.
contributo inviato da team_realacci il 5 maggio 2009
Roma, 5 maggio 2009. Un'edizione dei record. Arriva -puntuale a fare i conti in tasca alla malavita che si arricchisce con l'ambiente- il dossier di Legambiente sull'ecomafia. Un tesoretto da 20,5 miliardi -quello intascato- che non conosce crisi. Anzi. In questo caso parlano i numeri: 25.776 gli ecoreati accertati; 31 milioni le tonnellate di rifiuti speciali (come una montagna alta 3.100 metri) spariti nel nulla; 28 mila le nuove case abusive e 258 i clan censiti. E ancora: crescono le aggressioni al patrimonio culturale, il racket degli animali e le agromafie.

Ben 25.776 ecoreati accertati, quasi 71 al giorno, 3 ogni ora. Circa metà dei quali (più del 48%) si è consumato nelle quattro regioni a tradizionale presenza mafiosa (Campania, Calabria, Sicilia e Puglia), il resto si spalma democraticamente su tutto il territorio nazionale. Il 2008 è l'anno dei record per le inchieste contro i trafficanti di rifiuti pericolosi, ben 25, con un fatturato che supera i 7 miliardi di euro. Tutti soldi sporchi accumulati avvelenando l'ambiente e i cittadini. La montagna di scorie industriali gestite illegalmente dalla "Rifiuti Spa" in un solo anno ha raggiunto la vetta di 3.100 metri, quasi quanto l'Etna. Non è mai stata così alta.

Anche l'abusivismo edilizio non conosce tregua: 28 mila nuove case illegali e un'infinità di reati urbanistici, soprattutto nelle aree di maggior pregio. E poi il saccheggio del patrimonio culturale, boschivo, idrico, agricolo e faunistico. Tutto per un totale di 20,5 miliardi di euro: guadagni enormi alla faccia della crisi economica in atto.

Impressionanti i numeri dell'Italia sfregiata dal malaffare nella foto del rapporto Ecomafia 2009 di Legambiente, presentato a Roma in una conferenza stampa alla quale hanno partecipato tra gli altri Sebastiano Venneri, responsabile Osservatorio ambiente e legalità Legambiente, il procuratore nazionale Antimafia Pietro Grasso, il vicepresidente della commissione Antimafia, Fabio Granata, il presidente della commissione sul Ciclo dei rifiuti, Gaetano Pecorella, il responsabile Ambiente del Pd, Ermete Realacci, Enrico Fontana, del direttivo Legambiente, e Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale Legambiente.

Dal dossier, in positivo emerge la maggiore efficacia degli interventi repressivi da parte delle Forze dell'ordine. Aumentano gli arresti, passati dai 195 del 2007 ai 221 del 2008 (+13,3%) e i sequestri: dai 9.074 del 2007 ai 9.676 dello scorso anno (+6,6%), mentre diminuiscono il numero di reati ambientali (dai 30.124 del 2007 ai 25.766 del 2008), a causa, soprattutto della tendenza da parte delle Forze dell'ordine a concentrare le attività investigative sui reati di maggiore gravità, tali da determinare provvedimenti e interventi repressivi più severi, come l'arresto e il sequestro appunto.

La criminalità organizzata "ha esteso i propri tentacoli in tutto il paese e ha avviato redditizie attività in molte aree del Nord Italia- spiega Vittorio Cogliati Dezza- lo ha reso evidente un arresto che ha fatto scalpore, quello di Mario Chiesa, già protagonista di Tangentopoli, ora impegnato nel redditizio business del traffico dei rifiuti, realizzato con la collaborazione di insospettabili 'colletti bianchi': imprenditori, faccendieri e dipendenti pubblici corrotti. Le mafie si infiltrano quindi in tutti i settori economicamente vantaggiosi ed è per questo che abbiamo voluto istituire l'Osservatorio Ambiente e legalità in Abruzzo, per vigilare affinché la ricostruzione post terremoto non diventi l'ennesima occasione per fare vantaggiosi affari sporchi e pericolosi ai danni dei cittadini e dell'ambiente".

Fonte: Dire
5 maggio 2009

TAG:  AMBIENTE  2009  RIFIUTI  LEGAMBIENTE  ANTIMAFIA  GRASSO  ABUSIVISMO EDILIZIO  REALACCI  PECORELLA  COGLIATI DEZZA  ECOMAFIA  ECOREATI  AGROMAFIE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork