.
contributo inviato da simitan il 13 maggio 2009

Sono nato e vivo a San Vito al Tagliamento, ho 45 anni e sono il quarto di 5 fratelli. Ho sposato Alice.

Insegno lettere con soddisfazione perché l’educazione è la mia passione da sempre e quando sto in mezzo ai ragazzi penso che la mia vita abbia più sapore.

E’ sempre stato importante per me l’impegno nel sociale perché fin, da giovane, ho scoperto che dedicarmi agli altri mi fornisce una chiave per la felicità.

Ho imparato la Politica in famiglia, ascoltando e confrontandomi, prendendo posizione a favore dei più deboli, valutando con attenzione i problemi e guardando al futuro senza paura.

Mi piacciono parole come: generosità, sobrietà, progettualità.

Non provengo da una storia di partito, ma sono convinto della necessità di una loro presenza per una buona riuscita della Democrazia; occorre però custodirli e renderli migliori.

La mia pluriennale esperienza di servizio nel Volontariato, nell’Associazionismo e nell’Impresa sociale mi ha reso esperto nella conduzione di gruppi, nel prendere l’iniziativa, nell’attuare progetti per il cambiamento. Nelle scelte cerco il confronto, in primo luogo con mia moglie, poi con le persone che mi sono vicine e mi conoscono meglio. Ne valuto con attenzione i pareri.

Mi piace giocare in squadra, studiare assieme agli altri i problemi che si presentano, individuare e condividere le soluzioni. 

Sono convinto che un buon leader deve saper ascoltare e far crescere il proprio gruppo per portarlo a raggiungere gli obiettivi comuni.

Conosco il valore della fedeltà e della coerenza, perciò sono esigente con me stesso.

Sono credente e la fede ispira le mie convinzioni morali, prima fra tutte il rispetto profondo degli altri. Perciò credo nella laicità della politica.

 Entrando in Politica ho cambiato il tipo di impegno, ma non il cuore né i valori.

 L’8 marzo scorso ho vinto le elezioni primarie nel Partito Democratico provinciale ed ora voglio mettere le mie idee al servizio dei cittadini per:

- Cambiare lo stile: il potere politico è servizio;

- Cambiare i protagonisti: i problemi di sempre richiedono idee e mentalità nuove!

- Cambiare l’azione: ricerca delle competenze personali e professionali più adatte alla soluzione dei problemi.

Sarò il capitano di una coalizione e perciò come Jack Sparrow terrò in mano la mia bussola speciale per orientare la navigazione e portare il gruppo che mi sostiene, vittoriosamente in porto.

La Provincia per essere utile davvero deve cambiare il suo compito: operare una mediazione culturale tra le diverse esigenze delle autonomie locali. 

Il nostro Territorio è un mosaico di esigenze e attività e solo la corretta collocazione delle tessere può far risaltare la figura completa. Comprensibile a tutti.

Questo cambiamento deve combattere gli sprechi di risorse e di tempo per cittadini e imprese. 

 

Quindi:

1.                               Organizzare una svolta ambientale, di senso civico, nella gestione del territorio riducendo consumi e rifiuti; sostenendo l'efficienza e lo sviluppo economico e sociale. Il nostro territorio è il cuore di un diverso sviluppo.

2.                               Promuovere la comunità delle culture, garantendo servizi a chi opera in questa direzione per far crescere la nostra identità e il nostro potenziale; anche la sostenibilità sociale della presenza straniera è anzitutto una questione di cultura e di educazione alla legalità per tutti.

3.                               Dare più spazio ai giovani offrendo responsabilità, investendo in strutture scolastiche, formazione permanente, cultura e tempo libero, diffondendo, così, stili di vita positivi.

4.                               Coltivare nuovo lavoro e innovazione con l’incrocio tra domanda e offerta di lavoro, stimolando sinergie positive tra i Distretti industriali, il Polo tecnologico, l'Università e i servizi alle imprese.
Serve, inoltre, valorizzare il Terzo settore facendo interagire tra loro il Pubblico e il Privato sociale.

5.                             Innovare il trasporto di persone, merci e informazioni pianificando le infrastrutture viarie e virtuali (banda larga) per la sicurezza, la riduzione del traffico, la tutela e la valorizzazione dell’ambiente e le pari opportunità dei territori.

TAG:  GIORGIO ZANIN  PROFILO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
17 novembre 2008
attivita' nel PDnetwork