.
contributo inviato da pinocomune il 20 dicembre 2008
 

che bisogno ha un ministro della repubblica di forza italia di dichiarare che nello volgimento del suo compito istituzionale non ce l’ha con il presidente di una regione di sinistra? dovrebbe essere ovvio e scontato, in un paese normale e “liberale” no?
e invece il ministro fitto, sempre più ingessato nel suo grigiore, lo ha dichiarato più volte in questi giorni.
si sente evidentemente in colpa, perché cominciano ad essere da record gli interventi del suo ministero per bloccare leggi emanate dalla regione puglia. rilievi opinabili o rilievi inconsistenti, purché venga appannata e rallentata l’immagine e l’azione della regione.
trovo questa faccenda vergognosa e tipica del cancro culturale che ormai devasta le menti di molti liberali forza italioti.
in questi giorni la puglia ha approvato una legge antidiossina per tentare di salvare i cittadini di taranto, imponendo al ricchissimo padrone dell’illva di ridurre le emissioni tossiche. è una legge di portata storica, perché le riduzioni sono tecnicamente possibili. tanto è vero che consiglieri regionali forza italioti di taranto hanno votato a favore, e il resto del centrodestra si è astenuto.
fitto si è infuriato. non si fanno questi favori elettorali all’avversario. è una legge inattuabile, che sarà solo utilizzata da vendola in campagna elettorale.
ormai l’unica preoccupazione-ossessione di fitto è battere vendola, alla faccia di tutti i pugliesi.
infatti sempre in questi giorni ha dichiarato che qualunque sarà il candidato scelto da forza italia per contrastare vendola alle elezioni del 2010, avrà soprattutto e comunque la caratteristica di essere “vincente”.
che bella questa politica! uno che vince e basta. e che i pugliesi si arrangino. come sempre.


TAG:  FITTO  VENDOLA  LEGGE ANTIDIOSSINA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
8 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork