.
contributo inviato da Otaking il 24 maggio 2009

Non vorrei che il mio primo post venga visto come una confessione...ma più come "un primo passo" (tanto per essere coerenti col titolo del blog) del mio neo-interesse per la politica, non vista come argomento fine a se stessa, ma come uno strumento.
Non ho mai avuto particolare attenzione per la politica, tuttavia da ragazzino, ho sempre avuto una simpatia per il centro-destra, o addirittura destra per alcune iniziative specifiche. Crescendo ci si scontra con realtà importanti come l'università, il mondo del lavoro e altre cose che incidono pesantemente nel presente e futuro della propria vita e in quella dei cari.
Ho iniziato a dare importanza a delle cose che il mio Governo non considerava o nel migliore dei casi, non tutelava a dovere. Il dubbio si insinuava in me ma, quando si crede in qualcosa, si cerca sempre di trovare una giustificazione a tutto.
Potrei scrivere per ore sui vari decreti, le riforme, ecc..che sono state palesemente dannose, e altrettanto potrei fare sulle gag personali del nostro (?) Presidente del Consiglio che tanto personali non sono visto che mettono in ridicolo il paese. Non lo farò perchè oggi voglio arrivare al sodo senza troppi giri.
Sono stufo di lamentarmi per quello che si legge sui giornali e si sente in televisione senza poter fare nulla. Sono stufo di vedere persone con voglia di fare e buone idee, scavalcate da veline e persone del mondo dello spettacolo. Sono stufo del mostruoso conflitto di interessi che regna nel mondo della politica italiana (abbiamo al governo proprietari delle più famose reti televisive, testate giornalistiche, squadre di calcio, grandi imprese nazionali/mondiali, ecc..).
L'italiano medio ha questo brutto vizio: lamentarsi di tutto e tutti ma non fare niente per cambiare le cose. Nel mio piccolo voglio provare a fare qualcosa di concreto per migliorare la situazione, non voglio essere un italiano medio.
Qual'è stata però la goccia che ha fatto traboccare il vaso? Il 40esimo compleanno di Pier Silvio Berlusconi e il suo "sto studiando per supportare la politica italiana". No signori, io non ci sto. Dopo decine di anni di Silvio, non voglio che la nota dinastia continui ad avvelenare la politica con Pier Silvio. Qualcuno deve fermarli. Non per una questione personale sia chiaro, ma per dare una reale possibilità al nostro paese di cambiare...in meglio ovviamente.
Cambiare le cose passando dal PdL è praticamente impossibile perchè:
1) se non si rientra nelle categorie veline o parenti/amici/schiavi di Berlusconi, difficilmente si trova spazio nella "vera" politica
2) le categorie precedentemente citate non hanno interesse a cambiare le cose ma si ritrovano in certe posizioni per mero interesse personale (o per "caso"?)
Qual'è l'unico partito in Italia che ha le carte in regola per accogliere chi ha a cuore il reale interesse del paese e di TUTTI i suoi cittadini? La risposta è ovvia, se no non sarei qui.
Non mi sono tesserato al partito e non so quando questo accadrà, ma voglio essere preparato, documentarmi in modo adeguato in maniera che, quando dovrò rimboccarmi le maniche per fare qualcosa, io sia pronto.

TAG:  FUTURO  INIZIO  PDNETWORK  PRIMI PASSI  IDEE PERSONALI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
24 maggio 2009
attivita' nel PDnetwork