.
contributo inviato da simonam il 29 aprile 2009
Impazza in questi giorni nei forum in rete la discussione sulla moglie dell'imperatore che, criticata da destra e da sinistra, sta riuscendo tuttavia a modificare in meno peggio le liste del Pdl per le Europee.

Sempre a proposito di candidature, per citare la Lario, "senza pudore", io da elettrice di sinistra sono profondamente delusa e schifata dall'incoerenza di Cofferati.
Penso sia stato un ottimo segretario della Cgil, dopodiché, quando annunciò che si dimetteva e tornava a lavorare negli uffici della Pirelli, da cui era stato in distacco sindacale per tutti gli anni del sindacato, mi ricordo che pensai: Wow, ma questo è Cincinnato redivivo!
Invece di lì a poco "scese" in politica. E uno.
Poi l'hanno eletto sindaco di Bologna, e qui non mi sono mai spiegata (anzi , me lo spiego benissimo) come la sinistra bolognese potesse essere così autolesionista, tafazziana e vittima delle risse interne da dover candidare un cremonese. E due.
Poi si è dimesso da sindaco con il RIDICOLO pretesto che lui aveva un figlio piccolo residente a Genova. Si è sdegnato contro chi lo sfotteva, gli dava del bugiardo, del fuggiasco, lo accusava di anteporre gli affetti ai doveri civili. Due e mezzo.
E ADESSO SI CANDIDA ALLE EUROPEE? Ovvero, se eletto se ne va a Bruxelles?
E il povero, piccolo, implume pargoletto che farà? Chi lo andrà a prendere all'asilo?
Ma allora ci prende per i fondelli.
E il bello è che nessuno dice niente (oddio, magari sui giornali di Berlusconi qualcosa sarà apparso, ma su Corriere, Stampa, Unità, Repubblica non mi pare... smentitemi pure se avete qualche commento giornalistico che mi è sfuggito).
TAG:  VERONICA LARIO  COERENZA  PUDORE  COFFERATI  VELINE  EUROPEE  CANDIDATURE  LISTE ELETTORALI 

diffondi 

commenti a questo articolo 3
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
10 febbraio 2009
attivita' nel PDnetwork