.
contributo inviato da stef1 il 3 luglio 2009
 Dichiarazione ripresa dalle principali agenzie
Lodo Alfano, Ceccanti (Pd): Mazzella e la lettera di Miers
Roma, 02 LUG (Velino) - "La lettera del giudice Mazzella al presidente Berlusconi mi ha fatto venire in mente un'altra lettera, quella inviata a fine ottobre 2005 dalla giudice della Corte Suprema Harriet Miers, designata da Bush, al presidente con cui rinunciava alla nomina, togliendo Bush dall'imbarazzo". Lo dichiara il senatore del Pd Stefano Ceccanti che spiega: "Era infatti accaduto che i senatori, che dovevano esprimere il parere sulla nomina, per capire il suo grado di effettiva indipendenza dal Presidente che la proponeva, avessero richiesto i documenti della casa Bianca relativi alle consulenze svolte per Bush. Il presidente della Commissione senatoriale competente, il repubblicano Specter, aveva sostenuto che andasse puntualmente verificata l'inesistenza di "favoritismi" nei confronti di Bush per poter procedere alla nomina. Miers rinuncio' dato che la Presidenza non voleva divulgare i documenti al Senato, in nome della separazione dei poteri, anche perche' si trattava di pareri giuridici su casi scottanti come quello del trattamento dei prigionieri di guerra in Irak, su cui essi avrebbero potuto rivelare una violazione delle leggi contro la tortura votate ad ampia maggioranza. Come rilevo' su 'Il Giornale' Alberto Pasolini Zanelli - aggiunge Ceccanti - e' il 'galateo che regola certi passaggi difficili'. Un galateo che francamente in Italia sembra del tutto assente anche perche', se e' vero che la Corte non deve decidere su Berlusconi, e' anche vero - conclude - che deve decidere su una norma pensata ad personam per Berlusconi". (com/elb) 021655 LUG 09 NNNN
TAG:  CECCANTI  CORTE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di rebyjaco inviato il 3 luglio 2009
L'Italia, non è UN PAESE CIVILE. (se per civiltà s'intende rispetto reale delle leggi e no leggi A MISURA DI DELINQUENTI). Questo è il NOSTRO PAESE, questa è la realtà del NOSTRO PAESE. I Giudici sono eletti un po' da "" TUTTI "", è normale che chi è stato eletto da Berlusconi, abbia la stessa visione "" MORALE "" di Berlusconi, sulla vita e sulle regole? di convivenza civile. La Giudice che Berlusconi contestava nel processo Mills, NON POTEVA CONSIDERARSI IMPARZIALE, adesso, senza dirlo, LUI ha buon gioco a giustificare i ""Propri acquisti"" sotto forma di ""democrazia?"" non saprei come chiamarla. Purtroppo per troppo tempo, una parte della politica si attribuiva una ""verginità "" che non praticava, TUTTI avevamo creduto a questa ""verginità"". QUESTI dirigenti inqualificabili, sono ancora sulla breccia in attesa di presentarsi come candidati al Premio Nobel degli Onesti. Cacciamo i nostri "" Mercanti dal Tempio "" se vogliamo recuperare credibilità.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
9 maggio 2009
attivita' nel PDnetwork