.
contributo inviato da loriscosta il 24 giugno 2009
Prima l'aveva detto chiaramente solo Fassino, oggi, su La Stampa e sul Riformista, lo dice anche Chiamparino. Al Pd serve un tagliando, mica un congresso.

Adesso che Berlusconi può cadere, che la situazione può precipitare, che siamo ad una svolta, che è iniziato il declino del Premier. Quando se non adesso?

L'anno prossimo ci sono le regionali (Abruzzo e Sardegna sono alle spalle, magari solo sulle spalle dell'ex Segretario, mai sul quelle dell'ex vice-Segretario).

Da La Stampa:

Nessun rinvio, in autunno le assise.
Al via la sfida Franceschini-Bersani.
Di Pietro: «Ora si diano una mossa»
ROMA
Il giorno dopo i ballottaggi non c’è più tregua che tenga, la campagna precongressuale entra nel vivo, la lettura dei risultati delle amministrative assume sfumature assai diverse nelle varie "correnti" del Pd e l’ipotesi di un rinvio del congresso, sussurrata da varie settimane qua e là, viene pubblicamente avanzata (in un'intervista a La Stampa) da Sergio Chiamparino.

Un’idea che non è solo nella testa del sindaco di Torino, sono in molti nel partito a mostrarsi freddi rispetto alla conta tra Dario Franceschini e Pierluigi Bersani e non è certo un caso che siano stati proprio loro due a chiudere la porta rispetto a ipotesi di rinvio. I due hanno parlato oggi della vicenda a quattr’occhi, dopo la segreteria e alla fine hanno pronunciato parole simili. «Il congresso si farà in autunno come stabilito dallo statuto», ha detto il segretario al termine della segreteria che oggi ha esaminato il regolamento congressuale che verrà sottoposto al voto della direzione di venerdì. E Bersani, poco dopo, gli ha fatto eco: «Sono d’accordo con quello che ha detto Franceschini il congresso bisogna farlo».

I giochi non sono ancora del tutto chiusi, alla direzione di venerdì più d’uno solleverà la questione. Anna Finocchiaro pare intenzionata a chiedere un «confronto di idee e non una conta sulle persone», un dibattito capace di mettere in capo una proposta politica del Pd in vista delle regionali. Ma allo stato sembra difficile che il rinvio possa concretizzarsi. Certo, nelle dichiarazioni di diversi dirigenti non si fatica a trovare perlomeno freddezza rispetto all’ipotesi del congresso a ottobre: «Eviterei ora di aprire il dibattito tra chi vuole rinviare il congresso e chi non vuole», dice Latorre. «C’è una riunione della direzione, se qualcuno avanzerà la proposta se ne discuterà». Massimo D’Alema, del resto, non nasconde la sua freddezza, prima usa la sua abituale ironia («Hanno esaminato il regolamento congressuale in segreteria? Allora hanno già deciso...»), poi aggiunge: «In direzione ci porteranno la proposta della segreteria e la voteremo. È raro che io voti contro gli organismi dirigenti. Sono sempre allineato, è una regola di vita». Non proprio quello che si definirebbe un convinto sostegno all’idea di andare al congresso subito.

In realtà, raccontano che l’ex ministro degli Esteri da tempo non consideri affatto un’eresia l’ipotesi di un rinvio del congresso. Ma viene anche spiegato che per D’Alema, al punto in cui siamo, si potrebbe arrivare a questa decisione solo se dovesse precipitare la situazione del Governo o, in alternativa, se ci fosse una sostanziale unanimità nel partito. Unanimità che, come è apparso evidente dalle dichiarazioni di oggi di Franceschini e Bersani, al momento non c’è affatto. È vero che secondo qualcuno anche Franco Marini avrebbe visto di buon occhio una soluzione di transizione capace di evitare una conta. E sullo stesso Piero Fassino, che pure è stato tra i grandi elettori di Franceschini, c’è la pressione di alcuni dei suoi, da Antonello Cabras a Fabrizio Morri, per tentare un rinvio. Ma l’ex segretario Ds non ritiene praticabile questa soluzione, pensa che solo in caso di una situazione di emergenza, come una crisi di governo, si potrebbe pensare di congelare il congresso.

Anche la lettura del risultato dei ballottaggi offre sfumature diverse. Se Franceschini ieri aveva festeggiato l’inizio del «declino» del centrodestra, sono in molti tra gli ex Ds ad apparire molto meno entusiasti. Bersani riconosce l’onore delle armi a Franceschini per «l’impegno», ma aggiunge: «Nell’insieme - precisa - non è stato un risultato buono per noi, ma non tanto cattivo da impedirci di vedere che la destra deve ridimensionare le sue aspettative e che noi possiamo riprendere il cammino». E D’Alema sintetizza: «Non abbiamo vinto ma il centrodestra non ha sfondato e abbiamo tenuto molte posizioni importanti». Per l’ex ministro degli Esteri, semmai, il dato più importante è il successo dell’alleanza con l’Udc sperimentata in molte città pugliesi. Insomma, la partita congressuale è davvero al via, Franceschini dovrebbe annunciare ufficialmente la sua decisione a breve e Bersani ha oggi presentato le linee guida delle sue "Idee per il Pd e per l’Italia".

Il rinvio delle assise sembra difficile, al segretario, viene riferito, sarebbe stato proposto di prendere in considerazione un rinvio fino a dopo le regionali, ma Franceschini per ora non sembra affatto disposto ad accettare. Tanto più che secondo qualcuno la gestione del partito, nel frattempo, andrebbe affidata ad un organo collegiale più che al segretario in carica. Insomma, allo stato sembra proprio che la direzione di venerdì finirà per approvare il regolamento congressuale e avviare il percorso che porterà alle primarie del 25 ottobre per l’elezione del nuovo segretario. Intanto nel dibattito in casa democratica irrompe l'Italia dei Valori. «L’alleanza con l’Udc non è stata decisiva. Il Pd ha vinto dov’era alleato con l’Udc ma c’eravamo anche noi. Mentre in molti altri centri l’Udc era alleato con il centrodestra e ha perso, e il Pd ha vinto grazie a noi» dice Di Pietro facendo un’analisi del voto. E l'ex pm, in una conferenza stampa alla Camera, chiede al Pd di darsi una mossa: «Il Pd deve ancora decidere cosa fare da grande e deve fare delle scelte. Il Pd deve decidere con il congresso e con la classe dirigente che ha o che avrà». Il leader dell’Idv rincara la dose: «Sono mesi che il Pd non si fa sentire e d’altra parte non si sa con chi farsi sentire. Speriamo che si doti al più presto di una classe dirigente per costruire un’alleanza».

TAG:  LA STAMPA  PD  CONGRESSO  CHIAMPARINO  RINVIO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di clint333 inviato il 24 giugno 2009
COMUNQUE è OBBLIGATORIO NON RINVIARE. SEMMAI è da valutare seriamente l'ipotesi di ANTICIPARE.
Ora non ci vogliono voli pindarici, come ha fatto D'Alema, su alleanze etc, ora occorre che il PD assuma una sua IDENTITA', e che si scrolli di dosso fradici panni impregnati di tutto e un pò, da Berlusconi alla P2, dalle debacle romane dell'ex verde Rutelli alle prime cinematografiche di Veltroni.
Il paese è in ginocchio, datevi una regolata !
commento di clint333 inviato il 24 giugno 2009
Se non la smettete di fare la politica come nel medioevo affosserete voi e il partito per sempre ! Di leader, nel PD, non ne esistono (leader è colui che dà fiducia in modo empatico). L'unico che ha qualche parvenza di leader è FRANCESCHINI (Bersani, così come Fassino, ha competenze, ha il carisma per essere un buon vescovo, ma di leader non ha proprio nulla, chiedete a qualsiasi psicologo. Esistono solo altre tre alternative, tutte esterne al PD: PRODI, CASINI (UDC), DI PIETRO (IdV). Dovete scegliere uno dei quattro per un biennio, raggruppare in un comitato VERO 6 persone con i "controcoglioni" che abbiano competenze e voglia di lavorare, e uscire con una totale riorganizzazione del PD sul territorio, e con un programma VERO, BREVE, CHIARO ! Solo dopo che sarete in grado di dire chi siete (perché la crisi di identità è innegabile!) pensate alle alleanze. Farlo prima è da politici alla Mastella, e gli italiani preferiscono MAFIA e BERLUSCONI ai buffoncelli di quartiere !
commento di cristinasemino inviato il 24 giugno 2009
Berlusconi non cadrà e comunque, anche fosse, il congresso va fatto nei tempi previsti, cioè a ottobre.
Voglio sapere ORA che PD sarà e che programma di governo si darà.
Voglio sapere ORA chi sarà la guida per i prossimi anni e, soprattutto, voglio che si faccia chiarezza ORA sull'evoluzione di quel progetto riformista, per ora incompiuto, in cui tanto avevo creduto!
informazioni sull'autore
loriscosta
Albese con Cassano
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
17 settembre 2008
attivita' nel PDnetwork