.
contributo inviato da steno85 il 24 marzo 2009
Credo che i giovani del Partito Democratico non siano alla ricerca di un leader, fondamentalmente sono alla ricerca di un partito. Non un format dove lanciare nuovi personaggi che piacciano alla tv e alla popolazione della rete. La ragazza di Udine, che è semplicemente una coordinatrice di circolo che ha detto cose che pensano (quasi) tutti i coordinatori di circolo, mi ha sorpreso per una cosa: non si è emozionata.
Le cose dette possono essere condivisibili, (e non le ho sentite su youtube, ma da sotto il palco) ma nella maggior parte dei circoli del partito democratico si sentono da parecchio tempo. Purtroppo, come direbbe Simone, si continua ad osservare il dito e non la luna. E giù tutti ad attaccare i dirigenti del partito che parlano ma non hanno un ruolo e a difendere quelli che per amore di questo partito si sono fatti da parte, senza dire che il motivo che li ha portati a lasciare è dovuto al fatto che dietro di sè hanno lasciato Hiroshima e Nagasaki. Ma l'elettore internauta non si cura di quello è rimasto tra le macerie, elegge un nuovo leader diventando un suo fan e non intendere essere il tassello che sta alla base di una macchina organizzativa quale è un partito serio. Semplicemente perchè l'Hiroshima e la Nagasaki di questo partito hanno lasciato una scoria che continueremo a chiamare: leaderismo percepito.

TAG:  UDINE  PD  ASSEMBLEA DEI CIRCOLI  VELTRONISMO  VELTRONI  BEL PAESE 

diffondi 

commenti a questo articolo 1
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
21 marzo 2008
attivita' nel PDnetwork