.
contributo inviato da pdsanbasilio il 5 giugno 2009
I lavoratori italiani stanno capendo come Berlusconi gioca con la vita della gente e con i soldi dei contribuenti per conquistare consensi nel Paese.

Basti vedere come hanno rovinato la scuola dei propri figli, con la disoccupazione ed il precariato giovanile, con il disagio degli anziani, con l’assistenza sanitaria sempre più privatizzata, con i servizi sociali affidati alle buone intenzioni del volontariato, con una società sempre più lontana dai bisogni della popolazione più debole e arroccata in difesa del suo status, dove chi è ricco sarà sempre più ricco e i più deboli abbandonati al loro destino, dove il valore della solidarietà è un annuncio con poche speranze di essere praticato concretamente.

Vedere come anche a Roma, la Giunta Alemanno sta rovinando questa città sempre piu' chiusa, insicura, dove il lavoro fatto dalle giunte di centrosinistra è smantellato dalla ciecità della destra incapace e inconcludente, basti vedere come viene gestità la questione Metro.

I Governi europei affrontano la crisi sostenendo e difendendo in tutti i modi la propria economia,  il Governo Berlusconi, al contrario, nega l’evidenza e la gravità della crisi, attardandosi in polemiche inutili o attribuendo le responsabilità negative ai suoi oppositori che lo perseguitano, sperando che ”passi la nottata”; in altre parole confidando nella capacità di autogestione del popolo italiano.

E’ troppo occupato dai suoi interessi, dai compleanni e dai festini con le sue veline, per la promozione di una nuova classe dirigente nel Paese che sia a sua immagine e somiglianza, proveniente dal “SUO SULTANATO”, per potersi occupare dei problemi dei cassintegrati, dei disoccupati, dei giovani che non avranno una pensione, degli anziani ormai alla fame, di coloro che non possono pagare il mutuo e perdono la casa, in un Paese dove la crisi della piccola impresa, vero asse portante dell’economia nazionale, rischia di crollare in maniera drammatica, malgrado questa costituisca buona parte del suo elettorato.

Questo signore, votato dagli italiani illusi delle tante promesse , è troppo preso dalla cura della sua immagine per potersi occupare dell’Italia.

L’Europa con il suo Parlamento è il luogo dove si decidono le direttive ed il modello di sviluppo della società, garantire una presenza qualificata a tutela del mondo del lavoro che noi vogliamo rappresentare è fondamentale, per cui invitiamo tutti i lavoratori e tutti i cittadini, soprattutto nelle periferie a votare.

                                                    il 6 e 7 giugno scrivi: 

                                                            LAURELLI
                                                                MORI
                                                            CIOFFREDI

TAG:  ELEZIONI EUROPEE  LAURELLI  MORI  CIOFFREDI  PD SAN BASILIO  PARTITO DEMOCRATICO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
12 luglio 2008
attivita' nel PDnetwork