.
contributo inviato da cilloider il 10 luglio 2009

  Già ora mi aspetto le ire di tutti  i Franceschini-boys.

 
 
 
Ma Vi esorto di aspettare prima di innervosirVi.
 
Franceschini Lei è un buon leader,  sarebbe stupido e disonesto non ammetterlo, anche da chi come me non la ha mai appoggiata.
 
In fondo Lei in quanto  "Dictator rei gerendae causa"  ha svolto pienamente il suo ruolo, anche se non si può certo  esentarLa da critiche, già ampiamente espresse e su ampia scala, in questo network.
 
Merito Suo Franceschini l'aver saputo arginare l'emorragia di consensi dopo la "fuga" di Veltroni.
 
Franceschini ha saputo imporsi nei dibattiti televisivi, sempre più difficili ed avversi, ha fatto anche qualche "errore comunicativo", tuttavia in questo "sistema mediatico" chi non li farebbe?
 
Da canto mio ho pesantemente La ho pesantemente rivalutata:  ho scoperto un leader valido, onesto e con la giusta prontezza di tendere la mano ai bisogni del paese.
 
Ok per onestà non Le perdono la "mollezza" mostrata davanti al "caso Englaro",  parzialmente arginata con l'appoggio alla candidature della Serracchiani. (anche se anche in questo ero contrario).
 
Considero la Sua candidatura per le primarie una scelta doverosa, motivata dalla giusta ricerca di un consenso popolare che Le spetta Caro Segretario..
 
Tuttavia ora il palcoscenico delle primarie si è arricchito di un nuovo attore : Ignazio Marino.
 
Ho letto l'ultimo dei Suoi articoli Caro Segretario : " Green Economy per la ripresa", pur in un liguaggio atecnico  l'ho trovato un buon articolo con validi e fondati propositi.
 
A questo proposito non crede che una personalità come Ignazio Marino sia "semplicemente" più idonea per confrontarsi doverosamente con i tecnicismi necessari per formare in Italia una Green Economy?
 
In fondo come dice Lei, la Green Economy è un fenomeno paragonabile all'avvento dell'informatica di massa nei primi anni 90....peccato non aver avuto allora, Renato Soru nelle file dei Ds..non crede?
 
Inutile ricordare i trascorsi accademici e di ricerca di Marino, ognuno di noi è consapevole dei meriti professionali di questo personaggio, ma quello che vorrei evidenziare è che siamo in una fase "cruciale" dell'economia italiana, dove la politica non deve essere inadeguata nel confrontarsi con lessici e linguaggi tecnico-scientifici...un Leader  che sappia districarsi in questo "mondo" ai più sconosciuto e lontano, risulterebbe sicuramente più adeguato, anche di Lei e della suo meritevole impegno.
 
 
 
 
Caro Segretario La esorto quindi di ritirare la Sua candidatura ed di appoggiare Marino.
 
Ma il suo appoggio non deve essere incondizionato; Lei più di chiunque altro è l'espressione di come si possa conciliare una fede cattolica con i sani principi laici, Lei può essere il giusto e autorevole interlocutore di tutte quelle persone che da sempre slegate da biechi clericalismi, lavorano quotidianamente per il bene del prossimo professando la loro fede cristiana.
 
Il suo ausilio è INDISPENSABILE, per dare dignità e compattezza al Pd, persone come Lei possono dare lustro allapolitica italiana, è anche per questo che La esorto a ritirare la sua candidatura.
 
Un gesto FORTE, dove la rinuncia diviene esaltazione di quello spirito d'innovazione che Lei insegue, ma che Marino incarna.
 
Veda Lei Caro Segretario ..........se crede che la Sua formazione non di certo priva di ovvi debiti politici possa essere la giusta risposta per questa cruciale congiutura ...va  bene io rispetto la sua opinione.
 
Tuttavia sono sicuro .........tra 4 anni non sarà Berlusconi a vincere le elezioni...NE SONO CERTO!
TAG:  FRANCESCHINI  MARINO  PD  SFIDE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
23 febbraio 2009
attivita' nel PDnetwork