.
contributo inviato da Pierpaolo Farina il 15 giugno 2009

 Prima di tutto vennero a prendere gli zingari
e fui contento perchè rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei
e stetti zitto perchè mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere gli omosessuali
e fui sollevato perché mi erano fastidiosi.
Poi vennero a prendere i comunisti
ed io non dissi niente perchè non ero comunista.
Un giorno vennero a prendere me
e non c’era rimasto nessuno a protestare.
(Bertold Brecht)

Oggi mentre andavo all’Università, su un muro c’era la scritta “E chi ci difenderà dalle Ronde?

Una domanda che ha un suo senso ben preciso, all’indomani della costituzione della Guardia Nazionale, battezzata a Milano con svastiche, saluti romani e divise naziste.

Dopo aver tagliato del 40% i fondi alle forze dell’ordine, in barba alla maggior sicurezza, il Governo, del quale la Lega detiene la Golden Share, istituisce i volontari della sicurezza, cittadini che si impegnino a vigilare le strade al posto dei poliziotti.

Prima hanno disseminato 3000 soldati bandierina in giro per l’Italia, senza veder diminuito di uno zero virgola i reati, che continuano a crescere, adesso mandano in giro le polizie di partito, che, se dovesse passare il referendum, potrebbero riunificarsi in una fantomatica Polizia della Libertà.

Tra Putin e l’amico Gheddafi, due sinceri democratici, Berlusconi deve aver capito come si mantiene sotto controllo il popolo insofferente alla stasi di un Governo che non fa nulla per superare la crisi: i dissidenti prima si allontanano dal video (e se una cosa non c’è in tv, significa che non esiste), poi se fanno casino si prendono a manganellate, se proprio non capiscono, li si fa prendere a calci dalle ronde.

I cristiani, molto coerenti con i propri ideali, sinceramente se ne fregano, soprattutto quelli di Comunione e Liberazione: perché non votare Berlusconi, quando ci tutela economicamente e obbedisce ai diktat vaticani? In fondo, cosa può essere mai qualche ronda, di fronte alla fantastica opportunità di veder moltiplicati appalti e commesse alla Compagnia delle Opere, laddove il Pdl vince soprattutto grazie a CL?

Un’opposizione normale, progetterebbe già una manifestazione prima dell’estate contro il Governo, anzitutto contro il bavaglio a giornali e magistrati e via discorrendo, fino all’insensata norma che salva Rete4 e impone a Rai1 di cedere alcune delle sue frequenze ad Europa7.

Vedremo dopo i ballottaggi cosa accadrà, sta di fatto che segnalo la notte bianca “No Bavaglio”, a Roma, l’8 luglio 2009, alla quale sono invitati a partecipare tutti gli esponenti dei partiti e promossa da Antonio Padellaro e Marco Travaglio, fondatori de “Il Fatto”, il nuovo giornale libero e indipendente che partirà a settembre.

Chi ci difenderà dalle ronde, insomma? La nostra coscienza, ma anche la convinzione che non si va da nessuna parte da soli, ma bisogna agire tutti insieme con una lotta comune, un’opera corale, che passa anche con le manifestazioni in piazza.

Qualche radical-chic non ama il ricorso alla piazza: ricordo che la piazza è lo strumento principale con il quale la sinistra è sempre entrata in campo contro i conservatorismi e le ingiustizie; già abbiamo perso l’egemonia culturale, già ci siamo impegnati a fondo per cancellare le nostre radici, se ci togliete anche la piazza, chi ci difenderà dalle ronde?

Nessuno.

TAG:  RONDE  GUARDIA NAZIONALE  GOVERNO  P2  PDL  PD  BERLUSCONI 

diffondi 

commenti a questo articolo 2
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
8 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork