.
contributo inviato da benedettoparis il 20 luglio 2009

 La vivibilità dell’area lungo la Via Casilina è da tempo ridotta ai minimi: chi abita su Via Roma, ma anche molti cittadini di Via Ficoroni e Vicolo del Cipresso, è costretto a convivere con i rumori dei mezzi pesanti, con i loro tremori, ma soprattutto con le vibrazioni dei tavoli, delle credenze delle proprie case, fino alle crepe sui muri delle proprie abitazioni!

Ci siamo occupati di questo problema da Gennaio 2009 attivando tutti i contatti politici e istituzionali a nostra disposizione, cercando di capire quale fosse il problema, quali le competenze e quali gli strumenti per intervenire e per non essere presi in giro dalle continue indeterminate risposte di sufficienza dell’Amministrazione.

E’ così che a fine febbraio abbiamo scritto all’A.S.T.R.A.L., la società della Regione Lazio competente per la gestione e la manutenzione straordinaria delle strade del Lazio, tra cui quindi la Casilina e, dopo un incontro con un tecnico competente e la struttura della Presidenza, siamo riusciti a chiedere con forza un intervento strutturale per tutto il Km 38 della Casilina, rifacendo in profondità il manto stradale, per risolvere un problema e non per tamponare qualche buca. Dopo poche settimane un tratto della Casilina, quello per cui alcuni cittadini già avevano scritto e denunciato problemi, è stato oggetto del rifacimento del manto stradale con nostra grande soddisfazione.

E’ rimasto però il grande problema di chi abita nel tratto finale del Km 38, quello dal Km 38,3 al 39. Lì la situazione è drammatica, con le case affacciate e costruite a ridosso della vecchia via consolare, dove i problemi da quelli della vivibilità sono diventati quelli della sicurezza e stabilità degli edifici.

Per questo siamo tornati a contattare i soggetti competenti, cercando anche di capire da dove debbano arrivare i finanziamenti e chi dovesse realizzare gli interventi. Al termine di questi colloqui abbiamo inviato una lettera all’Ass. Provinciale alla Viabilità Marco Vincenzi, a quello Regionale ai Lavori Pubblici Bruno Astorre (competente per il finanziamento) e al Presidente dell’A.S.T.R.A.L. per richiedere un intervento strutturale, un rifacimento profondo del manto stradale, che non duri due settimane (come quello operato dal Comune), ma che elimini almeno per qualche anno i tremori e le vibrazioni dovuti al passaggio dei mezzi pesanti.

Ora aspettiamo che alle parole seguano i fatti. Noi abbiamo provato a fare la nostra parte davanti all’assenza della Giunta troppo presa dai suoi guai interni e poco dai problemi dei cittadini. Ci auguriamo che quanto prima Regione e A.S.T.R.A.L. intervengano per rendere Labico più vivibile e migliorare il suo rapporto con l’asse casilino, gioia e dolore del nostro paese.

TAG:  VIABILITÀ  CASILINA  CAMBIAREEVIVERE LABICO  LABICO  REGIONE  ASTRAL 

diffondi 

commenti a questo articolo 2
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
12 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork