.
contributo inviato da valeriopieroni il 10 giugno 2009
Se c'è una cosa che il presidente del Consiglio ha saputo fare molto bene in questi mesi è stata quella di disinnescare tutti gli scandali che via via ha trovato lungo il suo cammino.

E' stato un intero anno di niente. Buttato. Questo è il risultato. Tanta propaganda, promesse, omertà e censura sui media, quella sì.

Per il resto, una catena di fallimenti: Robin Tax, social card, Malpensa (e quì si ride: Malpensa era uno dei primi obiettivi della Lega, ma oggi è ridotta a una bocciofila...però i padani li votano lo stesso, quindi non so se fanno più ridere loro che gli esprimono ancora la preferenza).

E il resto? La spazzatura pare non si sia mai spostata dalla zona di Napoli, l'inceneritore di Acerra è ancora chiuso, i terremotati sono ancora in tenda e credo ci passeranno parecche stagioni (in attesa delle...town?). Alitalia invece si è rivelata un enorme bluff (costo dei voli triplicato per i cittadini e 3 miliardi di debiti accollato a noi).

Il PIl è in caduta libera, l'indutria al collasso, i Tremonti Bond per aiutare i finanziamenti alle imprese...chi li ha visti?? gli ammortizzatori sociali una fantasia, la lotta alll'evasione fiscale una barzeletta: insomma un governo fallimentare su tutto.


La maggioranza, infatti, avrebbe dovuto mettere nero su bianco le cose da fare. Invece, non solo i buoni proposti sono rimasti tali, ma sono stati anche clamorosamente smentiti. Basti pensare, per esempio, al dichiarato impegno in favore dei cittadini colpiti dalla crisi.

Dove sono le annunciate misure che avrebbero dovuto tutelarli? Nessuno lo sa. Di certo però ogni giorno tutti noi dobbiamo fare i conti con i prezzi dei generi di prima necessità, letteralmente impazziti, con le tasse e i vari balzelli, con il rincaro delle tariffe di luce, acqua e gas, e della benzina. Si tratta di aumenti che riducono di molto il potere d'acquisto.

Intanto è già tempo di presentare il Dpef e i numeri evidenziano che le spese sui conti 2010 ammontano all'iperbolica cifra di ca 30 miliardi di euro. Buona parte dell'aumento del fabbisogno è dovuto al fatto che l'unico modo per tenere insieme la maggioranza di centrodestra è quella di accontentare le sue diverse componenti, allentando i cordoni della spesa pubblica che a questo punto diventano una voragine.

Il resto, invece, è storia dei nostri giorni...
TAG:  GOVERNO  PIL  PROPAGANDA  LEGA  ALITALIA  AMMORTIZZATORI SOCIALI  PDL  MALPENSA  CRISI ECONOMICA  INCENERITORE  ACERRA  MONDEZZA  FALLIMENTI  ROBIN TAX  SOCIAL CARD  PADANI  TREMONTI BOND  12 MESI  NAPOLI TERREMOTATI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
5 marzo 2008
attivita' nel PDnetwork