.
contributo inviato da ggavioli il 27 luglio 2009

Oltre all’etichettatura energetica delle “macchine più rilevanti per l’efficienza energetica dell’Italia”, è possibile un’azione diretta sui prezzi di vendita di tali macchine offerte sul mercato italiano.
Il parco di macchine nuove capaci di fornire un dato risultato tecnico, lo fornisce a minor costo energetico, se è più basso il rapporto:
(valore commerciale della quantità occorrente della forma d'energia usata) / (Risultato Tecnico Atteso)
Questo rapporto, detto "Intensità Energetica di Trasformazione" = IET, è certamente significativo per chi acquista una macchina per ottenere un preciso risultato tecnico.
Nel caso di macchine per produrre energia (anche in cogenerazione), il "Risultato Tecnico Atteso" = RTA può avere come unità di misura il "MWh equivalente elettrico" = MWhee.

(l’equivalenza tra forme d’energia diverse si fa sui prezzi medi correnti dei MWh forniti nelle varie forme)
Nel caso di automobili l'unità di misura di RTA è il già noto "km percorsi in condizioni standard".
Anche per le altre macchine che forniscono servizi o trasformano beni, si individua facilmente l'unità di misura più significativa (tecnicamente e commercialmente) da indicare anche nell'etichettatura.
Per ciascun tipo di trasformazione il cui miglioramento risulta essere d’interesse generale, l'Autorità istituisce un consorzio tra i fornitori delle macchine concorrenti (forse già creato, o somma di consorzi formatisi spontaneamente in risposta alla mossa 4).
È compito del consorzio verificare l’esattezza dell’etichettatura energetica di quello specifico tipo di macchine offerte sul mercato nell’anno in corso.
Per ogni fornitore consorziato si valuta IET sul venduto e di questo il valor medio IETm nel consorzio.

Per definizione di IET, chi usa una macchina con IET < IETm, durante la media vita utile della macchina risparmia una certa quantità d'energia entrante a cui corrisponde l'importo economico:
dCosto_energia = (IETm-IET)*RTAvu €
Il differenziale premiale sul prezzo (cioè l'importo che i produttori di macchine più efficienti ricevono dai produttori di macchine meno efficienti per unità di risultato tecnico fornito durante l'intera vita utile delle macchine vendute con bilancio zero sul consorzio) è una quota "q" di tale risparmio economico.
dPrezzo = q * (IETm -IET)*RTAvu €/macchina
dPrezzo / RTAvu = q * (IETm-IET) €/RTA

Come valore iniziale si pone q=0,1.
La riduzione effettiva nell’anno “aa” dei consumi specifici delle macchine tipiche vendute dai consorziati è
re(aa) = 1-IETm(aa)/IETm(aa-1)
La riduzione effettiva media “rem(aa)” (dei consumi specifici di tutte le macchine nuove che forniscono “risul-tati tecnici prioritari” i cui consumi specifici è interesse generale ridurre) si calcola pesando le riduzioni “re(aa)” nei singoli consorzi con i costi annui dell’energia usata dalle macchine vendute l’anno “aa”:
rem =
Sommatoria sui consorzi (re*numero_macchine*IETm*RTA/vu)/
Sommatoria sui consorzi (numero_macchine*IETm*RTA/vu)
rr” è la riduzione annua richiesta per i consumi specifici medi dei risultati tecnici prioritari (es. rr =0,02 a^-1).
Se l’anno “aa” risulta rem(aa)<rr, per l’anno “aa+1” si aumenta q da q(aa) a
q(aa+1) = q(aa)*rr/rem(aa) e non si cala più.

Sui comportamenti entro ciascun settore che fornisce macchine per dare un RTA prioritario ed i cui consumi specifici calano meno dell'80 % di quelli medi complessivi dei settori prioritari, l'Autorità per la libera concor-renza, con la consulenza tecnica di ENEA, riferisce al Parlamento, con relazione di pubblico dominio.
Lo Stato addebita il costo dell'indagine e della sua pubblicità ai fornitori riuniti nel corrispondente consorzio, in proporzione al fatturato di ciascun fornitore in Italia.

TAG:  FOTOVOLTAICO  AUTOMOBILI  EOLICO  FRIGORIFERI  EDIFICI  CALDAIE  CLIMATIZZATORI  COGENERATORI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
19 ottobre 2008
attivita' nel PDnetwork