.
contributo inviato da cerve87 il 16 giugno 2009

 Una petizione online, inviata anche al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e al presidente della Camera Gianfranco Fini, contro la costituzione della Guardia nazionale italiana (già ribattezzata 'ronda nera') è stata lanciata sul web, raccogliendo oltre mille firme in poche ore.

«I valori fascisti della Guardia nazionale Italiana, la ormai rinominata ronda nera, sono ormai realtà», è scritto nel testo che non giudica le ronde in generale, e quelle ideate dal Partito Nazionalista italiano in particolare, «un esperimento di democrazia». Anzi, «dare potere a queste ronde nere, e a tutte le ronde, è un affronto allo stato della democrazia - si legge nella petizione - un ritorno allo squadrismo fascista che non porterà nulla di buono». Il testo del blogger che per primo ha lanciato l'appello ha raccolto in poche ore 1.238 firme.

Intanto, anche la Procura di Torino ha avviato un'indagine sulla costituzione della Guardia Nazionale Italiana da parte del Movimento Sociale. Come quello di Milano, si tratta di un accertamento senza ipotesi di reato e dunque senza indagati, sulle cosiddette «ronde nere», partito circa un mese e mezzo fa.

Ma, sempre sul web è partita anche la discussione sui siti antifascisti sull'opportunità di costituire una Milizia Comunista Italiana. Nel testo apparso su IndyMedia l'autore propone «a tutti i militanti della sinistra extraparlamentare la costruzione della Milizia Comunista Italiana. Nel momento in cui in questo paese esistono e operano la Guardia nazionale padana e la Guardia nazionale italiana noi non possiamo permetterci di stare a guardare».

Da qui l'invito, anzi il «dovere dei comunisti e degli antifascisti di avere una propria Milizia che svolga un compito di 'vigilanza democratica' per evitare le tristi degenerazioni che conosciamo bene», continua. Nella discussione che si sta susseguendo con numerosi interventi si fa riferimento anche alla Volante rossa, agli Arditi del popolo e al Black Panther Party come modelli a cui ispirarsi.

Fonte: L'Unità

TAG:  RONDE NERE  PRESIDENTE  NAPOLITANO  FASCISMO  ANTIFASCISMO  MILIZIA  PROCURA  DEMOCRAZIA  LEGGE  GUARDIA NAZIONALE  PETIZIONE  REATO  INDAGATI  IPOTESI  REATO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di clint333 inviato il 16 giugno 2009
Maroni è un irresponsabile, e chi ha dato spago alla lega è un criminale. Non c'è altro da dire, mi meraviglio che Massoneria e potentati abbiano dato il loro benestare. Le camice grige sono una volgare provocazione, da cui tutti i partiti hanno preso le distanze, ma resta il fatto che le RONDE sono una iniziativa delinquenziale, che va ostacolata con tutte le forze, e che se dovesse essere ratificata significherebbe la perdita definitiva anche dei pochi barlumi di democrazia rimasti. Ma temo che al PD stia bene. Qui non solo manca la coscienza civile, ma anche quella personale ! Comunque sappi che Minniti ha espresso gravi preoccupazioni per l'andamento delle cose, ma non credo alle parole, guardo solo i fatti.
commento di LucaPat inviato il 16 giugno 2009
Che disastro che sta combinando questa accozzaglia lego-fascio-mafio-razzo-piduista; che fessi idioti, diciamoceli, gli elettori di Berlusconi !
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
6 giugno 2009
attivita' nel PDnetwork