.
contributo inviato da Francesco Zanfardino il 9 gennaio 2009

                                                      

Vista la forte partecipazione al precedente contributo sulla “interattività webdem-PD”, propongo una sintesi di quella discussione per chiarire un po’ le idee e continuare meglio il dibattito (chiedo a Redazione PD di riproporre questo contributo in evidenza, sostituendo il precedente).

Innanzitutto, ripeto alcune precisazioni: ricordo che questo post non è un post di sterile critica alla redazione, anzi, sono dell’opinione che svolge un mestiere difficile e pieno di critiche, quindi cerco quasi sempre di “difenderla” quando lo sconforto per un network che non raggiunge le sue potenzialità spinge alcuni utenti a criticarla aspramente … ciò non mi impedisce però di suggerire miglioramenti, e insistere, anche molto, per ottenere riscontri. Inoltre, mi rendo conto che ci sono questioni più importanti sul PD che il funzionamento del network … però, a parte il fatto che i discorsi “benaltristici” (del tipo “c’è ben altro da fare”) non portano da nessuna parte, migliorare l’interattività fra utenti del network e PD può non dico risolvere, ma perlomeno aiutare la risoluzione di molti problemi del PD. Infine, per quanto riguarda chi mi suggeriva le precedenti discussioni aperte da emisama e shining69: sono ottime proposte, che sottoscrivo, però riguardano soprattutto il funzionamento generale del newtork, mentre questa discussione riguarda un argomento più ristretto ovvero l’interattività fra utenti e PD tramite il Network. Certamente se il newtork funzionasse meglio gioverebbe anche a questo aspetto, però preferirei tenere i due aspetti separate per non creare confusione. Comunque, ho inserito alcune di quelle proposte in questa nuova discussione.

Finite le precisazioni, ripropongo le proposte, aggiungendoci alcune emerse in questa discussione:

1 – PAGINA DEI POLITICI PD ISCRITTI AL NETWORK: ovvero creare una stanza del PdNetwork dedicata a tutti i politici del PD iscritti al Network, magari suddivisa in "Nazionali", "Locali", "Governo Ombra", "Parlamentari", ecc.ecc., con tutti i loro contatti, cariche istituzionali, ecc. Proposta di vari utenti sulla “anagrafe degli eletti”: certamente, se questa “pagina dei politici” diventasse qualcosa di simile all’anagrafe degli eletti PD, sarebbe una grande cosa. In effetti potrebbe essere la redazione, e magari gli stessi politici che si sono iscritti al Network, e anche noi utenti del network, ad aggiungere alla pagina di ogni politico tutte le notizie di cui abbiamo a disposizione, tutte le attività di quel politico, ecc. Se poi questo discorso potesse estendersi più in generale anche ai politici PD non iscritti al network, sarebbe cosa ancora migliore. Sarebbe un bel segnale di trasparenza.

2 – CALENDARIO ATTIVITA’ POLITICHE (da una proposta di M.T.R.): Ovvero migliorare l’agenda già esistente nel sito del PD, suddividendola per aree geografiche, con l’aggiunta di aree “speciali” dedicate alle Feste di partito, agli interventi su YouDem e Radiodem. Cercando di inserire, in questa agenda, quanto più eventi della vita di partito possibili, in modo da favorire la partecipazione alle attività di partito. Se questo risultasse difficile, soprattutto per la vita locale del partito, si potrebbe lasciare una “bacheca virtuale” in cui gli stessi politici locali, o anche gli utenti stessi del Network, possono segnalare iniziative, assemblee, incontri, ecc. ecc. Non sarebbe male, poi, se almeno per gli eventi più importanti, la redazione gestisse un servizio di “domande on-line” (tipo quello del “PdNet domanda, Governo Ombra risponde”) tramite cui gli utenti del Network possono “a distanza” rivolgere domande ai relatori di questi eventi per poi avere le risposte pubblicate sul sito.

3 – RIPRESA DEL “PDNETWORK DOMANDA, GOVERNO OMBRA RISPONDE”: era una bella iniziativa, interrotta senza un perchè e senza una vera e propria corrispondenza nelle trasmissioni di YouDem. Ne propongo il ritorno, magari con una "calendarizzazione" (tipo un'intervista a settimana), visto che le "puntate" erano piuttosto "irregolari" nel tempo e non davano sufficientemente tempo per la presentazione delle domande.

4 – AREA SONDAGGI (dalle proposte di Shining69): istituzione di una area sondaggi, grazie alla quale verranno raccolte le opinioni degli utenti del Network sulle tematiche e sugli avvenimenti più disparati. Per quelli che raggiungono una certa quantità di voti (direi 50 utenti “attivi”, vedi precisazione B della proposta 5), è prevista l’obbligatorietà della risposta da parte dell’esponente del PD competente per la materia.

5 – INTRODUZIONE DELLO STRUMENTO “DILLO AL PD”: e qui veniamo alla parte più discussa, anche perché più significativa. ovvero introdurre uno strumento che permetta agli iscritti del Network di presentare o firmare "documenti", ovvero richieste, petizioni, chiarimenti, problemi del territorio, suggerimenti ecc. su qualsiasi materia (anche suggerimenti e modifiche sui ddl preparati dal Governo Ombra e/o dai parlamentari PD, come suggerito da NicolasWoods) , indirizzati ad un qualunque esponente del PD (anche non iscritto al Network). La Redazione provvederà a recapitare i "documenti" solo se verranno condivisi da una certa quantità di utenti del Network (che avranno dunque la possibilità di "votarli"), quantità differenziata a seconda della importanza della carica del politico cui è rivolto il “documento”. Questa "scrematura" dei documenti è finalizzata alla presentazione di "pochi ma buoni" documenti cosìcchè gli esponenti del PD possano rispondere per bene a pochi documenti, anzichè rispondere male o per niente a centinaia di documenti (si immagini quanti di noi scriverebbero a Veltroni!). Ovviamente gli esponenti del PD chiamati in causa dovranno essere "obbligati" a rispondere (magari tramite video) ... altrimenti non avrebbe senso questa scrematura.

Occorrono alcune precisazioni su questa quinta proposta.

A – Mi rendo conto che il PdNetwork dovrebbe già così com’è svolgere questa funzione. Peccato che finora non l’abbia svolta, a parte qualche timida eccezione (ad esempio la risposta di vittoria Franco sull’età pensionabile delle donne). Questo è dovuto innanzitutto al fatto che i politici del PD non si sono ancora resi conto delle potenzialità di questo Network, o addirittura non ne sono a conoscenza, e in questo caso l’obbligatorietà della risposta servirà certamente a farglielo conoscere e a fargliene rendere conto della sua importanza. Una volta accaduto ciò, l’obbligatorietà potrebbe anche diventare inutile. Inoltre, anche la creazione di una pagina apposita per questo tipo di interscambio tra utenti e PD, sottraendolo alla confusionarietà del resto del Network, può aumentare l’agilità di questi tipi di comunicazione.

B – Per quanto riguarda il “diritto al voto” (che riguarda anche l’area sondaggi), direi che per scoraggiare iscrizioni fittizie al Network, magari plurime, la Redazione debba concedere il diritto al voto solo a quegli utenti del Network, iscritti da un certo tempo (tipo un mese) e che hanno aperto un certo numero di discussioni nell’ultimo periodo (direi quindi almeno 5 discussioni nelle tre settimane precedenti all’invio del “documento” … a tal proposito, penso sia giusto escludere i contributi provenienti dai blog, che vengono pubblicati in automatico). Valutando magari altri criteri di selezione tipo il numero di commenti effettuati. Gli utenti che hanno requisiti vengono definiti “attivi” e possono votare. Infine, la Redazione dovrebbe fare quanto in sua possibilità per bloccare tentativi di iscrizione plurima al Network: in questo senso potrebbe essere utile la proposta di tano63 sul fatto che ci vuole avere il diritto di votare deve indicare chiaramente nel proprio profilo nome, cognome e geotag (ma qui bisogna valutare bene). In particolare è molto utile il geotag, in quanto per i documenti “indirizzati” alle cariche locali il diritto di voto, secondo me, andrebbe limitato a chi abita in quei territori.

C – La “soglia di voti” per ottenere obbligatoriamente una risposta dai politici PD chiamati in gioco da un “documento” va, secondo me, valutata dalla Redazione a seconda del numero di utenti “attivi” presenti nel Network. Direi comunque che per il Segretario Nazionale sia necessario il 30% degli utenti attivi, per il Governo Ombra il 25%, per i Parlamentari il 20%. Per quanto riguarda le cariche locali, vanno istituite altre soglie che tengano conto anche della quantità di iscritti al Network appartenenti a quelle aree, dato che, ripeto, per me il diritto di voto sui documenti “indirizzati” alle cariche locali andrebbe limitato a chi abita in quei territori.

D – Nel caso in cui un “documento” non raggiunga il quorum entro un mese, secondo me andrebbe eliminato (oppure messo in un archivio, se c’è la possibilità). Inoltre, secondo me le votazioni di un documento andrebbero considerate chiuse se per sette giorni non ricevono più voti.

E – Anche se la selezione dei “documenti” tramite il voto degli utenti non è forse il metodo ideale, come qualcuno ha detto, è pur vero che siamo in democrazia e siamo il Partito Democratico. Direi che non c’è altro da aggiungere su questo punto.

Concluse le precisazioni sulla quinta proposta, ora riassumo gli interventi della Redazione nella discussione. Innanzitutto ci ha comunicato che Vittoria Franco avrebbe risposto, come poi ha fatto, alla discussione avviata sul Network sull’età pensionabile sulle donne, e che Enrico Letta si iscriverà presto al Network. Sono buoni segnali affinchè il Network prenda la direzione dello spirito di questa discussione. Ci ha poi annunciato il ritorno di “PdNet domanda, Governo Ombra risponde”, e la preparazione della pagina dei politici (però all’epoca doveva ancora entrare in discussione la questione dell’anagrafe degli eletti). Inoltre, ci ha comunicato l’intenzione di lavorare sullo strumento dei “documenti”, pensando ad un numero più alto di 100 iscritti per le votazioni e allo strumento della news-letter per comunicare a tutti gli utenti i “documenti” proposti; infine, ha comunicato una prossima riorganizzazione dei forum tematici che potrebbe anche servire per questo tipo di “interattività”.

Concludo con l’elenco di chi si è espresso sulle proposte. Abbiamo avuto 24 utenti favorevoli su 25, ovvero: FrancescoZanfardino, Onorina, Checche, Grandmere, NicolasWoods, Anpo, Valeriox, Swordchant, Marcelobranko, M.T.R., Shining69, Frapem, Leonelena, unomillemondi, Cassandra testarda, Il Puma democratico, Danielanedelcu, Comaroschi, Mellow, Tano63, MF-1, Savepan, Brunomene, Maxò 7533. Ha espresso contrarietà solo BlackBoy. Se qualcuno si vuole aggiungere alla lista dei favorevoli o dei contrari, o spostarsi dai favorevoli ai contrari e viceversa, basta che lo scriva. C’è tutta la disponibilità, inoltre, ad accogliere ulteriori suggerimenti.

Buona discussione. E, a proposito, evitiamo off-topic, offese, scaramucce provocazioni, risposte alle provocazioni e tutte quelle cose che non fanno onore a nessuno e danneggiano la discussione.

TAG:  PD  NETWORK  WEB  INTERNET  COMUNICAZIONE  DIRIGENTI  POLITICI  REDAZIONE  ISCRITTI  DOCUMENTI  GOVERNO OMBRA  INTERATTIVITÀ  REDAZIONE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di bl@ckboy inviato il 10 gennaio 2009
@: Proporrei a questo punto, alla redazione, di inviare, a tutti gli iscritti del network, una mail contenente appunto, l'oggetto di questa discussione, e l'invito ad esprimere un giudizio sintetico, entro i prossimi sette giorni.
Ovviamente come ho già detto dovranno essere presi in considerazione solo i giudizi sottoscritti con nome, cognome e geotag.

---

Tanto non può funzionare. Verrà solo fuori un gran casino. E' una proposta ingestibile. Sarà solo fonte di conflitti e recriminazioni senza aggiungere nulla come strumenti di partecipazione agli iscritti e elettori del PD.



commento di tano63 inviato il 10 gennaio 2009
Credo che sia il caso di concretizzare.
A parte quel .........., non voglio essere scurrile su un argomento di vitale importanza come questo, di bl@ckboy che continua ad imperversare in questo blog senza apportare niente, mi sembra che la riformulazione insieme alle altre poche modifiche proposte da me e da altri siano ormai cosa assodata.
Proporrei a questo punto, alla redazione, di inviare, a tutti gli iscritti del network, una mail contenente appunto, l'oggetto di questa discussione, e l'invito ad esprimere un giudizio sintetico, entro i prossimi sette giorni.
Ovviamente come ho già detto dovranno essere presi in considerazione solo i giudizi sottoscritti con nome, cognome e geotag.
In sostanza vorrei che tutti ci contassimo su quello che ritengo l'argomento basilare del network.
Una volta, come sono convinto, ed a parte i bl@ckboy della situazione, verificata la grande adesione all'iniziativa, inviare una sottoscrizione agli organismi nazionali del partito per l'immediata concretizzazione della proposta.
Sarà ovviamente cura del buon Francesco l’eventuale ri-sintezizzazione delle proposte.
Gaetano Miele
commento di valeriox inviato il 10 gennaio 2009
mi associo alla richiesta di nicolas woods: pochi interventi al giorno per ogni utente, per garantire l'espressione a tutti.
E' una fondamentale regola di democrazia, perfino nelle assemblee condominiali.
E se qualcuno continua ad ostacolare la libera discussione si chiamano i carabinieri: è ovvio.
commento di NicolasWoods inviato il 10 gennaio 2009
Visto come sta procedendo questo post (e altri) e per aiutare i partecipanti a essere sintetici e non troppo invadenti,

PROPONGO

un massimo di X commenti per post al giorno, dove X è un numero "molto piccolo".

Rimane da risolvere il problema di registrazioni multiple, ma questo è già uno dei temi aperti.
commento di bl@ckboy inviato il 10 gennaio 2009
@: Buona discussione. E, a proposito, evitiamo off-topic, offese, scaramucce provocazioni, risposte alle provocazioni e tutte quelle cose che non fanno onore a nessuno e danneggiano la discussione.

---

Insomma, dice Cassandra col suo stile inconfondibile:

"Intanto, già per questo contributo-bis vedo che il signore che si firma bl@ckboy , che pure si era dichiarato contrario all'iniziativa, e quindi avrebbe dovuto avere il buon gusto di farsi da parte, si è intromesso di nuovo con altri 7 post su 21 che non mi sembrano in tema , ma di deviazione su altro che andrebbe trattato altrove. Già questo scoraggia chi, come me, non ha tempo da perdere in polemiche, ma ha un tempo disponibile limitato che vorrebbe impegnare in scambi di informazioni e opinioni utili a chiarire quale può essere la linea del partito su temi più importanti."

Insomma, chiedere di farsi da parte mi sembra un po' sopra le righe, specie quando buona parte degli intereventi non hanno nulla da aggiungere.
commento di bl@ckboy inviato il 10 gennaio 2009
@: commento di cecche inviato il 10 gennaio 2009
Eh Bl@cK! Lo so! La tranvia che ti stanno costruendo sotto casa proprio non la digerisci! Dai non ti lamentare! Per fare quello che fai ti avranno pagato abbastanza! ...dimenticavo! Attento al Tram!

---

Cecche, T'ha detto niente Francesco ? E Cassandra ? " si è intromesso di nuovo con altri ... post ... che non mi sembrano in tema , ma di deviazione su altro che andrebbe trattato altrove."

Dai, almeno tu, non ti intromettere.

commento di bl@ckboy inviato il 10 gennaio 2009
Volontario digitale. Cosa significa?
Semplice: diventare protagonista del proprio tempo impegnandosi direttamente per sviluppare una comunicazione fatta di idee, contenuti, creatività, ma soprattutto azioni concrete e personalizzate.

Crediamo nel valore di ogni singolo contributo. La forza di questa iniziativa è proprio in questo.

Abbiamo perciò creato un ambiente favorevole allo scambio diretto di pensieri e proposte con lo scopo di sviluppare progetti, suggerire temi e aggiornarsi sugli obiettivi raggiunti.

Puoi contribuire direttamente dedicando online pochi minuti del tuo tempo.
Iscriviti alla newsletter

Scarica i moduli in PDF
il testo della petizione e il modulo della raccolta delle firme in formato PDF:

- Scarica l'informativa della petizione in pdf

- Scarica la scheda della petizione in pdf

Il PD nominerà dei responsabili provinciali per la raccolta delle firme da inviare presso la Sede Nazionale. Una volta completati i moduli con le firme vanno inviati al responsabile provinciale.
Nei prossimi giorni pubblicheremo l'elenco dei responsabili.

Non bisogna eseguire la scansione dei moduli, né inviarli via e-mail.

I circoli riceveranno i moduli dalle sedi PD provinciali.

Metti il banner nel tuo sito
Metti il video nel tuo sito
Il volantino con le sedi regionali
E' stato realizzato un volantino di promozione della petizione Salva l'Italia.
Sul retro si trova l'elenco delle sedi regionali presso le quali avere informazioni sulle località dove è possibile firmare la petizione.

Scarica e diffondi il volantino


diventa volontario online
Puoi contribuire dedicando online pochi minuti del tuo tempo, con azioni concrete di grande aiuto per la campagna elettorale.

---

Insomma, il mondo è un po' articolato.
commento di cecche inviato il 10 gennaio 2009
Eh Bl@cK! Lo so! La tranvia che ti stanno costruendo sotto casa proprio non la digerisci! Dai non ti lamentare! Per fare quello che fai ti avranno pagato abbastanza! ...dimenticavo! Attento al Tram!
commento di bl@ckboy inviato il 10 gennaio 2009
@: Quindi, il problema non è se i parlamentari avranno il tempo di risponderci, ma il problema è che i parlamentari ci devono rispondere... altrimenti chiudano il PDNetwork!

---

Ci sono molte possibilità intermedie.
commento di bl@ckboy inviato il 10 gennaio 2009
@: Se i parlamentari del PD lo dovessero snobbare, equivarrebbe a snobbare i propri militanti. I parlamentari del PD hanno il dovere di ascoltare questo "canale" che hanno offerto alla base.

---

Ma guarda, sono convinto che i Parlamentari del PD diano a quello che appare su PDnetwork tutta l'attenzione che giustamente merita.

commento di NicolasWoods inviato il 10 gennaio 2009
Molti sottovalutano il "PDNetwork". Dobbiamo ricordarci cosa è il PDNetwork: il canale di comunicazione web che si è dato il PD.

Se i parlamentari del PD lo dovessero snobbare, equivarrebbe a snobbare i propri militanti. I parlamentari del PD hanno il dovere di ascoltare questo "canale" che hanno offerto alla base.

Dopo tutto i parlamentari (di destra e di sinistra) sono i nostri rappresentanti e, teoricamente, dovrebbero essere a disposizione del collegio che li ha eletti. Curiosità: qualcuno di voi conosce come comunicare con il suo rappresentante in parlamento eletto nella propria circoscrizione?

Quindi, il problema non è se i parlamentari avranno il tempo di risponderci, ma il problema è che i parlamentari ci devono rispondere... altrimenti chiudano il PDNetwork!

Per queste ragioni mi preoccupano un po' eventuali filtri della redazione. Per cui propongo di cercare di mantenere la possibilità di sottoscrivere proposte, petizioni, etc., che raggiunto il numero minimo di adesioni sono "obbligatoriamente" pubblicate (come più o meno da proposta).

Infine, secondo la mia opinione la newsletter è molto importante. Ci sono molti utenti (come me) che non sono abituali frequentatori (il lavoro spesso non lascia spazio), perciò ricevere una newsletter che mi avvisa di iniziative, proposte, discussioni, sondaggi, etc. potrebbe essere davvero utile.
commento di bl@ckboy inviato il 10 gennaio 2009
@: Allora Francesco prepara un bel "pacchetto proposta" aggiungendoci i commenti più costruttivi che poi, se non ci pensa la redazione, lo inviamo per e-mail a tutti i parlamentari PD.
Se vuoi io ho tutti gli indirizzi e-mail dei parlamentari PD divisi in un bel file... ci basta fare un bel copia incolla e inviare! Qualcosa ho fatto anche io!

---

Bene, se non altro sapranno di già con chi hanno a che fare.

Però, devo dire, che il senso del ridicolo ...
E poi gli spifferi. C'è sempre una rana dalla bocca larga.
commento di bl@ckboy inviato il 10 gennaio 2009
@: Come dicevo i parlamentari PD sono centinaia, per la precisione 336! Che su 336 uno al giorno non abbia tempo per rispondere ai nostri argomenti (selezionarli) o per farsi nostro portavoce in Parlamento (che poi è il motivo per cui sono stati eletti) proprio non ci credo!

---

Ogni elettore è importante. E sono milioni. Forse, piuttosto che passare il tempo a rispondere a 27 affezionati interrogati potrebbe essere più produttivo un giro nel collegio o nei circoli territoriali.

Come sempre, c'è sempre un "canenero" in giro.
commento di cecche inviato il 10 gennaio 2009
Come dicevo i parlamentari PD sono centinaia, per la precisione 336! Che su 336 uno al giorno non abbia tempo per rispondere ai nostri argomenti (selezionarli) o per farsi nostro portavoce in Parlamento (che poi è il motivo per cui sono stati eletti) proprio non ci credo!
Allora Francesco prepara un bel "pacchetto proposta" aggiungendoci i commenti più costruttivi che poi, se non ci pensa la redazione, lo inviamo per e-mail a tutti i parlamentari PD.
Se vuoi io ho tutti gli indirizzi e-mail dei parlamentari PD divisi in un bel file... ci basta fare un bel copia incolla e inviare! Qualcosa ho fatto anche io!
commento di bl@ckboy inviato il 10 gennaio 2009
@: vedo che il signore che si firma bl@ckboy , che pure si era dichiarato contrario all'iniziativa, e quindi avrebbe dovuto avere il buon gusto di farsi da parte, si è intromesso di nuovo con altri 7 post su 21 che non mi sembrano in tema , ma di deviazione su altro che andrebbe trattato altrove. Già questo scoraggia chi, come me, non ha tempo da perdere in polemiche, ma ha un tempo disponibile limitato che vorrebbe impegnare in scambi di informazioni e opinioni utili a chiarire quale può essere la linea del partito su temi più importanti.

---

Certo, non hai tempo da perdere in polemiche.

OT ? Ma qui tutti fanno OT quando gli pare.

Sulla proposta: la trovo farraginosa, poco gestibile e pertanto non in grado di garantire una partecipazione rappresentativa degli elettori e iscritti del PD più di quanto non lo sia l'attuale Network.

E' una proposta ad alta burocratizzazione che ingessa una circolazione delle idee che è produttiva tanto più si avvicini a un brain-storming piuttosto che a un dibattito a Porta a Porta.

Sinceramente non capisco l'utilità di imbracare la circolazione delle idee.

E lo dirò finchè mi pare.



commento di unomillemondi inviato il 10 gennaio 2009
A Zanfardino:

Speriamo proprio che la Redazione accolga, e al più presto, almeno le prime delle tue, e ora nostre, proposte di sviluppo della capacità di dialogo fra corpo e dirigenza del partito che il network deve fornire.
Ce n'è un bisogno fortissimo, direi quasi assoluto, perchè davvero siamo di fronte, in questi stessi giorni, ad un confronto così aspro nel gruppo dirigente che giungono notizie, purtroppo, addirittura di approcci tra dirigenti interni al PD e forze esterne ad esso per la possibile prefigurazione di scissioni dal nostro partito per convergere verso altre formazioni o alla apertura di altre, ennesime, avventure di rimescolamento della geografia politica del nostro paese.
Mi riferisco all'agitazione che colpisce una parte dell'area cattolica del nostro partito, che ha un riferimento in Rutelli.
Ebbene, si può continuare, mi chiedo e vi chiedo, ancora a fare politica nel piccolo di singole componenti senza sentire, sembra, alcun dovere di confrontarsi con l'insieme degli aderenti al partito di cui si è dirigenti? E proprio su questioni vitali, di grande rilievo, come quelle che riguardano gli orientamenti di fondo del partito?
Qui, ancora una volta, sembra emergere un modo di agire che non mostra molta disponibilità al confronto con la base ed all'impegno vero le scelte collettive che un'organizzazione politica così matura. Anche quando non coincidono esattamente con le idee di ognuno, continuando, in questo caso, la fisiologica e salutare battaglia interna per farle prevalere e non pensando subito di andarsene.
Allora, cara Redazione questa volta, avanti, metti al più presto in funzione le prime proposte scaturite da questo dibattito, altrimenti le energie e le disponibilità all'impegno che qui attendono di essere messe a frutto potrebbero, ancora una volta, essere frustrate, e allora, quali argomenti convinceranno gli scettici, o semplicemente gli inerti, a non restare tali?
Ciao.
Giuliano
commento di bl@ckboy inviato il 10 gennaio 2009
@: E ricordati che non conta il numero assoluto, ma la percentuale. E' vero che finora le proposte sono state approvate "solo" da 26 utenti, ma è soprattutto vero che finora si sono espressi in 27 ...

E per quanto riguarda l'iscrizione al partito, sono già tesserato da un bel po', ho aiutato la sezione locale nel tesseramento e partecipo attivamente alla vita di partito. Comunque, l'iscrizione al PD ha ben poco di rilevante in questa discussione.

---

La richiesta di informazioni sull'iscrizione o meno si inseriva nella logica della proposta di qualificare la natura dei partecipanti.

27 persone sono tante e sono poche. La qualità delle proposte dipende dai contenuti e dalla praticabilità.

commento di bl@ckboy inviato il 10 gennaio 2009
@: Abbiamo tutti compreso la tua contrarietà alle proposte. Però se evitassi off-topic, ironie, scaramucce e mezze offese agli altri utenti, la discussione sarebbe ancora più utile e contributiva di quello che già è.

---

Le proposte sono migliorabili perchè hanno diverse aree di non chiarezza.
Se po qualcuno fa osservazioni poco chiare ritengo doveroso chiedere chiarimenti.
A ora è stato detto che il PD ha fatto una porcata in un comune del napoletano dove è stat sciolta la Giunta per connessioni con la Camorra. Chiesti chiarimenti, a ora non è arrivata nessuna risposta. La notizia è strana perchè si scioglie il Consiglio Comunale e si va a nuove elezioni, di solito.

Il meccanismo della partecipazione si fonda anche sulla corretta gestione delle notizie, che vanno richiamate in modo chiaro e senza lasciare sottintesi allusivi in modo indeterminato.

E' un contributo alla qualità dell'interfaccia.

Le critiche le ho sempre motivate, e sono senza risposta. Puoi benissimo proporre strutture teoriche. Poi bisogna dar loro le gambe. Ti ho mandato dei warning. Puoi registrarli oppure no. Se poi sei insofferente alle critiche, sono problemi tuoi.
commento di Francesco Zanfardino inviato il 10 gennaio 2009
@ tutti

Ringrazio tutti per i complimenti che mi sono stati rivolti, ma se la discussione e queste proposte sono migliorate è soprattutto merito vostro, e della Redazione che ha messo questo contributo in evidenza.

Speriamo davvero che la Redazione accolga almeno al 70-80% questo pacchetto. Un Network interattivo utenti-PD non cambierebbe il mondo, ma certamente aiuterebbe, forse anche molto, il PD a recuperare contatto con la base, e viceversa. Tutto starà anche a quanto impegno ci metteremo noi per farlo funzionare bene.
E, comunque, sempre meglio di non cambiare e restare così.

P.S. Non chiamatemi "signor Zanfardino" ... sono molto più giovane di quanto pensiate! =)
commento di Francesco Zanfardino inviato il 10 gennaio 2009
@ blackboy

Abbiamo tutti compreso la tua contrarietà alle proposte. Però se evitassi off-topic, ironie, scaramucce e mezze offese agli altri utenti, la discussione sarebbe ancora più utile e contributiva di quello che già è.

E ricordati che non conta il numero assoluto, ma la percentuale. E' vero che finora le proposte sono state approvate "solo" da 26 utenti, ma è soprattutto vero che finora si sono espressi in 27 ...

E per quanto riguarda l'iscrizione al partito, sono già tesserato da un bel po', ho aiutato la sezione locale nel tesseramento e partecipo attivamente alla vita di partito. Comunque, l'iscrizione al PD ha ben poco di rilevante in questa discussione.
commento di Francesco Zanfardino inviato il 10 gennaio 2009
@ tano 63

E' stata proprio la Redazione a suggerire lo strumento della news-letter, se ho capito bene cosa intendeva. Certamente ci sarà un sistema di pre-filtraggio, se i "documenti" proposti saranno molti.
Però comunque non è uno strumento così indispensabile, se sarà dedicata una pagina apposita per "Dillo al PD".

@ Cassandra Testarda

Per quanto riguarda il Governo Ombra, "Pdnet domanda Governo Ombra risponde" funzionava più o meno nelle modalità da te richieste. Ovvero si potevano fare domande di qualunque tipo, che venivano filtrate dalla redazione e poi rivolte agli esponenti di turno. Certamente, comunque, se le pagine del Governo Ombra contenessero anche spazio per i commenti nessuno si lamenterebbe :D

Sui sondaggi: ovviamente non su tutto lo scibile umano, ma di questo se ne dovrebbe occupare la Redazione.
commento di cecche inviato il 10 gennaio 2009
OK francesco perfetto! Grandissimo lavoro! Le persone come te dovrebbero essere più apprezzate! Hai pensato davvero a tutto! I nostri politici dovrebberro prendere esempio da te che lavori sodo per le tue idee senza chiedere niente in cambio. Loro (i parlamentari del PD sono centinaia, ricordiamocelo!), eletti con una legge elettorale che non ci permette una nomina diretta, ben pagati, con ogni privilegio possibile e immaginabile, si degnano a malapena di ascoltarci... e i motivi possono essere solo 2:
1. sono talmente ignoranti da non saper accendere un computer (guardate che non è così di fuori!) che non si rendono conto della potenzialità del PDnetwork che, se ben funzionante, accorcerebbe notevolmente la distanza abissale che in questo momento esiste tra le persone e la politica.
2. di noi non glie ne frega niente, ci illudono facendoci credere che qualcuno ci ascolta ed invece proseguiranno dritti per la loro strada nella difesa dei loro privilegi.
Allora francesco, come ci insegni tu bisogna essere costruttivi! Tutti votino la tua proposta, poi facciamo un bel pacchetto e lo inviamo direttamente via mail (se le leggono) a tt i nostri parlamentari.
I Cecche e non Checche confermo il mio sostegno!
commento di Cassandra testarda inviato il 10 gennaio 2009
Avevo già dato il mio parere favorevole alle proposte di Zanfardino per migliorare l'interattività tra utenti e politici su questo network e la confermo anche nella nuova formulazione. Ma attenzione, mi sembra che per taluni aspetti le cose rischino di complicarsi invece di semplificarle. Intanto, già per questo contributo-bis vedo che il signore che si firma bl@ckboy , che pure si era dichiarato contrario all'iniziativa, e quindi avrebbe dovuto avere il buon gusto di farsi da parte, si è intromesso di nuovo con altri 7 post su 21 che non mi sembrano in tema , ma di deviazione su altro che andrebbe trattato altrove. Già questo scoraggia chi, come me, non ha tempo da perdere in polemiche, ma ha un tempo disponibile limitato che vorrebbe impegnare in scambi di informazioni e opinioni utili a chiarire quale può essere la linea del partito su temi più importanti.
- Non posso fare ora una disamina punto per punto della proposta, ma mi preme sottolineare che per quanto riguarda il rapporto con i rappresentanti del "governo ombra", dovrebbe essere possibile a tutti i lettori iscritti al Network inviare messaggi di proposta, approvazione o disapprovazione sul settore di loro competenza. Ad essi poi l'onere di valutare se e in che misura recepire il senso dei messaggi, tenerne conto, rispondere periodicamente . Mi sembra che questi "ministri ombra" già abbiano una pagina sul sito del PD, dove mettono saltuariamente qualche loro contributo su quel che fanno o dicono. Basterebbe potenziarle con loro informazioni più puntuali e approfondite e renderle interattive prevedendo i commenti, collegandole con apposito link in evidenza sulla home page del PDNetwork, per favorire e facilitare l'accesso.
- Altra cosa importante sarebbe riuscire a impostare sondaggi e petizioni (con criteri simili a quelli usati dai quotidiani), ma non su tutto lo scibile umano, per evitare di morire di overdose, come sta succedendo qui con le centinaia di contributi e commenti sugli argo
commento di unomillemondi inviato il 10 gennaio 2009
Caro Zanfardino, confermo ed anzi rafforzo la mia condivisione per l'iniziativa da te avviata ed ora, con l'ottima sintesi che hai realizzato della discussione fin qui sviluppatasi ed anche degli apporti da essa venuti, sono ancor più convinto che ci sono basi concrete per andare avanti.
Io sono iscritto al PD e vorrei dire a coloro che affermano di non esserlo perchè il partito, per una ragione o per l'altra, non li soddisfa che una ragione per iscriversi è proprio quella di impegnarsi per migliorarlo, questo nostro unico, o quasi, strumento di rappresentanza politica democratica, in questo nostro paese.
E' dando battaglia al suo interno, infatti, che si contribuisce a far evolvere nella giusta direzione un partito, non standone fuori ed aspettando che altri, chi sa chi, lo migliori per noi.
Dunque, sono fiducioso che la Redazione PDNetwork, in tempi ravvicinati, saprà dare realizzazione ai primi strumenti operativi di questa iniziativa e metterci così in condizione di iniziare a sperimentare, in concreto, la loro funzionalità ed i risultati che saremo in grado di produrre.
Ciao a tutti, a presto.
Giuliano
commento di danielanedelcu inviato il 10 gennaio 2009
Un lavoro ben fatto, che se ci si riesce realizzare anche a metà, è una grande realizzazione. Si, anch’io come la M.T.R. ho la sensazione che è per la prima volta che si è creato un laboratorio, anche se personalmente non ho avuto la capacità di contribuire fino adesso. E’ molto bello anche per il fatto che la redazione vi/ci aiuta a realizzarlo. Non sarà facile organizzare tutto e sicuramente ci vorranno al meno tre mesi per attuarlo. Ho fatto un giro sul sito del PDL, lì la redazione censura tutto, ed è disanimato. Riguardo il punto 3, personalmente sarei contenta se il governo ombra rispondesse anche solo una volta al mese a più domande. Apprezzavo tanto quella rubrica e anche il suo giornalista, Sinibaldi che è un grande della radio (rai tre). Mi pare molto interessante l’idea di tanto63, riguardo la news-letter con cui la redazione informare gli utenti sui documenti proposti. E’ utile in particolar caso si trattasse di petizioni.
Ringrazio a tutti che hanno lavorato a questo e in speciale a Francesco Zanfardino . Sono attiva all’interno (e non solo all’interno) di un circolo Pd dai tempi delle primarie, e sono pre-iscrita perché voglio la tessera on-line è non sono ancora pronte. Voglio la tessera on-line visto che il regolamento di funzionamento dei circoli non esiste e che il mio portavoce ostacola tante delle iniziative dei membri del direttivo senza nemmeno degnarle di dibattito. Se questo vostro/nostro progetto va in porto, lancerò o firmerò (caso mai lo lancerà qualcun altro) una petizione che chieda subito la realizzazione del regolamento dei circoli. Secondo me con il mezzo della petizione nasceranno tanti altri laboratori, mi sta girando già la testa dall’entusiasmo, finalmente si realizzerà quello che la maggior parte di noi sperano che il Pd sia, e che è stato detto alla sua nascita, quando ci ha coinvolti tutti, non per il suo trasformismo ma per la sua nascita che vuole una larga partecipazione.
S’intende che sottoscrivo, è chiaro, ne ho
commento di Alezeia inviato il 10 gennaio 2009
Appoggio la proposta del signor Zanfardino.
commento di M.T.R. inviato il 10 gennaio 2009
Ottimo riassunto. E hai anche migliorato e ampliato la mia proposta, un po' confusa, di partenza. Devo dire che da quando partecipo con alcuni contributi e commenti qui, è la prima volta che mi sento veramente partecipe e che mi sembra che davvero noi si possa far produrre qualche cambiamento. Ho la tessera, è la prima anche per me, non mi pento di averla presa, sono attiva in un circolo e ci credo ancora. Grazie per il lavoro che stai facendo.
Reggiani Angela
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
8 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork