.
contributo inviato da verduccifrancesco il 24 aprile 2009
Stamattina all'alba il cielo azzurro, limpido, quasi trasparente, come si può vedere solo di primavera, lasciava sperare in una giornata all'insegna del buor umore; poi, si sa, spinti dalla voglia di uscire a fare due passi, si finisce al bar, si legge il giornale e ....., tutto ritorna nelle solite dimensioni umane, quasi che l'informazione "beninteso, non i giornali e i giornalisti" abbia il potere di relegare, noi poveri mortali, ad una condizione di costante pressione.
La notizia che più mi ha colpito e fatto riflettere riguarda lo spostamento del G8 da La Maddalena a L'Aquila, notizia che lascia molta amarezza in bocca; perché spostare un evento importante come il G8 in un luogo di dolore, peraltro ancora molto vivo in coloro che l'hanno subito? in che misura si pensa di coordinare l'organizzazione dei lavori con l'oganizzazione dell'incontro? non sarebbe meglio, in casi simili, evitare il sovrapporsi di eventi che possono in qualche modo intralciare i soccorsi?
Sembra che la decisione sia stata presa senza nessun preavviso, nata più che altro da esigenze puramente politiche, basti pensare che le giustificazioni date dal premier riguardanoil risparmio sic. e la convinzione che i no global non avranno il coraggio di presentarsi a constestare, convinzione per altro già smentita dai no global.
Per la parte economica, non si riesce bene a capire dove si prenderanno i soldi, il premier ha affermato che non ci saranno tasse per la ricostruzione, allora dove? semplice, spostandoli; i soldi destinati a La Maddalena andranno in abruzzo cosi come i finanziamenti alle forze dell'ordine.
I no global, invece, rappresentano, da una parte la volontà di presentare un'Italia che non esiste o esiste solo nelle intenzioni, d'altra parte il rifiuto del premier, da sempre praticato, di avere un contraddittorio che potrebbe metterlo in serio imbarazzo con i partner.
Che dire d'altro, in fondo questa è una riflessione fatta da un individuo mortale che nulla a da spartire con l'attuale classe politica anzi....
Intanto il cielo è sempre più limpido, anche se si sono presentate nubi nere che, almeno per ora, si limitano a osservare il nostro operato, chissa, magari prima di sera ci comunicheranno qualcosa di nuovo.
 
TAG:  POLITICA  SOCIETÀ  G8  COSTUME  TERREMOTO 

diffondi 

commenti a questo articolo 1
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
10 marzo 2009
attivita' nel PDnetwork