.
contributo inviato da cesare pisano il 28 dicembre 2008
Chi attacca per primo il territorio nemico è nella situazione psicologica di godere nel tempo dell'attacco; ma, esaurito il raid, negli attaccanti s'insinua una paura crescente; la popolazione comincia ad avere paura, perchè sa di potere essere colpita a morte. 

La popolazione dei territori colpiti si organizzano per la difesa, ma, soprattutto, per il contrattacco.

...e così il teatrino della guerra si reitera con costanza allucinante e drammatica per le migliaia di famiglie che sono costrette a rintanarsi nelle loro case, nella speranza che la morte stia lontana da loro.

Una guerra eterna quella tra palestinesi ed israeliani; popoli diversi, ideologie diverse, culture difficilmente adatte all'incontro, storie diverse e protezioni politiche diverse.

E' l'esempio lampante, ma crudo dell'incapacità umana di sapere dialogare; come se qualcuno o qualcosa impedisse il raggiungimento degli obiettivi di pace.

Fino adesso tutti i premier ed i guerriglieri hanno fallito; adesso resta Obama, ultima speranza per una risoluzione pacifica e ragionata.

Però, pensando alla Clynton e ripensando al presidente Clynton, che ha gestito il governo come presidente, temo che la protezione accordata a quel tempo ad Israele possa portare la Clynton lontana da quella obiettività e capacità risolutiva che tutti ci aspettiamo dalla nomina del nuovo presidente.

Comunque vada, nessuna guerra ha mai risolto i problemi; lo strumento guerra raggiunge solo un obiettivo: la distruzione.

Chiunque lo usi è un distruttore feroce e disumano; è molto più facile affidarsi ai cannoni ed ai missili e molto più difficile affidarsi alla razionale capacità umana di trovare soluzioni.

La guerra recide i rami considerati secchi, il dialogo porta a soluzioni condivise; ho molti dubbi che si possa arrivare, in questa zona calda della terra, a soluzioni pacifiche ed ho l'impressione negativa che la pace non la si vuole.

Ed il popolo globalizzato, dai salotti della propria casa, segue tranquillo l'annuncio giornaliero dei morti e dei feriti.
TAG:  GUERRA  PALESTINESI  GAZA  ISRAELIANI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
18 aprile 2008
attivita' nel PDnetwork