.
contributo inviato da _Eli_ il 14 giugno 2009

Che vogliamo fare, ne vogliamo parlare delle Ronde Nere del MSI?
Chè poi non è sempre facile capire in questo paese cosa sia farsa e cosa tragedia.
A sentirla così sembrano ancora più folcloristici delle ronde padane, si stenta a credere.

Mi sembra però che ultimamente accadano molte cose che "si stenterebbe a credere".
E, anzi: è un pò di anni che accadono, e ogni volta abbiamo "stentato a credere", e poi marginalizzato la cosa nelle menti, sicuri, chissà perchè, che il fascismo debba per forza ripresentarsi con le marce su Roma e l'olio di ricino.
Mi sa che così non è, mi sa che l'olio di ricino sia stato solo surclassato da prodotti più moderni, ma poi, in realtà, l'effetto sia lo stesso. Mi sa che il fascismo è qui, presente. Minoritario, forse. Ma si insinua. E non so neanche se Silvio sia solo un inconsapevole, per quanto interessato, passacarte.

Il fascismo è nel sistema produttivo, nel sistema informativo, nel degrado cittadino (aumenta scientificamente il disordine perchè poi si possa chiedere "più ordine", e quando il disordine è tanto, si sa, non si può più guardare tanto per il sottile nel rimettere ordine).

Sono presa da un attacco di pessimismo cosmico, avrei tanta voglia di lasciar perdere (ma chi me lo fa fare, mi sto chiedendo? Ma sto forse acquisendo meriti? Raggiungendo risultati? Macchè. Anzi: diventi pure noiosa, a parlare sempre di politica...ma quand'è che finalmente parliamo di moda, vestiti e scarpe? Oppure, chessò, dell'ultimo gossip di quartiere e di rione? E perchè sto a perdere tempo in sezione, ops: circolo, invece di andarmene in palestra, all'istituto di bellezza o dal parrucchiere? Ma sì, che vuoi che sia, ronda nera meno, ronda meno più, non assalteranno certo i negozi di parrucchiere...)
.........................
.........................

Vabbè.
Mettiamo che mi riprenda.
Mettiamo che mi passi il pessimismo cosmico.
Mettiamo che non mi senta così sola a parlar male delle Ronde Nere, e di tutto il peggio che ci circonda.

Ecco, se riuscirò a trovare un modo per risalire nell'umore, dirò che sono d'accordo con questa roba qui che hanno scritto "Gli Antoni" Alfredo e Giorgio:
http://l_antonio.ilcannocchiale.it/2009/06/12/
congresso_vero_diffidate_dalle.html

anche se non so affatto ciò che accadrà, e mò sò troppo pessimista per immaginare un futuro.

Se e quando riemergerò dalla malinconia dirò pure che NON SONO D'ACCORDO con quel compagno del mio partito e della mia sezione che mi chiede su feisbuc polemicamente "chi abbia deciso di far venire Gianni Cuperlo", cioè: UN DIRIGENTE DEL NOSTRO COMUNE PARTITO, a parlare in sezione, ops: circolo. La domanda sarebbe legittima se l'esecutivo del circolo avesse deciso di far parlare Storace (quella sì, sarebbe una scelta politica da discutere per mesi). Dò per scontato che una sezione, ops: circolo, del partito democratico sia la casa di tutti i democratici, IVI COMPRESI I DIRIGENTI, senza che ogni volta si debba fare una polemica, per quanto ne comprenda -ma non ne giustifichi- il contesto pre-congressuale.
Peraltro, quando mi riprenderò in sentimenti, dirò pure che io non feci alcuna polemica quando un altro segretario, e un'altra segreteria, decise di far venire, nello stesso posto, Maroni, che non è esattamente un dirigente del Partito democratico, nè dei DS -all'epoca eravamo DS.

Se mi riprendo, eh?
E sennò martedì me ne vado dal parrucchiere, e avrei pure bisogno di una ceretta, di un massaggio rilassante e di parlare del niente...

Buona domenica :-)    
    

TAG:  RONDE NERE  PD  PESSIMISMO COSMICO 

diffondi 

commenti a questo articolo 28
informazioni sull'autore
_Eli_
Roma
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
21 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork