.
contributo inviato da Patadolla il 16 luglio 2009

Lo ho annunciato e poi non l’ho fatto ma oggi mi applico e provo a dire la mia sul dibattito congressuale all’interno del PD e sulla motivazione della mia scelta a sostegno della candidatura del segretario uscente.

La convenzione nazionale è stata posta al primo punto dell’ordine del giorno ben prima delle ultime scadenze elettorali. All’indomani della sconfitta in Sardegna e delle drammatiche dimissioni di Walter Veltroni la necessità di una scossa appariva quanto mai urgente e necessaria. Nell’assemblea nazionale seguita a quei due episodi, assieme ad altri, sostenni la necessità di nuove primarie che legittimassero il lavoro del segretario e ponessero freno alle troppe lotte intestine che rappresentavano un ostacolo al radicamento e alla stessa sopravvivenza del progetto di partito.

Perdemmo ed alla fine scegliemmo di non votare. E tuttavia come sempre dovrebbe accadere all’interno di un partito, abbiamo dato fiducia al segretario eletto e sostenuto il PD negli appuntamenti che abbiamo fronteggiato negli ultimi mesi.

Col passare del tempo, con le posizioni assunte, con la chiarezza degli obiettivi, senza nulla rinnegare del progetto originario tracciato al Lingotto da Veltroni anche quando ciò ha significato subire pesanti critiche o farsi tacciare di essere il “vice disastro”, il segretario ha dato di sé l’immagine di una persona seria e coerente. Chi mi conosce sa quanto io apprezzi queste qualità specialmente in politica. Per storia personale, per esempi ricevuti, credo che il continuare ad essere se stessi, sempre coerenti con ciò che si è fatto, anche quando si sono subite sconfitte, sia una dote rara.

Ed eccoci arrivare all’indizione della convenzione secondo quanto previsto dallo Statuto nazionale. Su ciò desidero aprire una parentesi. Perché in molti “giocano” a dire che il PD non ha regole, è un non partito, senza alcun tipo di caposaldo quando in assemblea nazionale fin dall’insediamento ci siamo dotati di uno Statuto? E cosa dire del Codice Etico? Perché alcuni componenti di quella assise preferiscono cavalcare questa fantasiosa teoria? Ovvio le regole nel momento in cui esistono vanno rispettate, a meno che non si preferisca una società tout cours dove le leggi esistono solo per essere infrante.

Comunque tornando al congresso ecco piano piano cominciare a delinearsi il quadro. Bersani come ampiamente preannunciato, col sostegno di D’Alema “scende in campo” per primo. Credo che l’ex Ministro sia certamente persona capace e competente ma, competente nel suo ambito. Se si trattasse di comporre un governo e non di dar anima al partito lo sceglierei per un dicastero importante e di peso. Altro è auspicarlo segretario. Intendiamoci: le mie più forti perplessità nascono proprio dalla sua idea di partito. Mi sembra di veder tracciare nelle sue parole un organismo molto somigliante agli ex ds. Una “riedizione della cosa 2”, un partito di eletti e iscritti che rischia di incorrere negli stessi errori del passato, primi fra tutti l’autoreferenzialità e lo scollamento tra elettorato e “rappresentanza istituzionale e democratica degli interessi”. Peccati per altro non dei soli DS ma tipici dei partiti della cosiddetta seconda Repubblica. Errori imputabili in parte anche dal venir meno di quel “senso civico” necessario alla gestione della cosa pubblica e che sicuramente avevano i padri costituenti.

Secondo in ordine di tempo a sciogliere pubblicamente la riserva il chirurgo Ignazio Marino, supportato per altro da tanti amici della cosiddetta area dei piombini o dei lingottini con l’obiettivo di rinnovare davvero il partito. Anche qui sono andata ad ascoltare Marino alla festa dell’Unità. Ho visto lo spazio dibattito riempirsi di gente ma la sensazione che ho avuto (a parte il fatto che forse quanto meno di vista conoscevo un po’ di gente presente) è che molti fossero più che altro curiosi. La platea era tutto sommato tiepida. E scendendo nel merito e stimando Marino come professionista al pari di altri mi sono chiesta cosa ci entrasse un chirurgo nella corsa alla segreteria. Le cose dette sono state tutte di buon senso. In alcune delle prassi che Marino si propone di introdurre ho ritrovato metodi di lavoro molto “americani”, apprezzabili, ma difficilmente applicabili alla vita di partito. E poi: testamento biologico e laicità, sono due temi importanti, sui quali è necessaria la massima chiarezza. Anche qui, pur condividendo in toto l’impostazione di Marino e l’approccio non penso che si costruisca una piattaforma programmatica per proporsi alla guida del più grande partito di opposizione basandosi solo su 2 tematiche siano pure importanti come queste.


Oggi Franceschini presenta le sue linee programmatiche. Sono certa che sarà un discorso completo, che darà spazio specialmente al futuro, alle battaglie che ci attendono, disegnerà il Paese che vogliamo riprendendo le fila del discorso cominciato 2 anni fa al lingotto. Darà spazio al rinnovamento e continuerà nel percorso di “mescolamento” come lo stesso comitato che ne sostiene la ricandidatura sta dimostrando.

Domani vi aggiorno con il resoconto!

TAG:  FRANCESCHINI  BERSANI  MARINO 

diffondi 

commenti a questo articolo 1
commento di norete4 inviato il 20 luglio 2009
dollaro7 tu farnetichi...

Il tuo auspicio è che il PD sparisca? Cipernmetti di non condividerlo??

magari se la tirazzi un po idpi' alla PDL sarebbe più costruttivo....


www.ignaziomarino.it


MILANO 23 luglio 2009 Ore 17.30
Camera del Lavoro Corso di Porta Vittoria, 43
Presentazione del programma
di

MARINO IGNAZIO
SEGRETARIO

Vivi il PD cambia l’Italia !!!!


commento di alexbellotti inviato il 20 luglio 2009
consiglio a norete4 di cambiare nick in sirete4. Poi può tranquillamente affidarsi nelle mani dei soliti nomi. Come si fa a dire che Beppe Grillo 'sa solo insultare, denigrare tutto e tutti' ?. Ti invito, sirete4, a leggere più spesso il blog di Beppe Grillo. Fallo tutti i giorni. Per informazione. Essere critici e portare fatti e argomenti non significa 'insultare, denigrare tutto e tutti'. Leggi oggi cosa dice Beppe Grillo su Borsellino e confrontalo con il totale silenzio del PD e la totale assenza dei politici alla commemorazione di ieri. Possibile che non si pensi anche a queste cose e si tirino sempre in ballo solo gli 'insulti'?
commento di dollaro07 inviato il 20 luglio 2009



caro norete4 ,


fai come la massa degli italiani COSTRETTA A LEGGERE ARTICOLI DI

GIORNALISTI FORAGGIATI DAI PARTII.

Dal discorso di Grillo evidezi che ha definto ZOCCOLE alcune frequentatrici

del Senato.

Pur non condividendo l'aggettivo che ha usato Grillo sarebbe opportuno che

tu leggessi l'intero intervento di Grillo nascosto dalla stampa.

Del resto mi stupisce che qui sopra si continuano a pompare i contendenti

FRANCESCINO e BERSANI nascondendo i veri contendenti ovvero

D'ALEMA da una parte e VELTRONI-RUTELLI-FASSINO dall'altro

Che lottano solo per mettere meglio le mani sulfinanziamento pubblico.Nulla

più.

Alle prossime regionali vi faremo sparire.

Perderete altri 4 milioni di voti che, aggiunti a quelli persi quest'anno,

faranno 8 milioni di voti persi in due anni.

commento di orianomini inviato il 20 luglio 2009
Ribadisco, Grillo mi piaceva, l'ho anche sostenuto alla grande, compreso le sue trasgressività nel limite della verità verso i dirigenti del PD. Siamo in molti sostenere che questo eccesso di invadenza da parte sua e dei suoi super partigiani, non porta discredito al PD alla sua causa e alla fine di questa storia neanche a se stesso. Grillo sa benissimo che se forma e/o entra in un partito cambiano prima di tutto i suoi introiti economici, solo i suoi fedelissimi non hanno compreso. Il comico non formerà mai un partito, lui stesso sa che non arriverebbe mai all'attuale 26% del PD. Gli piace provocare e per molti ex ormai niente di più della serie del grande fratello.
Dobbiamo comprendere che il 33% delle elezioni 2008, era un buon traguardo se pure segnavano una sconfitta elettorale col centro destra. Oggi sicuramente Franceschini è quanto di meglio dopo 20 mesi di PD (al minimo storico Mg+Ds) vedo nel suo programma-partito e nel gruppo dirigenti che lo sostengono piena volontà di mettere le proprie esperienze a favore dei "nuovi" e per il "nuovo". In caso di vittoria intravedo anche compatibilità e buona alleanza con Marino, quindi una completezza di intenti e valori.
commento di norete4 inviato il 20 luglio 2009
Senti "DoppioAC"..............
invece di sbraitare stronXXX ti inviterei a ragionare sul fatto che stai parlando di un Partito come IL PD che è il secondo Partito Italiano e che ambisce ad essere il PRIMO e lotta per Governare il Paese..
E tu un Partito del genere lo avresti messo in mano a uno che sa solo insultare, denigrare tutto e tutti...
Uno per il quale D'alema e Fassino sono come Previti e Cuffaro...
Uno che spara a zero da sempre sul PD e sui suoi iscritti....Uno che "dice" nel SENATO della Repubblica che le Senatrici sono tutte ZOXXXLE!!!.....
E bene uno cosi' NOI ci dovremmo "vergognare" di non averlo messo a capo del nostro Partito??
POSSO risponderti come ti risponderebbe Grillo!!
MA VAFFAN.......


IO sto con MARINO!

==>>>>>>>>>>>> WWW.IGNAZIOMARINO.IT

Serve aria fresca nel PD........
commento di Doppio AC inviato il 20 luglio 2009
Fiducia ,regole, uguaglianza,merito,qualità.
E questo sarebbe un programma politico?
Vogliamo sapere cosa vuol fare e come!!!!!!
Non avete permesso a Giuseppe Grillo di candidarsi perche lui è l'unico con un programma preciso e serio ,e sicuramente vi avrebbe mandati tutti a casa,"stravincendo" le elezioni a segretario.
Che questa fantomatica commissione che accetta ex esponenti di altri partiti
(es.lega nord),non accetta lui dichiarando che e a capo di un "movimento ostile"(ma quando).Non è mai stato ostile verso gli ideali della sinistra anzi,a attuto più cose lui (coerentissime con i nostri ideali)!è sicuramente stato ostile verso voi nostri rappresentanti,che non avete combinato NIENTE,e questo è un fatto!Che pensate alla vostra carriera e non certo al benessere del popolo italiano!Ve la siete fatta addosso!Vergognatevi!Anche adesso state ORGANIZZANDO la divisione di incarichi per aver appoggio alle vostre candidature;LO SAPPIMO TUTTI,VI VEDIAMO,VI ASCOLTIAMO ,VI CONOSCIAMO,questo deve cambiare,deve finire!L'unico interessato a farlo era Grillo e lo avete messo fuori!Fateci il favore ANDATE A LAVORARE come facciamo noi,e lasciateci rappresentare da chi vuol fare politica seriamente!
commento di Anpo inviato il 19 luglio 2009
Spero che dopo le primarie Franceschini e Marino possano trovare un punto di incontro, alla faccia di suor Binetti, cosi come è avvenuto sul testamento biologico.
commento di cristinasemino inviato il 19 luglio 2009
per Anpo e Jac:
Giusto! Proponiamo un'accoppiata Franceschini - Marino: è la soluzione vincente e il modo migliore per uscire dal passato e proiettarci verso il futuro. L'Ulivo, caro Bersani, Letta, Bindi & company, era il punto da cui partire ...verso il PD. Indietro non si torna, neppure con una visione ulivista riveduta e corretta...noi siamo SOLO democratici e la nostra storia politica nasce col PD: prima non c'è ....nulla! PD e basta!
commento di Jac_90 inviato il 19 luglio 2009
qualcuno può ricapitolare meglio i punti programmatici e le idee di Franceschini che la sintesi sul network non è chi sia fatta al meglio ?!?!?


cmq c'è bisogno di cambiamento , una Sinitra del XXI può nascere solo da una "svolta pragmatica" ( quindi cambiamento , visto che in Italia c'è il politichese e no la politica ) e no dalla "canzone popolare" cristo santo !!!!
commento di colapesce inviato il 19 luglio 2009
Se tutti quelli che sembrano così preoccupati per le sconfitte della sinistra fossero davvero stati elettori della sinistra avremmo sempre vinto alla grande.
commento di Magar inviato il 19 luglio 2009
Aho, 'sta boarata farsesca sugli "intellettuali che difendono i carnefici immigrati" l'ha pure spammata su tre contributi, affinché tutti potessero leggerla e sentirsi al bar sport.
commento di scossone inviato il 18 luglio 2009
Le ragioni delle sconfitte della sinistra sono molteplici e non sono da addossare tutte solo ai vertici dei partiti, ma anche molti militanti soffrono di questo morbo che giace nella mentalità della sinistra ed anche nella politica dell'attuale PD.

Buona parte dell'elettorato di sinistra che non si riconosce più nei valori e nella politica dell'attuale sinistra, ha già deciso amaramente di abbandonare la propria fede politica per rivolgersi persino a destra dove partiti come PdL e Lega Nord li hanno accolti ascoltando le loro esigenze e dando loro delle risposte immediate e chiare!!!

Attualmente la sinistra è gestita da persone capaci di rappresentare solo se stessi e non sono in grado di ascoltare l'elettorato vero di sinistra, il ceto medio, i pensionati, i disoccupati, i lavoratori, gli operai!!!

Le ragioni di questa disfatta sono diverse:

- Gli intellettuali di sinistra, anche dinanzi a fatti eclatanti di reati ignobili commessi da immigrati e clandestini a danno della società italiana, fanno i moralisti prendendo le difese dei carnefici così abbandonando le vittime da sole nella loro disperazione quotidiana ed insultandoli di razzismo per il fatto di volersi difendere.

- Se provi a parlare dei tuoi problemi con un intellettuale di sinistra egli ti dissuaderà di parlare del tuo problema sminuendolo e facendoti credere che i problemi del mondo sono sempre altri e mai i tuoi!!!

- I politici e moltissimi militanti di sinistra pensano solo a se stessi perchè si muovono con la filosofia di un piccolo omino delegato di fabbrica che parla tanto alzando polveroni solo per ottenere un piccolo privilegio personale, una scrivania nuova, un permesso di ferie... e vuol far credere a chi gli sta intorno di lottare per loro!!!

- Attualmente il PD si è arroccato solo tra i suoi elettori dello zoccolo duro che è composto in gran parte da intellettuali (come sopra descritti), giovani universitari affini al mondo rasta, statali, pac
commento di Lorenzo_Firenze inviato il 18 luglio 2009

LA STRADA INTRAPRESA
Cioè distruggere il PD in 3 elezioni!

Fra le attuali candidature non c’è chi può togliere il PD dalla fossa in cui è finito

Fra i dirigenti del PD che vengono dal PCI Bersani ha sicuramente più meriti di altri, infatti hanno scelto lui come uomo di facciata, ma mon possiamo fare a meno di vedere dietro a Bersani alcune delle peggio figure che abbiamo nel PD: i Dalema e quelli delle scalate alle banche.

Non mi sembra che abbia fatto nulla di serio per distaccarsi da questo mondo.

La situazione di Franceschini con i Fassino, Marini, Fioroni ecc ecc non è molto meglio.

Si ripete per sostituti l’ennesimo duello tra Bersani-Dalema e Franceschini-Vetroni.


MANDIAMOLI TUTTI A CASA



PS: Marino bravissima persona, lo sceglierei come medico. Mi sembra che ultimamente tutto abbia fatto fuor che dimostrare che sia un buon segretario di un partito.



commento di scossone inviato il 18 luglio 2009
Sembra che il PD sia nato solo per litigare e fare solo congressi e primarie per contorcersi sempre di più su se stesso anzichè ascoltare il popolo di sinistra che chiede i fatti... determinazione, sicurezza, lavoro, giustizia, leggi chiare e severe contro l'immigrazione clandestina!!!!

I CONGRESSI E LE PRIMARIE SEMBRANO SIA IL SOLO SCOPO DI ESISTENZA DEL PD!!!
commento di colapesce inviato il 18 luglio 2009
Scusate se torno. Voglio precisare il senso di quello che diceva quel tale.
Una volta che lo abbiamo eletto, parlamentare, premier, sindaco ecc., si sentirà impegnato al massimo a fare ciò per cui lo abbiamo eletto (qualità del consenso). Selo avremo eletto perché si chiama Franceschini (o Marino o Bersani) si sentirà impegnato a continuare a chiamarsi Franceschini (o Marino o Bersani). Se lo avremo eletto perché non c'è dietro D'Alema si sentirà impegnato soltanto a tenere lontano D'Alema (e magari ci riesce). Se lo avremo eletto perché non ritorna all'Ulivo si sentirà impegnato soltanto a non ritornare all'Ulivo e magari a perdere le elezioni senza l'Ulivo.

PS
Quel tale si chiamava Libero Grassi e ha fatto un discorso simile durante una puntata del Costanzo show. Qualche giorno dopo è stato ucciso dalla mafia.
commento di colapesce inviato il 18 luglio 2009
Scusate però... Franceschini sì, Bersani no, Marino ni...
Cambiamento si, tornare all'Ulivo no...
Il vecchio e il nuovo. Il giovane e l'anziano. C'è dietro Veltroni, c'è dietro D'Alema.
Nomi, avverbi di tempo,
Ele proposte politiche? Franceschini ne ha fatte. Interessano? Le condividete? Se no, perché? Se sì perché?
Su YouDem TV si possono vederee ascoltare anche i discorsi recenti di D'Alema, Fassini, Bersani, Marino, Bindi, Bianco.
Su REDTV le interviste a Marino, Fioroni di Claudio Caprara.
Si parla di politica, di proposte, programmi, progetti, nell'ambito di queste primarie.
Interessano solo i nomi e le dietrologie? E poi c'è Grillo che, benché non dica niente di diverso da quello che il mio fruttivendolo dice da una vita sta prendendosi una fetta grossissima delle nostre attenzioni.
Un tale diceva che in politica ciò che conta non è tanto il consenso, ma la qualità del consenso.
Non chi votiamo, ma per cosa votiamo.
commento di Anpo inviato il 18 luglio 2009
Magari jac, magari, io ci starei subito.
commento di Jac_90 inviato il 18 luglio 2009
il vero punto è proprio questo : Franceschini propone il cambiamento , in ogni punto delle sue proposte .....di là invece c'è rosy Bindi che dice che dobbiamo tornare all' Ulivo .....cioè è una differenza abbissale che la gente non può ignorare....io continuo a rammaricarmi perchè Bersani è veramente un buon politico , ma purtroppo dietro c'è l'apparato che appunto "vuole tornare all' Ulivo"....proponiamo allora un ticket tra Franceschini e Marino , sarebbe un' accopiata perfetta....
commento di Anpo inviato il 18 luglio 2009
Scusa Numa, non ho certo interesse a difendere questo tizio (spero che la lettera di Neri abbia seguito) ma le cose vanno riportate con completezza.
Dal sito http://archiviostorico.corriere.it/2009/luglio/16/Iscritto_condannato_Germania_nuovo_caso_co_9_090716030.shtml

"Conte, invece, è stato condannato nel 2005 a un anno e 4 mesi per abusi sessuali su una paziente, una prostituta polacca di 26 anni. Un anno dopo la Corte d' appello ha ridotto la pena a 6 mesi, stabilendo che la donna era consenziente: in Germania è punito in ogni caso il medico che nel suo studio abbia rapporti sessuali con pazienti. La ragazza prima della sentenza di primo grado si uccise"

Inoltre. "Dalla Germania parte la denuncia alla Commissione di Garanzia del partito, che decide: Conte può restare nel Pd, ma non potrà ricoprire incarichi. «Dopo il pronunciamento della Commissione è cominciata la riabilitazione...», dice la lettera. E poi: «Conte è diventato il politico di riferimento in Germania di Chiocchetti»."
Tanto per dire che il tipo non ha enssun incarico ufficiale e che la commissione di garanzia lo giudica inelegibile

Poi fate voi..... scrivo solo per completezza
commento di Roberto Pantax inviato il 18 luglio 2009
STORIA DEL PD? Ma se è un partito che ha poco più di un anno.

Ma allora faccio bene a pensare che le motivazioni del respingimento di Grillo sono solo strumentali per allontanare una minaccia dal "fortino".

E poi la Commissione di garanzia, ma fatemi il piacere.

Altro che perdita di 1000 elettori il giorno .......
commento di Numa Pompilio inviato il 17 luglio 2009
Tommaso Conte, iscritto al PD, di professione medico, condannato
definitivamente a 6 mesi
di carcere, in Germania per un reato a sfondo sessuale nei confronti di una
sua paziente.
Tommaso Conte è stato scelto dal PD a rappresentare la comunità italiana
residente in
Germania, simpatizzante del PD e che vota nelle elezioni nazionali.
Ma la comunità italiana NON si sente rappresentata da questo zimbello, ed il
coordinatore di 18
circoli PD in Germania, l'insegnante Matteo Neri, ha inviato una lettera a
Franceschini per far
cessare lo scandalo ed esautorare Tommaso Conte.
Ma naturalmente Franceschini risponde "picche", così all'elenco dei
farabutti PD se ne aggiunge
un altro.
commento di fabio.cerritelli inviato il 17 luglio 2009
Veltroni è nato e cresciuto nel PCI; non mi sembra che debba dimostrare di condividere la storia del PD.....
Cmq ti lascio solo in questa disserzione, perchè alquanto inutile....
commento di Roberto Pantax inviato il 17 luglio 2009
Ma tutti quei discorsi che chi si iscrive ad un partito deve condividerne la storia, valeva solo per Grillo?

Ah, bene!
commento di fabio.cerritelli inviato il 17 luglio 2009
A me non interessa ora quello che dice Veltroni; è evidente che ha detto una fesseria, ha fatto un paragone che non ci sta, ma non ho voluto leggere l'intervista; sinceramente adesso me ne frego di Berlinguer e Craxi.
Franceschini ieri è stato convincente, chi abbia dietro non mi interessa.
In Sardegna ha vinto un signor nessuno senza programma perchè dietro c'era Berlusconi; noi smettiamola di spaccare il capello in 4; se Franceschini ha idee convincenti si vota, altrimenti si vota un altro, altrimenti si vota un altro partito.
Ma dire non voto Franceschini perchè Veltroni ha detto che un politico storico comunista morto è peggio di un delinquente socialista morto anche lui è un discorso contorto e non ha senso!
commento di Roberto Pantax inviato il 17 luglio 2009
Allora, spiegatemi questo:

VELTRONI, ad un recente convegno, ha elogiato, ma che dico, glorificato la figura di Craxi come grande statista nazionale ed internazionale, ridimensionando un grande come Berlinguer come, tra l'altro, uno che fece “sforzi insufficienti al processo di innovazione che bisognava mettere in campo”.

Ora, vorrei ricordare all'onorevole VELTRONI che il Sig. Berlinguer morì durante un comizio davanti a migliaia di militanti, mentre Craxi morì in Tunisia, latitante, con due mandati di cattura pendenti sul capo e due condanne definitive a 10 anni complessivi per corruzione e finanziamento illecito, più varie provvisorie. Insomma, che Berlinguer non rubava, mentre Craxi sì.

QUESTO E MOLTO ALTRO SUCCEDE NEL PD, altro che Grillo!

Perchè scrivo questo qui dove si parla di Franceschini?
Beh, non ditemi che qualcuno ancora pensa che dietro Franceschini non ci sia Veltroni, eh, perfavore non ditemelo.
commento di cristinasemino inviato il 17 luglio 2009
Cilloider, per ascoltare il discorso di Franceschini vai su youdem: è in bella mostra.
Ciao
commento di UZIK inviato il 17 luglio 2009
Gent.ma On. Debora Serracchiani,questo mio è un appello alla riflessione.
L'analisi del voto è una cosa importante,saper leggere i messaggi che mandano i "voti" è cosa utile,purtroppo negli ultimi tempi non si è visto una grande propensione all'uso di questa,pratica, da parte della dirigenza (sich!) del tuo partito.
Quando non esiste un messaggio politico tale che sia compreso dagli elettori Cittadini di questo paese,allora l'elettore nella sua scelta vota una persona rappresentativa delle sue aspirazioni,nel suo caso a torto o a ragione lei è stata rappresentativa del nuovo della voglia di cambiare Dai,un pò di coraggio c'è tempo e spazio per costruire qualcosa di nuovo...
Le grandi svolte sociali non sono derivate dalle tessere di appartenenza,ma dalle idee dalle parole...e dai conseguenti ..fatti.
Dai non offendere la tua e la nostra intelligenza,si vede lontano um miglio che le cose che dici ultimamente,non le pensi,ti stanno cambiando,....e se non ti dai una "scossa" ce la faranno,i tuoi interlocutori sono gli elettori che ti hanno votato ed altri potenziali fra i quali noi "scrittori" di questo blog,(anche a quelli pensano i tuoi "nuovi" amici della direzione).
Cara Serracchiani, capita che le dirigenze dei partiti (PCI,-->PDS-->PD) per far fuori qualcuno ricorrono allo statuto o alla "promozione" in direzione,insomma tu e Beppe siete le due facce della stessa medaglia,io ci sono passato da questa esperienza.
Dai,un pò di coraggio c'è tempo e spazio per costruire qualcosa di nuovo...
Per voi della direzione LASCIATELA STARE,,,conosciamo i vostri giochetti,i vostri discorsi,aria fritta ,,,presto verrà dal territorio una corrente che vi spazzerà via,corrente fatta di facce nuove e ideali VERI,...PARRUCCONI ANDATE VIA, il vostro dibattito sul segretario non ci coinvolge per niente,.. chiedetevi perchè se ne siete capaci,lo so per voi riflettere sulla condizione di noi Cittadini è una cosa che non avete mai fatto..
Giaoooo Clau
commento di lancillotto8777 inviato il 17 luglio 2009
fuffa
commento di kapuvacante inviato il 17 luglio 2009
a parte la ragazza...ho ascoltato il discorso di franceschini e trovo che sia stato coerente con il suo percorso di segretario. abbastanza concreto su molti punti, soprattutto le linee guida del partito, meno su altri come scuola pubblica e sanità pubblica che secondo me hanno bisogno di meno retorica e più concretezza! nel complesso mi è piaciuto e sono d'accordo nel complesso. aspetto di sentire gli altri due, specialmente marino, per dare un parere convinto.
commento di fabio.cerritelli inviato il 17 luglio 2009
In effetti la ragazza non aveva grandi capacità oratorie. Però almeno non si è presentata in minigonna e tacco 12!!
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
6 marzo 2008
attivita' nel PDnetwork