.
contributo inviato da Pierpaolo Farina il 6 luglio 2009

 

Stampa Estera Morbosa? Non pervenuta. Almeno sul Tg1. Se il premier in una nota fa sapere che “la stampa estera morbosa pubblica menzogne su di me”, invocando complotti, foto-ritocchi e privacy sugli oltre 5000 scatti del fotografo Zappadu (alcune delle quali apparse sul quotidiano spagnolo El Pais, nelle quali si può notare l’erezione dell’ex-ministro ceco Topolanek, nudo in mezzo alla villa), il Tg1 di Minzolini (soprannominato Scodinzolini da Marco Travaglio per la sua ossequiosa osservanza dei diktat governativi) non riporta nemmeno la notizia.

È accaduto ieri sera, è accaduto anche stasera. Questo a riprova dell’imparzialità e della trasparenza intellettuale del direttore del Tg1, noto per le sue rubriche su Panorama, settimanale della famiglia Berlusconi, e della qualità del Tg1, che da quando è arrivato Minzolini, perde una valanga di ascolti a favore del Tg5.

Il TG1 non riporta la notizia del comunicato, ma apre con palpitanti immagini della preparazione ferrea e determinata del G8 tra case che sbucano dal nulla o riadattate alle esigenze dei grandi della terra: si dimentica però di ricordare che la stampa estera parla di “logistica da capogiro” e di scelta inopportuna quella di portare i grandi della terra in una zona non solo gravemente colpita dal terremoto, ma tutt’ora interessata da uno sciame sismico di intensità sempre crescenti.

Essendo nuovo del mestiere, come lo ha difeso il direttore generale della Rai Masi, Minzolini si muove con i piedi di piombo e quando si trova di fronte ad un bivio, decide di imboccarlo senza esitazioni: se c’è una notizia che potrebbe anche solo indurre qualcuno a farsi delle domande sull’operato del governo, lui la salta o la sposta in coda al telegiornale. Come si può sbagliare così?

Ed è fantastico ammirare certi miracoli dell’ingegneria chirurgica, quando si riesce a parlare di un tale Tarantini e dello scandalo che ha scalfito un ex-assessore della giunta Vendola (senza dire che è stata completamente azzerata), senza nemmeno nominare la D’Addario e le altre escort che quel signore forniva per le festicciole del premier.

Insomma, tanto tempo per incalzarli, addirittura Di Pietro chiedeva il licenziamento per giusta causa e D’Alema parlava di televisione sovietica, quando sarebbe bastato avere fiducia: il fido Minzo fa tutto da solo, senza nemmeno farselo chiedere.

Mi vengono in mente le parole di Montanelli, a proposito della prima occupazione berlusconiana della Rai: “Non ci meraviglieremmo se nella corsa alla piaggeria i nuovi officianti della Rai batteranno quelli della Fininvest: come sempre i conversi superano, nello zelo, i veterani.

E, infatti, così è.

TAG:  TG1  ZAPPADU  PREMIER  BERLUSCONI  STAMPA MORBOSA  GOVERNO  REGIME  CENSURA  COMUNICATO  MINZOLINI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
8 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork