.
contributo inviato da professional consumer il 16 gennaio 2009

Quando non c'era la crisi il meccanismo produttivo funzionava pressappoco così: i capitalisti mettevano i capitali, i produttori gestivano i fattori della produzione, i lavoratori lavoravano, i trasportatori trasportavano, i commercianti commerciavano e i consumatori consumavano.Con l'acquisto trasformavamo, noi proprio noi, il prodotto di quelle manipolazioni in ricchezza, con la consumazione si dava infine l'input per la nuova produzione.

Il meccanismo ben oliato funzionava a meraviglia.

Poi i produttori hanno migliorato l'esercizio produttivo, sono arrivate sul mercato più merci da consumare che, per letizia e per dovere contrattuale, abbiamo consumato.

Per farlo si è dato fondo ai redditi, poi ai risparmi, infine al debito.

Quel debito, cresciuto smisuratamente, con il credito facile ha fatto sboom.

Che nostalgia per quel sistema produttivo che ha garantito per molti decenni benessere, sostanza ai desideri, che ci ha affrancato dal bisogno.

Quel giocattolo si è rotto: pezzi dovunque.

Sul mercato giacciono inerti più merci di quanto possano essere smaltite con i redditi a disposizione: gulp!

Certo si può piangere, esecrare, lagnarsi e bestemmiare.

Si può anche tentare di rimettere in sesto i cocci di quella cornucopia, rabberciarla alla bellemeglio, perchè possa tornare a funzionare.

Vediamo come:

Si possono ridurre i consumi: voilà meno lavoro per tutti, ancor meno redditi per i più, ai consumatori meno merci-emozioni a disposizione.

Si può anche far finta di niente e attendere, appesi a politiche congiunturali, come fanno i politici di mezzo mondo, sperando di essere assolti da Keynes.

Poi c'è l'ingenuità del Professional Consumer che chiude il conto con la crisi. Propone di dare a Cesare quel che è di Cesare: un Reddito di Scopo ai consumatori per remunerare il lavoro da svolgere nel sistema economico.

Un modo per sostenere i consumi e così riavviare la produzione ricreando lavoro e ricchezza.

Signori, signore, giovani, anziani, ricchi, poveri, bianchi, neri, gialli, abili, disabili, superabili: non ci resta che scegliere!


Mauro Artibani


www.professionalconsumer.splinder.com

www.professioneconsumatore.org


TAG:  ECONOMIA  SOCIETÀ  PROFESSIONALCONSUMER  CONSUMATORI  REDDITO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
10 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork