.
contributo inviato da il 10 marzo 2009
L'assalto alla Tv di stato è il primo obiettivo delle dittature.Berlusconi ha le mani sulla Rai dal 2001.Tutti i programmi,i TG,tranne Rai3 in parte,sono diretti da Mediaset e dal capo del governo.Che pena Sanremo .Le intercettazioni Saccà Berlusconi hanno rivelato  come e con quali scopi eversivi e propagandistici Berlusconi ha usato la Rai,fino a servirsene per un mercimonio di senatori per far cadere Prodi.Berlusconi ha bisogno della Rai,di un'informazione drogata per tener buoni gli italiani e non rivelare loro i danni che ha procurato al Paese.La Rai diretta dalla destra serve anche a berlusconi per infierire sull'opposizione e magari attribuire a questa i suoi fallimenti,la sua inerzia,i danni che fà al Paese.Occorre che il Pd si mobiliti in massa,per denunciare che Berlusconi vuole il silenzio mediatico sul suo dannoso operato,vuole altre epurazioni in Rai e il silenzio della fine di un Paese.Giudici,informazione,tutto ciò che regge una democrazia,berlusconi vuole annientarli.Ci è riuscito in massima parte.Le intercettazioni servono anche a questo.Ma bisogna reagire;non permettere ai suoi pennivendoli,es,Belpietro,diventare direttore di Tg della Rai.Pretende anche che il Presidente Rai sia della sua cosca.Dobbiamo lottare contro q uesta ignominia:per restare un Paese civile e non avere per altri 20 anni berlusconi  e la destra al governo
TAG:  RAI  PRESIDENZA  DE BORTOLI  PETRUCCIOLI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di inviato il 10 marzo 2009
Italo Svevo:Ciò che nessuno sa ,non lascia traccia,non esiste.E berlusconi vuole che gli italiani non sappiano ciò che lui ha fatto contro il Paese.L'informazione è conoscenza.E berlusconi vuole che questa conoscenza sia vietata agli italiani,sia cancellata,non esista.Per infierire ancora impunemente contro un popolo
informazioni sull'autore

Roma
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
8 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork