.
contributo inviato da karmapolitico il 5 giugno 2009
Qualcuno si ricorda della legge sulla par condicio?
Certo se ne ricorda Berlusconi quando in qualche talk show qualcuno lo critica.
Pretende puntate riparatrici, nel senso che deve essere riparata la distrazione dei suoi servi direttori di testata che non hanno bloccato sul nascere qualunque critica al dittatore.
Quando però si è sotto elezioni allora addio par condicio.
Quella legge non è riuscito ad abrogarla (o forse gli faceva comodo tenerla) ma la viola allegramente occupando continuamente la TV e facendo campagna elettorale anche indirettamente, facendo cioè apparire il simbolo del suo partito dietro di lui anche quando parla d'altro.
Certo in questo periodo, con le accuse e gli scandali, una persona normale cercherebbe di tenersi defilato, di non apparire quotidianamente. Affiderebbe il messaggio elettorale ai valori di partito, ad altri testimonial.
Ma Berlusconi è un dittatore e questo suo violare la legge davanti a tutti ha un senso preciso:
Io sono il capo e faccio quello che voglio, sono al di sopra di qualsiasi legge, quindi sottomettetevi senza tante storie e senza tante domande perchè ho altro da fare che dare conto a voi di quello che faccio

quelli che credono alla TV sicuramente crederanno a questo messaggio e adegueranno il loro animo servile
TAG:  BERLUSCONI  DITTATORE  PAR CONDICIO  ARROGANZA 

diffondi 

commenti a questo articolo 2
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
28 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork