.
contributo inviato da team_realacci il 8 aprile 2009
Roma, 8 aprile 2009  

“E’ un segnale importante, ora vigileremo con fermezza per far sì che il Governo mantenga gli impegni presi. Con l’approvazione della risoluzione di oggi il Governo si impegna a ritirare l’ennesima proroga al decreto del 14 gennaio del 2008 per assicurare uniformi livelli di sicurezza nella progettazione di edifici e di opere”, lo afferma Ermete Realacci Responsabile Ambiente del Pd, commentando l’approvazione all’unanimità in Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera della risoluzione per l’entrata in vigore delle nuove norme tecniche in materia di costruzione.
La risoluzione presentata da Realacci, insieme agli on. Benamati, Mariani, Lulli, che nella versione definitiva è stata congiunta alla risoluzione presentata anche dall’On Dussin della Lega Nord, e presentata ben prima del terremoto in Abruzzo, impegna il Governo ad intraprendere le più celeri iniziative normative per rendere obbligatoria l’applicazione del decreto ministriale del 14 gennaio 2008 e abrogare le successive proroghe.
Nella risoluzione si evidenzia inoltre che nonostante la nota e scientificamente provata criticità del nostro territorio rispetto al rischio sismico, causa di diverse situazioni di crisi e di vera e propria emergenza, dall'anno 2004, tale normativa è stata oggetto di molteplici rinvii, in un contesto di diffusa difficoltà anche nell'assicurare l'ordinaria manutenzione degli edifici adibiti a servizi primari come la scuola e la salute. 
 
Ufficio stampa On. Realacci
TAG:  MOZIONE  RITIRO  DECRETO 14 GENNAIO 2008  LIVELLI DI SICUREZZA  PROGETTAZIONE  EDIFICI  OPERE  NUOVE NORME TECNICHE  RISOLUZIONE  BENAMATI  MARIANI  LULLI  REALACCI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork