.
contributo inviato da saxer il 27 gennaio 2009


Son morto con altri cento, son morto ch' ero bambino,
passato per il camino e adesso sono nel vento e adesso sono nel vento....

Ad Auschwitz c'era la neve, il fumo saliva lento
nel freddo giorno d' inverno e adesso sono nel vento, adesso sono nel vento...

Ad Auschwitz tante persone, ma un solo grande silenzio:
è strano non riesco ancora a sorridere qui nel vento, a sorridere qui nel vento...

Io chiedo come può un uomo uccidere un suo fratello
eppure siamo a milioni in polvere qui nel vento, in polvere qui nel vento...

Ancora tuona il cannone, ancora non è contento
di sangue la belva umana e ancora ci porta il vento e ancora ci porta il vento...

Io chiedo quando sarà che l' uomo potrà imparare
a vivere senza ammazzare e il vento si poserà e il vento si poserà...

Io chiedo quando sarà che l' uomo potrà imparare
a vivere senza ammazzare e il vento si poserà e il vento si poserà e il vento si poserà...


Francesco Guccini

TAG:  AUSCHWITZ  MEMORIA  SHOHA 
Leggi questo post nel blog dell'autore saxer
http://saxer.ilcannocchiale.it/post/2153007.html


diffondi 

commenti a questo articolo 4
informazioni sull'autore
saxer
S. Severino Marche
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
9 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork