.
contributo inviato da raffaeleinnato il 5 luglio 2009

L'ennesimo atto di violenza razzista perpretato a Roma, vittima dell'aggressione avvenuta nella zona di Monteverde a Roma un cittadino congolese, rifugiato politico, dovrebbe far riflettere questa destra al governo, che buona parte di questo malessere è dovuta ad una politica di paura e xenofoba promossa da una destra conservatrice, atta a legittimarsi come unica forza di contrasto allo straniero "cattivo".

Alemanno è diventato sindaco grazie alla sua campagna sulla sicurezza. Ogni volta che a Roma c'era uno stupro, una violenza, la colpa l'addebitava al sindaco Veltroni, colpevole di non essere garante della sicurezza. Adesso il sindaco di Roma è diventato Alemanno, e gli stupri e i reati di violenza continuano, con aumento dei reati di razzismo. Sarebbe il momento di essere coerenti, di prendere la decisione saggia e dimettersi, perchè la sua politica di denigrare l'avversario l'ha portato a diventare sindaco, ma non a garantire quella sicurezza che tanto la destra sbandiera, ma che invece di assicurare tutti i cittadini di qualsiasi colore e provenienza ad una convivenza pacifica e di tolleranza, la trasforma in una stupida guerra di inciviltà, col risultato di far sentire il popolo più insicuro e più violento.
Raffaele Innato
 
TAG:  DIMISSIONI  COERENZA  XENOFOBIA  RAZZISMO  VIOLENZA  SICUREZZA  INCIVILTÀ  SAGGEZZA  STUPRI  REATI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di cristinasemino inviato il 6 luglio 2009
La cosa più sconvolgente è che tutti i media sorvolano in modo ignobile sugli ultimi episodi di violenze, uccisioni e stupri, avvenuti a Roma, mentre, all'epoca di Prodi, aprivano tutti i TG con queste notizie, che venivano poi approfondite fino all'inverosimile.
Purtroppo questa è l'Itala di Berlusconi e per ora c'è poco da fare.
commento di Alezeia inviato il 6 luglio 2009
Alemanno è un altro che ha la faccia di bronzo...aspetta e spera....
commento di Anpo inviato il 5 luglio 2009
Il sindaco Tentenna invece si preoccupa di intitolare strade al corruttore Craxi e allo xenofobo Almirante.
che vuol fare ora? Parlare ancora di bullismo come quando alcuni ragazzi tentarono di bruciare vivo un immigrato?
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
25 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork