.
contributo inviato da Ethos il 10 gennaio 2009
L'80% dei gruppi finanziari italiano ha intrecci personali e azionari fra concorrenti, una percentuale senza paragoni in Europa. La denuncia arriva dall'Antitrust tramite l'indagine conoscitiva su banche, assicurazioni e società di gestione del risparmio, rilevando che l'80% dei gruppi esaminati ha nei propri organismi soggetti con incarichi in concorrenti. Secondo il garante, quindi, serve «un’attenzione alta sulla corporate governance» e occorre rivedere la governance per aumentare la trasparenza e recuperare la fiducia necessaria per superarare la crisi.

L'anomalia è tutta italiana, rivela l'Antitrust. È inesistente per le imprese quotate in Spagna e Olanda, interessa solo il 26,7% di quelle quotate a Parigi, il 43,8% di quelle tedesche e il 47,1% delle quotate a Londra.

La situazione, potremmo convenire con Ennio Flaiano, è grave ma non è seria, e non solo in Italia. Tuttavia nel conflitto epidemico, o pandemico, che - forse - ci siamo lasciati alle spalle, si può scorgere qualche sintomo di sano realismo.

Abbiamo vissuto per decenni in una bolla mediatica, non finanziaria o speculativa. Solo mediatica. Lo avrebbe capito anche un bambino stupido - ma innocente - che ogni festa è destinata a finire. Anche un’ossessione orgiastica si estingue.

E tuttavia ci sono tante persone serie che fanno seriamente il proprio lavoro, spesso ignare di quanto accade ai piani alti, già sufficientemente sbertucciati dal medesimo sistema mediale che ne consacra la più volgare miopia.

Un giorno i reality, che snobbisticamente non guardo, saranno rivalutati come categoria satirica sopraffina. Un Satyricon contemporaneo: non nascondono nulla del simulacro, o del colosseo mediale. Ovvero il cafonal continuo registrato da Pizzi&Dago.

La speranza è coltivata da quei milioni e milioni di persone che, nel mondo, per i più svariati, talvolta inconfessabili motivi, tirano la carretta, fanno figli, potendo si divertono, creano saperi e strade nuove - mai tante come in questo scorcio di secolo appena ai primi vagiti. E non confondono la propria esistenza con il buco della serratura in cui scorgere, non visti, una interminabile carrellata di Cronaca vera patinata.

E per la prima volta da molti decenni c’è –
cè - un leader politico capace di dare profondità a questo insostituibile asset immateriale. E tuttavia molto concreto.

Link map: guido rossi
|antitrust|conflitto|simulacro|com pàssus|we

TAG:  ANTONIO CATRICALÀ  ANTITRUST  CONFLITTO EPIDEMICO  GUIDO ROSSI  ENNIO FLAIANO  BARACK HUSSEIN OBAMA  CLEAVAGE  GRASSROOT  WELTANSHARING  SOCIAL NETWORKING  ECOLOGIA DELLE RETI  KNOWLEDGE MANAGEMENT  FOSSÉ TEMPOREL  JOËL DE ROSNAY  MARC BLOCH  NOOSFERA  HOMO NOETICUS  TEILHARD DE CHARDIN  ZYGMUNT BAUMAN  DERRIK DE KERCKHOVE  UBIQUITOUS  REMO BODEI  TIME’S PERSON OF THE YEAR 
Leggi questo post nel blog dell'autore Ethos
http://Ethos.ilcannocchiale.it/post/2139467.html


diffondi 

commenti a questo articolo 2
informazioni sull'autore
Ethos
S. Maria di Leuca
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
27 marzo 2008
attivita' nel PDnetwork