), devoti al vaticano e alle sue caxxate, liberisti quanto berlusconi in economia e che ancora vanno in giro ad abusare della parola "riformista". Fate pena, berlusconi governerà per altri cento anni. Pagliacci.



commento di giovanni da udine inviato il 3 agosto 2009
nel leggere i commenti su questo argomento rivivo il dramma di molti che non si capacitano di come la gente possa votare per Berlusconi.
partito gerarchico in primis: solo i tesserati hanno voce, gli elettori non contano e così ci troviamo con delle mozioni che sembrano più programmi amministrativi di governo che appassionanti obbiettivi per lo sviluppo di una società migliore. non per questo i contenuti delle mozioni sono da sottovalutare, anzi danno merito e lustro ai loro estensori che si mostrano all'altezza di una forza di governo del paese.
e allora cari tesserati perchè non fate un piccolo sforzo di sintesi sugli obbiettivi di partito di focalizzazione del segretario da una parte , e dei programmi di governo dall'altra dettati da contigenge e prospettive di sviluppo per indicare una compagine di governo credibile?
commento di Anzalone.Michele inviato il 3 agosto 2009
«PRIMARIE? PARTITO VIENE INVASO» - Lo statuto del Pd va cambiato, le primarie per eleggere il segretario non vanno bene perché attribuiscono ai cittadini «il potere di demolire il partito o comunque di invaderlo, di occuparlo», ha detto ancora D’Alema. «Cambieremo lo statuto dopo il congresso. Le primarie le farei per decidere le liste per il Parlamento, se non ci sono le preferenze. Ma perché fare le primarie per il segretario del Pd? Votino gli iscritti per eleggere il segretario del partito».

http://www.corriere.it/politica/09_luglio_05/dalema_scenari_bb4d2c8a-6997-11de-b037-00144f02aabc.shtml

divertiti.. e' alla fine della pagina.
commento di e_ros inviato il 2 agosto 2009
Michele, dove hai trovato quella frase di D'alema?? Hai il link,pls?
commento di Anzalone.Michele inviato il 2 agosto 2009
norete4 io non voglio votare un partito soltanto perche' "dall'altro lato è peggio". Quello era l'antiberlusconismo, la sinistra radicale.

Voglio votare questo partito perché ci credo, perché ha idee, progetti: come posso votare un partito che non dice NIENTE? che parla soltanto di se stesso? Si fanno tanti discorsi su cosa dev'essere il partito quando il vero problema è COME affrontare i problemi di tutta l'Italia. E' questo che interessa a me, a te e a tutti i cittadini.


Vorrei votare PD, mi metto sempre di buona volontà, MA OGNI VOLTA riescono a farmi rinunciare. Ti sembra piacevole? A me non piace sentire D'Alema che dice

"Lo statuto del Pd va cambiato, le primarie per eleggere il segretario non vanno bene perché attribuiscono ai cittadini «il potere di demolire il partito o comunque di invaderlo, di occuparlo», ha detto ancora D’Alema. «Cambieremo lo statuto dopo il congresso. (intervista ad antonio polito, corriere della sera)

Invasione..? Siamo dei barbari che invadono il loro feudo? O siamo cittadini..? Cioe' va bene tapparmi il naso e andare a votare (è una vita che lo si fa).. va bene anche che non hanno l'umiltà di leggere quello che noi diciamo in queste pagine.. va bene che i candidati alla guida di un partito riformista non dibattono sui progetti di riforma che servono al paese...


ma che ci trattino come nemici, come barbari invasori no.. con tutta la buona volontà di 'sto mondo, facciano a meno di me.
commento di norete4 inviato il 2 agosto 2009
Anzalone Michele.....
lo scenario per te possibile... forse è quello che auspichi tu...
Sarai il soliti autolesionista di "estrema sinistra" che invece di capire che spostandosi sempre piu' a sinistra e scindendosi si finirà per sparire; attacca L'unica speranza di noi Italiani Riformisti, Laici e Democratici di questo Paese. IL PD.

Grazie a "demolitori" come te questa Destra, stupida ed ignorante, distruggerà questo Paese.. e tu starai li ancora a criticare L'unica speranza Possibile....

WWW.SCELGOMARINO.INFO
commento di maxo7533 inviato il 2 agosto 2009
La domanda è: quello che vince avrà poi l'appoggio degli altri, oppure ricominceremo a vedere un'altro Prodi o Veltroni messo in difficoltà dai propri alleati?
Chi a letto Repubblica o Dagospia, saprà che Berlusconi questa estate rivoluzionrà tutto il Suo apparato di Comunicazione e i colonnelli politici, per prepararsi per l'autunno, noi stiamo discutendo chi sarà il Leader del PD, quando lo avremmo, Lui sarà già pronto per controbatterci e Noi saremo sempre a discutere chi saranno gli organi che accompagneranno il nuovo Segretario, stando attenti a non trascurare nessuno di quelli che hanno perso, i Suoi giornali e televisioni nel frattempo, avranno già distrutto il nuovo PD che si è formato, agli occhi degli italiani. Siamo indietro anni luce, rispetto a Berlusconi.
Lui comanda, mentre noi dobbiamo cercare il consenso di tutti, altrimenti qualcuno protesta e sappiamo bene che agli italiani un Partito disunito non piace. Qualcuno dirà che è meglio la democrazia del PD che il Partito Padrone di Berlusconi (ed ha ragione), ma agli italiani piace il bastone, anche sè non sà usarlo, (facendo leggi che ci porteranno alla catastrofe) ma da l'impressione di fare. (anche sè non sanno cosa fà)
commento di Anzalone.Michele inviato il 1 agosto 2009
Scenario possibile.

Affluenza bassa alle primarie: qualsiasi persona eletta verrà legittimata da una parte esigua dell'elettorato di sinistra.
La "vocazione maggioritaria" del pD tramonta. Ritornano le alleanze. Il pD con il suo 25% è il piu' grande partito a sinistra, ma le altre sinistre sommate lo mettono in minoranza. Il leader del pD non è rappresentativo di tutta la sinistra (figuriamoci se il resto del paese si riconosce in lui).

Mi sa che continuano a non dire nulla (perche' e' questo che stanno facendo) sarà questo il film che vedremo.
commento di laser149 inviato il 1 agosto 2009
Capisco il punto di vista di TRIBO, ma il tema che lui pone in primo piano, si può affrontare solo dopo averne risolti altri molto più urgenti; sono d'accordo con DOLLARO07 e le sue amarezze. Purtroppo in questa nostra Italia di
sinistra non ci sono persone carismatiche ed illuminate di sicuro affidamento; penso che la cosa più importante sia riconquistare la maggioranza per potersi
ripresentare in Europa in modo credibile, e porre una pietra sopra a questo
periodo terribile di nani ballerine escort e veline. Ma vedo fra di noi molta enfasi, molto idealismo ed ho paura che non andremo molto lontano : ho paura che vinceranno ancora una volta i mangiatori di CROSTATE e trombati di BICAMERALI ( silvio se la ride ancora adesso ); se ci affideremo ancora una volta ai vecchi e perdenti parolai ( quante volte dovevano aver fatto la legge
sul Conflitto d'Interessi ! ), PERDEREMO. Mi auguro che avremo il coraggio di andare verso una Segreteria moderatamente innovativa e nuova : al momento, credo che la soluzione migliore sia FRANCESCHINI assieme a giovani emergenti,SERRACCHIANI, e personalità più esperte ma politacamente oneste come
FASSINO
commento di dollaro07 inviato il 1 agosto 2009


continuate a credere che tra Bersani_D'Alema_Bassolino e

Rutelli_Franceschino_Fassino_Veltroni ci sarà un vincitore.


Potete sostenere questo solo se siete della parrocchia e se vivete da

sempre di " politica" come l'intera Nomenklatura del PD.

MA lo capisco.

Di questi tempi fa comodo avere 32 miliardi di vecchie lire di finanziamento

pubblico ( ai pariti)...con il caldo che fa;

fa comodo prendere il gettone di presenza per la commissione,lo stipendio da consigliere,da assessore,da consulente,da parlamentare, la retta dal sindacato e via dicendo.

Alle ultime elezioni europee si sono persi 4 milioni di voti.
La disfatta imponeva le dimissioni del gruppo dirigente.Invece nessuno ha fatto un passo indietro.
Anzi si organizzano per mettere le mani sulla segreteria.
D'alema in Puglia, Veltroni a Roma, Bassolino in Campania, Fassino in Piemonte,Bersani in Emilia e Rutelli in vaticano.


Tutti al loro posto.Rilasciano interviste alle TV, pontificano,qualcuno sta mettendo su un partito del Sud perchè la minestra a sinistra sta per finire.

Purtroppo l'attuale sistema vi consentirà di vivere anche con un 15 % dei voti.

E noi a sopportarvi.Ma per quanti anni ancora?
commento di Anzalone.Michele inviato il 31 luglio 2009
un ultimo appunto..

C'e' un altro avversario contro cui dovrebbero iniziare a combattere questi tre candidati. E' la "non partecipazione". Quando ci fu Veltroni alle primarie, ci fu una grande partecipazione. E' la partecipazione che segna la riuscita delle primarie. Non è l'elezione di un segretario, quanto la sua legittimazione piu' ampia possibile da parte dell'elettorato di sinistra.

Se teniamo conto che una grande parte dell'elettorato di sinistra, dopo l'esclusione di beppe grillo, non andra' alle primarie.

E se teniamo conto che lo "Share" di queste primarie è particolarmente basso, che i candidati fanno di tutto per ammazzare di noia i cittadini, per non coinvolgerli, per non affrontare nessun argomento VERO..

Aspettiamoci un altro vincitore.
Se vincesse la non partecipazione sarebbe l'ennesima dimostrazione che questo partito è morto.
commento di Anzalone.Michele inviato il 31 luglio 2009
Io non credo che Marino sia un politico completo. Politica economica, energetica, progetti per il lavoro e l'occupazione, innovazione scolastica, infrastrutture? boh, non c'è solo l'identità laica in un partito. Ok a molti puo' piacere un candidato che ribadisce finalmente l'identità del pD, ma non facciamoci usare. L'argomento principale del dibattito non puo' essere "cosa dev'essere sto partito", ma cosa dev'essere l'Italia. Arroccarsi nell'identità senza dei progetti concreti è un errore che non bisogna fare.

L'identità è importante solo se è spendibile come credibilità. Ma buona parte della credibilità viene dal buon senso di proposte concrete. Qui proposte ce ne sono? a me non sembra. E questo vale anche per Marini.

commento di cilloider inviato il 31 luglio 2009
"Ho parlato nel 1992 di primarie, da anni parlo della carenza di donne dirigenti e onorevoli nel partito, lo affermai anche a Roma anno 1997 a un convegno in cui si parlava di pluralità della sinistra in via della Ripetta"

Cara Arianna e Marino? non lo citi neppure....forse ci vuole ancora qualche secolo perchè le donne maturino un pensiero politico.
commento di arianna33 inviato il 31 luglio 2009
Sono una persona spontanea come la Serracchiani e posso essere poco diplomatica ma non offensiva, ora credo che Bersani e Franceschini siano due persone eccellenti ma non ho firmato nessuna mozione essendo preoccupata per la salute della nipote con un focolaio ai polmoni, impegnata ad assisterla e a curarmi per una riacutizzazione della bronchite cronica. Non siamo in famiglia contagiati dalla influenza suina, ma sono stata in casa temendo di contagiare. Si parla di coinvolgimento degli iscritti per il congresso ma a me nessuno ha detto vieni al partito per firmare una mozione. Ho parlato nel 1992 di primarie, da anni parlo della carenza di donne dirigenti e onorevoli nel partito, lo affermai anche a Roma anno 1997 a un convegno in cui si parlava di pluralità della sinistra in via della Ripetta. Sono vecchia ma vorrei partecipare ancora alla vita sociale. Credo che Franceschini possa essere il leader necessario per guidare al successo il partito, ha dimostrato attenzione per i problemi dei poveri, l'ambiente è importante nel suo programma. Giusto credere nel ruolo dei giovani in un partito ma non dimentichiamo gli anziani, le statistiche dimostrano che il nostro è un paese con un incremento demografico minimo. L'Emilia Romagna ha emanato una legge per la non autosufficienza,
commento di nnnn inviato il 30 luglio 2009
@clint333
conosco bene la Spagna per averla percorsa in lungo ed in largo sia per lavoro sia per turismo, in particolare le province basche, dove come sai hanno dei bei problemi anche loro, magari ci tornerò tra qualche giorno.

Gli Spagnoli ci stimano tantissimo, al punto che trovano degli aspetti da giustificare anche nel nostro campione del momento.

Non dobbiamo farci abbagliare dagli ultimissimi eventi boccacceschi e medioevali della nostra storia.

Per gran parte di tutto il resto della storia, della geografia, dell'arte, credo proprio che sarebbe un privilegio per chiunque al mondo pensare di condividere più da vicino la bellezza del nostro paese.

E poi se voigliamo addirittura un governo dell'Europa domani, non sarebbe meglio prima esercitarci con i nostri vicini più affini e gradevoli?

Parimenti, anzi meglio conosco i tedeschi, sin dai banchi di scuola, quando studiavo la loro lingua, storia, letteratura. geografia ... poi per lavoro diretto con loro per oltre trent'anni.

Con tutta la stima possibile per loro, credinmi, l'addestramento, eventualmente, è meglio farlo con gli spagnoli.
commento di frapem inviato il 30 luglio 2009
Il tuo ragionamento sarebbe comprensibile e valido se non fossimo un paese in declino come sostiene Tremonti, che certo non è tuo amco. Ma invece lo siamo.
Finita la crisi le nostre arretratezze saranno aggravate: più disoccupati, più debito pubblico, meno aziende, sistema scolastico più fatiscente, infrastrutture in gran parte senza finanziamenti, e poi le stesse corporazioni, gli stessi banchieri, ecc.ecc. Io credo invece che non possiamo aspettare, questa deve essere una legislatura costituente, con le buone, o con le cattive.
E siccome con le buone significa che questa classe dirigente di destra e di sinistra avrebbe dovuto autoriformarsi, il tentativo è già fallito. Resta la maniera forte, attraverso la mobilitazione popolare, che dovrebbe partire dalla parte sana della sinistra e degli uomini di buona volontà non colllusi.
Io credo che questa voce potrebbe partire proprio dai delegati democratici al nostro congresso. In ogni caso credo che i prossimi tre anni saranno decisivi, non escludo una deriva populista e/o giustizialista. Ma sarebbe la prova che la sinistra italiana arriva sempre in ritardo, se arriva.
commento di clint333 inviato il 30 luglio 2009
@tribo & frapem
Se si continua a pensare che non si possa cambiare nulla non si cambierà nulla. Discorsi del tipo STATO EUROPEO sono ancora più aleatori, perché sono totalmente fuori dalla nostra portata di elettori italiani ma anche da quella dei politici (ditemi che può avere interesse a mettersi in casa la nostra mafia, o Berlusconi con il suo modo di gestire i media !?!
Sul "partire dal basso" la risposta di questi "stronzi", a incominciare da D'Alema, è: fatevi un partito !
Quindi c'è una sola alternativa praticabile: a queste elezioni interne al PD votare il candidato che ha mostrato più rottura con il passato (e Marino, se facesse anche solo un 50% di quanto ha scritto, creerebbe un cambiamento decente). Poi, siccome Marino ha molti giovani dietro, praticare politica nei circoli, e incominciare a fare pressioni dal basso. Alle successive elezioni continuare a scegliere il candidato che offre maggiori garanzie di rinnovamento (se la base si sensibilizza ci sarà sempre qualcuno che la cavalcherà).
Alle politiche, invece, premiare il partito se avrà saputo dare segnali di cambiamento, altrimenti incominciare a dare il voto da altre parti, ognuno secondo i propri credi, ma non al PD. Questa ultima opzione è l'unica in grado di "mettere paura" a questo manipolo di sciagurati che gioca sulla pelle degli italiani come se fossero dei beoti, fiduciosi nei vecchi dettami del PC e della DC. Se continueranno a perdere consensi saranno loro a dover fondare un partito, non noi !
commento di frapem inviato il 30 luglio 2009
Complimenti Tribo, spieghi le cose con serenità ed efficacia molto meglio di quanto sappia fare io, e anche sul piano umano, che non è secondario, sei una bella persona. Condivido la tua analisi: questi signori a cui dovremmo dar fiducia, ci raccontano l'Italia che è, l'Italia come dovrebbe essere, ma eludono il punto centrale: come ci si arriva?, cos'è il cambiamento, parola con la quale si sciacquano la bocca ogni piè sospinto. Molte cose su cosa debba essere il cambiamento le dice Alex Bellotti, io dico che senza un movimento di popolo dal basso, non si va da nessuna parte.
commento di nnnn inviato il 30 luglio 2009
Non pensate che non ci sia nulla di innovativo in tutto quello che ci raccontano i nostri leader nel caso specifico i nostri candidati?
IO NON MI SENTO TRASCINATO DA NESSUNO DEI LORO ARGOMENTI!

Parlano di tutto, le solite cose, importanti certo anzi importantissime, capitali per un paese, come delle energie pulite, ma non ci spiegano mai in modo convincente cosa, come, perchè, quanto, quando.

Sembra che a proposito di qualsiasi argomento basti citare il titolo preso qua e là oggi, qua e là domani, dalla solita lista, ed il programma e fatto.

Vi faccio un esempio, secondo me, di ARGOMENTO TRASCINANTE:

CREAZIONE DI UN NUOVO MEGAPAESE EUROPEO CON DENTRO L'ITALIA per meglio affrontare le sfide del nostro tempo.

V. mio contributo di oggi su questo forum:
http://partitodemocratico.gruppi.ilcannocchiale.it/?t=post&pid=2307004

Uno che si voglia candidare alla guide del PD oggi e del paese dopodomani, secondo me dovrebbe saper fare questo tipo di proposte.

Se lo facesse andrebbe alla guida del paese magari anche domani mattina, credo.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
19 febbraio 2009
attivita' nel PDnetwork