.
contributo inviato da Alexbr il 21 luglio 2009

Lasciatemi fare un"analisi politica", anche se non sono un professionista della politica nè un esperto.

La nuda e dura verità è che la maggioranza degli elettori ha, al momento, idee "di destra". Probabilmente le hanno sempre avute, gli elettori italiani cambiano idea con difficoltà. Tuttavia, dall'avvento di Mediaset, molti si sono rinforzati in questo orientamento, e molti altri si sono "smarcati": non si vergognano più di professare apertamente quello che prima per pudore dissimulavano. Alcuni - nelle nuove generazioni - sono stati allevati a pane e Mediaset, poveracci.

Qualcuno di voi dice: è bello sognare, ma per realizzare i sogni occorre governare. Conseguenza: per governare occorre vincere le elezioni. Per vincere le elezioni, stando le cose come dicevo, ci sono due strade:

1. ingannare l'elettorato, ossia: presentare un programma "di destra", per intercettare i desideri della maggioranza dell'elettorato, riservandosi poi di fare tutt'altro, ossia una politica "di sinistra";

2. presentare un programma "di destra" e poi, in caso di vittoria, attenervisi (più onesto e più democratico).

Il problema è che fra l'originale (il programma di una vera destra) e una imitazione (un programma di destra scritto da persone "di sinistra") la gente, che proprio allocca non è, sceglie l'originale e scarta l'imitazione.

L'alternativa: attraversare il deserto, rinunciare a vincere subito, e continuare a operare - faticosamente - per rendere convincente e vincente un "manifesto dei valori" di sinistra. Altra alternativa, che penso più realistica e temo sia quella intrapresa: lasciare che il Paese sprofondi in un disastro inimmaginabile, stando a guardare, e poi dire "Ve l'avevamo detto noi" e cercare di ricostruire dalle macerie.

Tutte strategie praticabili e ragionevoli; ma non meravigliatevi se qualcuno di sinistra si incazza come un grillo.

 

TAG:  DESTRA  SINISTRA  PROGRAMMI  CONSENSO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
16 luglio 2009
attivita' nel PDnetwork