.
contributo inviato da gianeli il 12 marzo 2009
Rimango perplesso. Io sono un "ricco" secondo il "mio" partito (voto Ulivo, PD, etc... da anni!), perchè guadagno, da dirigente, più di 120.000€/anno.
Al mese significa che, nette, arrivano a casa 4.500€-5.000€. Non c'è dubbio, una bella cifra!
Ma si da il caso che io abbia 4 figli!!
E allora, SONO PIU' "RICCO" IO O UN SINGLE CHE GUADAGNA 80.000€?!?!?
E' ORA CHE SI INTRODUCA IL COEFFICENTE FAMILIARE!!!
Ed è ora di PIANTARLA di TASSARE DI PIU' SOLTANTO CHI LE TASSE LE PAGA GIA'!!!
MA andiamo in cerca della montagna di EVASORI FISCALI!!

Questo è ancora il mio partito???
NON CONDIVIDO AFFATTO QUESTA PROPOSTA. METTIAMO IL COEFFICENTE FAMILIARE! E DIAMO PIU? SPAZIO ALLA FAMIGLIA NELLE NOSTRE PROPOSTE!!!
Saluti a tutti, e buon lavoro (ma solo a quelli che pagano le tasse, già oggi)

TAG:  UNA TANTUM  REDDITI  CRISI  PROPOSTE PD  POVERTÀ  TAGLIO STIPENDI PARLAMENTARI  FIGLI  FAMIGLIE NUMEROSE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di gianeli inviato il 13 marzo 2009
cara Cristina1950,
la cosa che non mi va giù è l'idea di mettere " a sistema" questa idea, che sia lo STATO a prelevare, secondo questo UNICO parametro del reddito dichiarato e basta.
Poi per quello che mi riguarda personalmente, non sono il tipo che "non so capire la situazione di chi vive ai limiti della povertà...". Non intendo qui pubblicizzare quello che faccio per aiutare chi sta peggio di me. Lo scelgo io, liberamente, tenendo conto sia della situazione della mia famiglia che di quelle che conosco,e ce ne sono tante messe proprio male.
commento di cristinasemino inviato il 13 marzo 2009
Scusa, ma non sono d'accordo con te. E' vero che il quoziente familiare dovrà essere introdotto per equità, ma, in questo caso non ti è stato proposto un prelievo "a vita"; semplicemente una tantum: se guadagni 4500 euro, anche con 4 figli, non dirmi che non puoi destinare, in questa situazione drammatica 100 euro per chi ha bisogno. Sai qual è il problema? Che le persone che hanno disponibilità non sanno proprio capire la situazione di chi vive ai limiti della povertà: eppure anche queste persone hanno figli!
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
12 marzo 2009
attivita' nel PDnetwork