.
contributo inviato da team_realacci il 10 febbraio 2009
Napoli, 9 febbraio 2009. Via libera all’apertura della discarica di Chiaiano. Venerdì 6 febbraio il capo missione della Protezione civile per i siti, Nicola Dell’Acqua, ha annunciato l’imminente apertura dell’invaso. Immediata la reazione dei cittadini: “Bloccheremo tutto”.

Dell’Acqua ha assicurato che sono state ultimate le opere di contenimento di una vasca e che ben presto saranno rimossi anche alcuni materiali trovati a ridosso della cava tra cui c’erano fibre di amianto. Entro dieci giorni dunque la discarica accoglierà i primi rifiuti, che verranno stoccati in una prima fase solo in una vasca mentre proseguirà l’allestimento della seconda vasca e le opere di bonifica. La decisione è stata però definita “frettolosa” da Monica Frassoni, una degli europarlamentari che oggi hanno effettuato un sopralluogo alla cava: “La nostra impressione è che esista un reale problema per il modo in cui si sta allestendo la discarica di Chiaiano perché si sta agendo molto in fretta”, ha detto la Frassoni ha definito “non chiarificatrici” le risposte avute dai tecnici sul parziale allagamento della cava.

I cittadini di Chiaiano e dintorni però non si arrendono, e annunciano che scenderanno in piazza mercoledì 11 e sabato 14 febbraio. Sul sito del movimento ChiaiaNOdiscarica è stato anche pubblicato un rapporto a cura di alcuni medici dell’ospedale Monaldi di Napoli riguardante i rischi dell’amianto e le morti di mesotelioma pleurico registrate nell’istituto negli ultimi anni.

Fonte: AMISnet

TAG:  CHIAIANO  DISCARICA  RIFIUTI  AMIANTO  MESOTELIOMA PLEURICO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork