.
contributo inviato da saxer il 26 dicembre 2008


Passato il Natale, restano i regali ricevuti, piccoli o grandi che siano!

Per curiosità ne ho preso uno per uno e ne ho guardato la provenienza. Manco a farlo apposta la maggior parte sono targati Cina o Taiwan.

Ora molto spesso abbiamo sentito il nostro Presidente del Consiglio invitare la gente a fare acquisti, ad essere ottimisti, e, sebbene un po' di verità in quelle parole ci sia, bisogna anche capire che la gente attualmente ha paura del domani, altra ha perso il lavoro, altra ancora è più povera per svariati motivi. Quindi vedendo quel made che non è Italy io mi sono fatto delle domande: con questi regali chi ci ha guadagnato, quale economia è stata spostata? Ci può aver guadagnato il commerciante che ha venduto quei prodotti, ci può aver guadagnato il grossista che ha venduto quei prodotti al commerciante, ma sicuramente ci ha guadagnato molto chi ha fabbricato quel prodotto! Visto e considerato che molte di quelle ditte sono italiane ma con stabilimenti in quei paesi sopra citati, ci ha guadagnato il titolare o la proprietà e i lavoratori di quel paese! E l'economia? Se è appurato che essa viene messa in movimento dalle masse, come si fa a farla ripartire in Italia in questo modo?

Perché il Presidente del Consiglio non invita i suoi amici e colleghi imprenditori a smuovere l'economia in Italia dando lavoro agli italiani? Eppure un "miracolo" l'ha fatto con Alitalia, perché non ripetersi? Perché gli imprenditori vanno all'estero con le loro imprese? Forse per la solita barzelletta della competitività o per avere un maggiore profitto? Il che, attenti, sono due cose completamente diverse! E tutte le imprese che sono rimaste in Italia? Forse sono più imbecilli di quelli che sono andati in Cina? O, forse, più semplicemente, si accontentano di un minor profitto?

Ecco, se vogliamo far ripartire veramente l'economia bisognerà dare più sicurezza e più lavoro agli italiani. Sig. Presidente vogliamo fare un "appello" come solo Lei sa fare ai suoi amici imprenditori? Vogliamo ricominciare a parlare, con i nostri prodotti, veramente italiano?

Sicuramente dovranno accontentarsi di un profitto minore, e solo Dio sa quanto è dolente questo tasto per loro, ma in questo modo contribuirebbero a rimettere in moto quegli ingranaggi economici di cui anche loro fanno parte!

O, forse, ho detto una grossa stupidaggine?

Chissà, ma io sono un sognatore!

TAG:  CINA  ECONOMIA  LAVORATORI  IMPRENDITORI  REGALI  TAIWAN 
Leggi questo post nel blog dell'autore saxer
http://saxer.ilcannocchiale.it/post/2128235.html


diffondi 

commenti a questo articolo 4
informazioni sull'autore
saxer
S. Severino Marche
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
9 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork