.
contributo inviato da FrancisPAC il 24 giugno 2009

Così i giovani iraniani si trovano da soli ad affrontare il regime sanguinario. 

La sinistra può ripartire anche da questo fronte, da questa lotta per la libertà, da questa battaglia per la democrazia. La sinistra muore se non è riformista. La sinistra muore se non ha vice per aiutare i deseredati. La sinistra muore se non sa agira dinanzi l'indebita violenza come quella iraniana.

Cari amici, questo è il momento della rinascita. Si può fare. Ecco, ma bisogna cominciare da qualche parte. La destra delle" libertà" fino adesso non ha fatto sentire la sua voce, ed è pure al potere. Tutto perchè l'Iran ha grandi accordi economici con l'Italia. In ogni modo, il Governo italiano deve fare sentire la sua voce. Il problema è che ha le mani sporche: xenofobia, razzismo di Stato ed altri mali.

Uomini si nasce, RIFORMISTI SI RICONOSCE NELL'AZIONE. Dov'è sono le forze riformiste d'un tempo? Manca quella sinistra. Da qui si può rinascere.

Un apello ai giovani democratici: "A partire di domani usiamo il verde del PD, della speranza, dell'estate iraniana". Quei giovani hanno bisogno d'aiuto.

 

TAG:  IRAN  AHMADINEJAD  CRISI UMANITARIA  ORRORE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
20 maggio 2008
attivita' nel PDnetwork