.
contributo inviato da Politik2008 il 21 febbraio 2009
Avrei preferito un congresso straordinario subito ma, considerando la situazione del tesseramento avvenuto finora a macchia di leopardo, mi va bene la transizione guidata da Franceschini, che è persona intelligente e che stimo. Sono contento che la decisione è stata presa dalla maggioranza dell'assemblea, in modo democratico e senza pericolose divisioni. Da persona che sta vivendo il radicamento sul territorio del PD segnalo i seguenti errori da evitare.
1. E' stato un errore pensare che il partito si potesse radicare anche facendo a meno del tesseramento e, di conseguenza,  trascurare e ritardare quest'ultimo. Il popolo delle primarie, nella mia zona, si è volatilizzato e del primo coordinamento del PD non è rimasto quasi più nessuno. Gli iscritti del PD ci mettono la faccia e l'impegno personale nel partito, non l'entusiasmo fugace di un giorno, perciò sono preziosi e ad essi devono essere affidate le decisioni più importanti, compresa la scelta delle candidature.
2. Le primarie sono uno strumento efficace di democrazia diretta, ma presentano delle insidie: sono soggette al rischio di infiltrazione di avversari politici che possono parteciparvi per condizionarne l'esito. Bisogna passare da primarie aperte a tutti a primarie aperte ai soli iscritti al partito: non possiamo far scegliere i nostri candidati agli elettori del Popolo delle Libertà.
3. Su ogni questione importante deve esistere una posizione del partito, che, nei casi controversi,  può essere presa a maggioranza degli organi decisionali o anche con rapide consultazioni fra gli iscritti, facendo funzionare la democrazia interna del partito. Non può esserci una linea Binetti e una linea Marino sul testamento biologico e nessuna linea Veltroni per non contraddire le diverse anime del partito, ma una linea chiara e univoca, che rifletta i sentimenti della maggioranza degli iscritti e venga espressa per bocca del solo segretario.
TAG:  PRIMARIE  CONGRESSO  SEGRETARIO  TESSERAMENTO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
8 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork