.
contributo inviato da tano63 il 29 gennaio 2009

Sono arrivato al mio primo congresso da tesserato in un partito politico.

Ma la grande novità è che il partito che doveva cambiare tutto, dalle regole, al “modus operandi”, dalla classe dirigente, finalmente eletta democraticamente, alla partecipazione attiva dei suoi aderenti, ebbene, questo partito, NON HA CAMBIATO NULLA.

Il fatto: alle 12,00 del 25 gennaio, domenica scorsa, scopro che nel mio paesino, Terranova da Sibari, in provincia di Cosenza, in una struttura comunale, si sta tenendo il 1° congresso di circolo del PD. Va bene, mi dico, non c’è stato il tempo di avvisare tutti gli iscritti, o comunque, di pubblicizzare in modo adeguato l’evento. Posso capire. Anche se, io, ho chiesto informazioni, con svariate mail alla federazione provinciale di competenza, su iscritti nel mio circolo, date e riferimenti ”istituzionali” provvisori, avevo, anche, l’ardore di presentare una mozione! Ma, ovviamente, senza avere NESSUNA RISPOSTA! da parte della federazione stessa.

Continuo nel racconto. Mi reco in loco e con mio grande stupore scopro che il 1° congresso, è stato intanto, convocato dalla federazione il giorno precedente alle 20:00 (PAURA CHE SI SAPESSE IN GIRO!?) e poi, che consta semplicemente nell’elezione dei rappresentanti provinciali del partito e nella elezione del segretario di circolo.

Ma come? Si effettua una votazione senza alcun tipo di dibattito? Chiedo lumi, e vengo informato dai soliti militanti “trentennali”. Ossia la vecchia nomenclature paesana, delle sezioni di DS e Margherita che continua a gestire, con la solita metodologia lo svolgimento dei lavori (!?!? …..Elezioni!).

Ebbene vengo a sapere che intanto vi sono 580 iscritti al partito su 3800 votanti dell’intero paese.
Ma ci sono regole per il tesseramento? Oppure vale ciò che valeva prima? Ossia che i componenti della commissione per il tesseramento consentono, palesemente, di effettuare quello che si vuole? Il paradosso dei tesserati è lampante, anche perché, vengo informato, che quasi tutta l’attuale giunta comunale, espressione di una lista civica, con radici di centro destra, HA ADERITO IN BLOCCO AL PD. Posso capire i ravvedimenti politici, ma questo è eccessivo!

Non basta tutto ciò, ma vengo anche informato, in modo del tutto confidenziale e riservato (TRATTASI DI COSA NOSTRA!?) di tutto il fradicio che solo apparentemente è nascosto. Infatti, scopro che esiste un conflitto intestino fra l’anima di provenienza DS, e quella di provenienza Margherita, all’interno del circolo, per la gestione di segreteria, direttivo, candidature, e quant’altro ha odore di potere. Oltretutto con il bene placito dei “signorotti regionali”, cui i due schieramenti fanno capo, due consiglieri di maggioranza dell’attuale giunta regionale!!!! Che dovrebbero essere garanti, realmente, di quanto di buono ha il PD!!!! Almeno nelle intenzioni.

Alla luce di quanto sopra mi viene da chiedere se questo è il nuovo che avanza? O se questo è il nuovo modo di fare politica? O, tanti altri dubbi che non sto qui a “sciolinare”.

Una cosa è certa, NON È quello che per tanti anni mi ha sempre tenuto fuori dalla politica attiva, e che, questa volta, mi ha indotto ad espormi in prima linea!

Quanti di questi esempi più o meno dettagliati esistono all’interno del PD?

Invito tutti coloro che disapprovano questo modo di creare il nuovo PD, non solo ad esprimere un giudizio, ma soprattutto, a far sentire la loro disapprovazione.

Gaetano Miele

TAG:  PD  POLITICA  PARTITO  RICAMBIO  STRUTTURA PARTITO  VERTICI PARTITO  RICAMBIO POLITICO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di stagioni inviato il 30 gennaio 2009
Caro Gaetano, disapprovare "quel modo di creare il nuovo PD" non è difficile (soprattutto "a parole"):certi metodi di fare e di concepire "la politica" sono "duri a morire" e ci vorrà ancora del tempo (speriamo non molto).Quello che posso dirti è di NON PERDERE MAI LA SPERANZA CHE UN "MONDO MIGLIORE" SI POSSA FARE e quella speranza,dentro molti di noi,non morirà mai.
Un caro saluto.
commento di tano63 inviato il 30 gennaio 2009
15 .............. IN EVIDENZA!!!!!!!!!!!!!
commento di tano63 inviato il 30 gennaio 2009
14 .............. IN EVIDENZA!!!!!!!!!!!!!
commento di tano63 inviato il 30 gennaio 2009
13 .............. IN EVIDENZA!!!!!!!!!!!!!
commento di tano63 inviato il 30 gennaio 2009
12
commento di tano63 inviato il 30 gennaio 2009
Freccialata come anche tu mi fai notare il malcontento, e come pensavo io, non solo in Calabria, è diffuso.
A breve spero di aprire un blog su questo argomento.
Anche se la redazione vedo essere indifferente a questo argomento, dal momento che i post che mi hai suggerito, ma penso tanti altri, sono accuratamente nascosti.
Insistiamo! Magari anche attraverso una petizione, partendo dal blog.
Bhe per il contatto credo che per adesso usiamo questo post, chissà che lo mettano in evidenza?

commento di UZIK inviato il 30 gennaio 2009
è un film già visto carissimo tano 63,purtroppo questa è stata è sarà la realtà del PD,io sono un vecchio militante del PCI,scappato a fare altro.
Il primo dovere di un dirigente che si definisce di sinistra è quello di assicurare al partito e al paese il ricambio delle classi dirigenti,se si vuole davvero rappresentare i cambiamenti di una società in evoluzione (naturale).
I consensi alla "sinistra" dal PCI ad "oggi" sono più che dimezzati ...scusa ma a me risulta che quando una "squadra" ha tantissime sconfitte minimo si allontana l'allenatore.
Togliamoli subito a questi personaggi a livello locale e nazionale "indispensabili" sich! le "chiavi" e la firma di rappresentanza a nome del partito... Nel sud Italia in generale e nella provincia di Foggia (da dove scrivo) in particolare le sezioni territoriali sono chiuse da anni o al massimo riaperte dai vecchi che vanno a giocare a carte.
(che ridere Veltroni che chiede a Berlusconi un incontro,ma un pò di fantasia,sempre le stesse cose,ma cervello proprio gniente?
Ciao Claudio (UZIK)
commento di freccialata inviato il 29 gennaio 2009
Gaetano leggi su PDNetwor
pag.4 GENIO - primarie antidemocratiche
IARIA - nuovo PD
pag 7 un amico di cs ci scrive
sono ns raccontano simili vicende è sono calabresi
per il contatto dimmi come fare
commento di tano63 inviato il 29 gennaio 2009
Ancora per la redazione.
Vista l'importanza dell'argomento possiamo tenere in evidenza questo post per una settimana?
Vi ricordo che per argomenti di particolare importaza c'ervamo detti alcune cose circa 2 settimane fà riguardo alla visibilità degli argomenti.
Grazie
commento di tano63 inviato il 29 gennaio 2009
Bene freccialata il mio intendo è proprio questo.
Rendere pubblico questo cattivo andazzo del PD in Calabria.
O forse no?
Il problemma è radicato nella cultura politica italiana e quindi non è solo calabrese?
Proviamo a contarci!!!!!!
commento di freccialata inviato il 29 gennaio 2009
carissimo Gaetano, purtroppo non sei l'unico dalla Calabria ed in particolare dalla provincia di cs che denuncia queste cose, tutte uguali nei metodi e nella gestione pertanto si può prevedere che la regia sia unica ma purtroppo molto efficiente ed efficacia; non basta solo ribellarsi e non approvare ma è necessario anche un intervento drastico da chi può permetterselo. D'altronde non credo sia necessario fare verifiche visto in che condizioni si trova la calabria gestita sempre dalle stesse persone che ricoprono ed hanno ricoperto contemporanemente sia incarichi di partito che di politico. non è rassegnazione è solo costatazione dei fatti.
commento di tano63 inviato il 29 gennaio 2009
5
commento di tano63 inviato il 29 gennaio 2009
4
commento di tano63 inviato il 29 gennaio 2009
3
commento di tano63 inviato il 29 gennaio 2009
2
commento di tano63 inviato il 29 gennaio 2009
Per la redazione:
Se inserisco un commento in un post e questo commento risulta essere lungo, non ho contato i caratteri, comunque mi succede che viene troncato.
Si potrebbe ampliare lo spazio disponibile per inserire i commenti stessi nei post?

Grazie
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
5 maggio 2008
attivita' nel PDnetwork