.
contributo inviato da sclucana il 20 marzo 2009
 E se ti provoca il Capo del Governo? Puoi lo stesso?



La motivazione: «Comportamento emotivo e istintivo»

«Ma chi c... ti credi di essere?»
Se il capo provoca, è permesso offendere

Sentenza della Cassazione: «Non merita il licenziamento il dipendente che reagisce ai numerosi rimproveri»

Stress in ufficio (foto simbolica)
Stress in ufficio (foto simbolica)
ROMA - Se il capo rimprovera troppo spesso il dipendente, la sua eventuale reazione non merita il licenziamento. Anche se il lavoratore osa rivolgere al suo superiore il classico «ma chi c... ti credi di essere?»: l'espressione offensiva, infatti, può essere considerata una «reazione emotiva istintiva». La Cassazione si mostra comprensiva nei confronti dei dipendenti vittime dei datori di lavoro troppo esigenti.

LA SENTENZA - I giudici della sezione lavoro, con la sentenza 6569, hanno confermato il reintegro in servizio di un dipendente di una casa di cura di Napoli (Alma Mater Villa Calmaldoli) che nel 2002 era stato licenziato per «insubordinazione». All'amministratore della struttura che gli aveva già contestato alcune mancanze nel suo lavoro di addetto al servizio stoviglie, il dipendente ad un certo punto aveva replicato a «muso duro»: «Chi c... ti credi di essere? Se sei un uomo esci fuori! Se no non ti faccio campare più tranquillo!». Già i giudici di merito avevano ritenuto, sia in primo sia in secondo grado, che questa espressione non meritasse il licenziamento in tronco per insubordinazione. Una tesi che la Cassazione ha condiviso respingendo il ricorso della società Alma Mater.

REAZIONE EMOTIVA - Piazza Cavour ha respinto il reclamo dell'azienda e ha sottolineato che «la Corte territoriale con apprezzamento incensurabile ha ritenuto che le espressioni irriguardose ma non minacciose rivolte da Saverio M. all'amministratore andavano valutate nel complessivo contesto in cui erano state pronunciate, caratterizzate da un alterco intervenuto fra i due e ritenendole, con plausibile valutazione, effetto di una reazione emotiva ed istintiva del lavoratore ai rimproveri ricevuti, escludendone l'ascrivibilità ad un'ipotesi di vera e propria insubordinazione e, comunque, la particolare gravità contrattualmente richiesta per potersi fare applicazione della sanzione espulsiva».


19 marzo 2009

TAG:  SE IL CAPO PROVOCA  È PERMESSO OFFENDERE  CREDI DI ESSERE  BASILICATA  LUCANIA  POTENZA  PROVINCIA POTENZA  MATERA  PROVINCIA MATERA  MELFI  VENOSA  RIONERO  LAVELLO  FORENZA  MASCHITO  MONTICCHIO  PALAZZO S.G.  BANZI  MONTEMILONE  PSDI  PSDI BASILICATA  PSDI LUCANO  PSDI POTENZA  PSDI MATERA  PD  PD LUCANO  PDL  PDL LUCANO  PRC  PRC LUCANO  VERDI  SD  SD LUCANO  SOCIETÀ CIVILE  SOCIETÀ CIVILE PSDI  SOCIETÀ CIVILE LUCANA  SOCIETÀ CIVILE LUCANA PSDI  M.P.L.  M.P.L.  MPL  MPL. MOVIMENTO PER LA LUCANIA  MOVIMENTO PER LA BASILICATA  LISTA CIVICA  LISTE CIVICHE  INFORMAZIONE  QUOTIDIANO  SETTIMANALE  GIORNALE ON LINE  BLOG  NEW  NEWS  LA REPUBBLICA  CORRIERE DELLA SERA  MANIFESTO  ESPRESSO  IL QUOTIDIANO DELLA BASILICATA  LA NUOVA DEL SUD  LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO  GIOVANIAMMINISTRATORI  GIOVANI  ENTI LOCALI    PARTECIPAZIONE  COESIONE SOCIALE  WELFARE  SVILUPPO  ECONOMIA  IMPRESE  SOSTENIBILITÀ  NON PROFIT  SOCIETÀ  STATO  PUBBLICO  PRIVATO  BENESSERE  CRESCITA  RESPONSABILITÀ  IMPRESA  ORGANIZZAZIONE  SOCIALE  PD  PARTITO  DEMOCRATICO  SINISTRA  POLITICA  ELEZIONI  SOCIALISMO  ARCOBALENO  SINISTRARCOBALENO  ESTERI  AMBIENTE  PACE  GUERRA  TERRITORIO  CAMBIAMO L'ITALIA  POLITICA  IDEE  GEOPOLITICA  TERRORISMO  INDIA  PAKISTAN  IRAN  AL QUAEDA  AFGHANISTAN  DROGA  ARMI  PROLIFERAZIONE  NUCLEARE  GUERRA  MAFIA  CAMORRA  'NDRANGHETA  SACRA CORONA UNITA  AIEA  NATO  UE  PENTAGONO  ENDURING FREEDOM  IRAQ  AL QAIDA  GLOBALIZZAZIONE  COREA DEL NORD  TRAFFICI  NARCOTRAFFICO  NIGERIA  LIBIA  LAVORO  PD  PARTITODEMOCRATICO  ICHINO  CONTRATTO  ECONOMIA  POLITICA  BERLUSCONI  VELTRONI  DI PIETRO    GIOVANIPD 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
17 novembre 2008
attivita' nel PDnetwork