.
contributo inviato da loriscosta il 1 aprile 2009



Nuovo slogan? Sì, UN TETTO PER TUTTI!
 


Roma, 1 apr. - (Adnkronos) - "Il Commissario straordinario per le carceri Franco Ionta, capo del Dap, il dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, si aggancia al piano casa del presidente Berlusconi e presenta un progetto di ampliamento del 35% della cubatura delle carceri italiane, impiegando interamente la somma di 200 milioni di euro stanziata ad hoc dal Governo e la forza lavoro dei detenuti stessi". Sarebbe questa la soluzione al sovraffollamento penitenziario studiata dal commissario Ionta, a quanto ha appreso informalmente dal Sappe, il sindacato autonomo polizia penitenziaria.
L'aumento di cubatura del 35% nei 206 penitenziari italiani consentirebbe di realizzare altre 9mila camere di detenzione, per una disponibilita' regolamentare di ulteriori 14.000 posti regolamentari, con una tollerabilita' fino a 20.000. "Dalle stesse fonti dipartimentali -informa ancora il Sappe- si e' appreso che sarebbe anche allo studio l'impiego degli stessi detenuti nei lavori edilizi per l'edificazione delle nuove strutture. Tutto questo in tempi relativamente brevi: da 18 a 24 mesi, per la consegna dei lavori finiti".
Il segretario generale del Sappe, Donato Capece esprime "grande soddisfazione per quella che viene ritenuta una soluzione definitiva al problema del sovraffollamento. Resta in piedi, pero' -ricorda- il grave problema delle carenze organiche del corpo di polizia penitenziaria per il quale, con l'aumento dei posti di servizio conseguente a questo ampliamento edile penitenziario, sara' indispensabile un proporzionale adeguamento dell'organico pari ad almeno 25.000 nuove unita': 14.000 agenti, 5.000 sovrintendenti, 3.000 ispettori e 2.000 funzionari".
TAG:  CARCERI  CARCERATI AL LAVORO  PIANO CASA  FRANCO IONTA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
loriscosta
Albese con Cassano
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
17 settembre 2008
attivita' nel PDnetwork