.
contributo inviato da migiolalo il 17 dicembre 2008
E' giunto il momento di accellerare il processo di RINNOVAMENTO di questo partito che si sta trascinando dietro gente che di costriure un progetto Italia non ha voglia. Adesso è il momento di tagliare con tutto il passato. Mi sento di dire che un restauro di facciata non serve a nessuno, quindi, così come non si accetta da nessuno lezioni di moralità, allo stesso modo bisogna dare un segno che la innovazione deve venire da dentro. Non ci serve ne Di Pietro, ne altri, dobbiamo, come nel calcio, saper imporre il nostro gioco. Bisogna avere sempre presente l'Italia Nuova con cui ci si è proposti in campagna elettorale. Le primarie delle Europee possono e debbono essere il trampolino di lancio dell'innovazione che viene dal basso. Bisogna che sia la gente a proporre le persone della nuova classe dirigente del PD. Largo a tutte le forme di espressione, ma non facciamoci prendere nel vortice di un nuovo estremismo politico tipo la Lega. Per intenderci, non si può dare spazio all'IDV dopo che Veltroni ci ha messo la faccia. Siamo noi che dobbiamo creare le condizioni per rinnovare tutto il sistema, dobbiamo cambiare noi per far cambiare anche gli altri. La priorità non è il collocamento nel Parlamento Europeo (siamo una forza riformista) perchè verrà naturalmente, ma invece la priorità è sfruttare la crisi per far emergere questo Paese. Bersani deve discutere ma non farsi condizionare (non si farà condizionare, questo è pacifico), una politica economica valida il PD ce l'ha e la deve portare avanti, se ci è stato chiesto di colloquiare è chiaro che non si sentono più tanto sicuri o peggio non lo sono mai stati. La campagna elettorale del PD non deve essere uno spot publicitario ma l'esposizione dei fatti che devono avvenire in cinque anni di lavoro.
Fatta salva la presunzione d'innocenza, tutti coloro che diventano oggetto di inchiesta giudiziaria devono rescindere il loro rapporto con il partito, questa deve essere una regola morale scritta nello statuto del PD e, soprattutto, non deve avvenire con nell'IDV a livello locale, dove le liste, poco controllate, sono piene di gente cacciate o uscite da FI che usano questa identità per emergere al "proprio particulare".
Walter sono con te e con il tuo progetto, io ci credo: UNA ITALIA NUOVA SI PUO' FARE.
TAG:  RINNOVAMENTO  MORALITÀ  PD. 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
10 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork