.
contributo inviato da redazionepd il 3 dicembre 2008

Oggi il rilascio del nuovo portale e dei servizi collegati

PartitoDemocratico.it diventa un vero portale, che sarà oggi in linea con una nuova veste grafica e nuovi servizi.

Basato sulla semplicità e l’immediatezza, sarà il punto di ingresso per essere informati sul partito, sulle sue attività istituzionali ( in particolare quelle del Governo ombra, con una puntuale elaborazione delle posizioni del partito sui temi dell’agenda politica del paese) e per interagire con i navigatori.

Il nuovo sito permetterà di avere una vista d’insieme delle attività online del PD scegliendo tra le informazioni sull’attualità, le attività parlamentari e territoriali, la community di PD Network, i progetti multimediali di Youdem.tv e Radio.Dem (che avvia oggi le sue trasmissioni) e le attività 2.0 avviate sulle piattaforme Twitter, Flickr, Facebook,YouTube.

Alcune delle principali novità:

TAG CLOUD

In home page per scoprire quali sono gli argomenti più trattati dalla redazione è disponibile la nuvola dei tags, le parole che sono ritenute più significative in ogni articolo. Più una parola appare grande, più articoli trattano l’argomento che indica. Cliccando sulla parola si accede all’indice degli articoli dedicati.

PD Mobi

Il sito PD è consultabile direttamente da dispositivi mobili, palmari e blackberry. Basta collegarsi all’indirizzo www.partitodemocratico.it da un cellulare o altro dispositivo, e la pagina apparirà automaticamente nella versione semplificata, adatta alla consultazione leggera.

MyPD: PROMEMORIA E NOTIFICHE PERSONALI

Il tempo speso in rete spesso è poco, per questo PartitoDemocratico.it offre un servizio di promemoria personali. Gli utenti del PdNetwork possono inserire i loro dati di Login nel sito del PD e usufruire di un servizio di promemoria personali che permetterà di tenere a vista i documenti e gli articoli ritenuti più interessanti per una lettura o approfondimenti successivi. Accanto ad ogni elemento pubblicato è infatti presente la voce “aggiungi al tuo promemoria”. Su ogni articolo selezionato in MyPd l’utente potrà aggiungere delle noti personali, discuterne su PdNetwork od inviare l’articolo ai propri amici.
Inoltre un servizio di avvisi informerà gli utenti in caso di ulteriori aggiornamenti sui temi di loro interesse.

INTERAZIONE FRA UTENTI E SEDI TERRITORIALI

Nella colonna di sinistra della Home Page del Portale e in ogni pagina interna è presente una cartina geografica dell’Italia. Cliccandoci sopra si accede a una pagina nella quale è possibile effettuare la ricerca dei circoli per regione, provincia, comune. I risultati della ricerca vengono forniti sia come elenco, sia come geo-mappa. Il servizio è realizzato in collaborazione con l’Area Organizzazione – Settore Circoli del PD ed il database dei circoli è aggiornabile direttamente dai responsabili locali.

Prossimamente MyPD suggerirà automaticamente le sedi PD più vicine (circoli, sedi provinciali o regionali) al luogo di residenza indicato dall’utente registrato, con l’indirizzo web se disponibile.

RICERCA POTENZIATA

Un rinnovato servizio di ricerca permetterà di trovare le informazioni in modo guidato e ragionato, per pertinenza.

RADIODEM*

Parte da oggi RADIODEM, la webradio sperimentale del PD con le playlist musicali del PD, il TG ogni ora, e le dirette dei principali eventi. Si tratta di
un nuovo agile strumento di comunicazione per arricchire l’offerta del portale del Partito Democratico. Una web radio, attraverso la quale proporre contenuti di intrattenimento, musicali in primo luogo, ma anche continui e tempestivi notiziari, incontri con i protagonisti della scena politica e culturale, le iniziative di confronto pubblico promosse dal partito, le opinioni degli ascoltatori. Tra le prime interviste ad andare in onda quelle con Nicola Conte, i Negrita, Paolo Crepet, Tiziano Ferro, Alain Elkann, Fiorella Mannoia.

Il palinsesto musicale sarà impostato in una prima fase su una selezione di 2.000 brani. Gli appuntamenti con le news andranno in onda al minuto 15 di ogni ora, dalle 7.15 alle 20.15.

Attraverso RadioDem sarà inoltre possibile riascoltare alcuni degli incontri e delle interviste realizzate da YouDem.

*RadioDem è una produzione realizzata in collaborazione con l’Agenzia di stampa Area, Radio Città Futura e YouDem.TV.

TAG:  PARTITODEMOCRATICO.IT  SITO  PORTALE  INTERNET  RADIODEM   

diffondi 

commenti a questo articolo 8
commento di redazionepd inviato il 3 dicembre 2008
cari amici le modifiche fatte ovviamente sono solo le prime che vanno nella direzione da voi richiesta. La volontà di aprire un blog della redazione serve proprio per raccogliere senza disperderli tutit i vostri suggerimenti a partire da quelli inviati da Emisama in un post che è stato tra i più commentati nel network (http://partitodemocratico.gruppi.ilcannocchiale.it/?t=post&pid=2072891). Ovviamente la messa online delle modifiche sarà continua e abbiamo iniziato dai primi punti di quel post. A chi non verrà tutti i giorni sul sito o magari non userà tutte le funzioni basterà consultare il nostro blog per trovarle tutte.
Vi chiediamo per l'appunto di testare il network e cntinuare a mandare suggerimenti,critiche, spunti. Tutto per fare di PdNetwork uno strumento davvero utile.
commento di joko inviato il 3 dicembre 2008
X Zanfardino

Scusa, ma hai letto il mio primo intervento (il secondo, in ordine di apparizione)? Beh, leggilo, quelle sono le cose che secondo me difettano. Se per te va tutto bene, allora a posto.
commento di shining69 inviato il 3 dicembre 2008
il problema e che la comunicazione base-dirigenza che caratterizzava il pci e anche la dc nonostante tutto, il PD non c'è la. non viene il dubbio che si perde per questo? e che anche sul piano culturale stiamo scivolando inesorabilmente?
commento di Francesco Zanfardino inviato il 3 dicembre 2008
Ma possibile che non facciate altro che lamentarvi?

Quelli della redazione hanno apportato delle modifiche, molte delle quali interessanti e che hanno accolto alcune delle richieste fatte.

Certamente non è un sito perfetto, anzi ... continuiamo a chiedere modifiche, ma senza questo impeto polemico.

Ogni tanto dobbiamo ricordarci che simili opportunità non sono concesse dagli altri partiti.
commento di joko inviato il 3 dicembre 2008
Certo, vuol dire: e come certo sai ho avuto modo di scrivere, sulla vicenda Latorre, che non darò il mio voto al PD finché Latorre sarà anche solo semplice consigliere comunale per il PD. E non scherzo affatto, con buona pace di chi, anche irridendo le mie parole, mi ha detto che il gesto di Latorre è stato solo una leggerezza piccola piccola, sulla quale si è scritto fin troppo.
Probabilmente anche a proposito della questione morale, abbiamo idee molto diverse fra simpatizzanti. O ex.
commento di G.Adams inviato il 3 dicembre 2008
x Joko

No, il popolo delle primarie puo' ancora contare:

se non e' riuscito a buttare fuori Latorre e non riesce neanche a eleggere il proprio coordinatore cittadino, alla faccia di tutte le dichiarazioni fatte e delle bozze di statuto non ancora approvate, e' probabile, anzi certo, che la prossima volta il popolo delle primarie vota qualcun altro.

Su alcuni siti di attivisti, consiglieri municipali e parlamentari del PD moolto critici gira un simpatico sondaggio su quanto il partito potrebbe raggiungere alle prossime europee: in tutti vince la voce "sotto il 27%".

Vorra' pur dire qualcosa, no?
commento di joko inviato il 3 dicembre 2008
Ok, amico Adams, il popolo delle primarie non conta più; vediamo se almeno al voto tengono, perché comincio davvero a stancarmi. Voglio vedere un po' di fatti, oltre ai buoni propositi.
commento di ilro inviato il 3 dicembre 2008
NON CI SONO PAROLE!
commento di G.Adams inviato il 3 dicembre 2008
x Joko

Le primarie? Guarda cosa sta succedendo a Roma, dove sono i militanti a implorarle le primarie, contro i vertici regionali!
Alla faccia della partecipazione promessa...
commento di G.Adams inviato il 3 dicembre 2008
Va bene, provo ad utilizzare un linguaggio piu' forbito.

Scusate, voi della cara redazione, ma ci state per caso prendendo in giro?

Dopo tutte le critiche mosse in vari sedi all'impostazione e all'inquadramento del sito, ecco uscire una falsa novita': cambia l'aspetto, ma non la sostanza.

Abbiamo piu' accessori, abbiamo una radio, abbiamo un sacco di cosettine simpatiche, ma continuiamo ad avere un'informazione a senso unico, dove gli interventi dei militanti, ovvero dal mondo esterno, sono relegati giu' giu' nello sfogatoio, nell'angolo delle cause perse.

Ora, c'e' da chiedersi quanto tutto questo sia costato, visto che, da militanti, iscritti, sottoscrittori, contribuenti qualcosa ci abbiamo messo anche noi, volenti o nolenti.
E visto che quando si vorrebbe attaccare manifesti o metter su qualche gazebo la riposta e': non ci sono soldi.

Che pero' non mancano per una TV e una radio che ci stiamo a sentire, forse, soltanto noi, se tutto va bene.

Viene da chiedersi se l'informazione del partito non sia stata messa in mano ad un berlusconiano...


commento di joko inviato il 3 dicembre 2008
Il commento di G. Adams era magari crudo, ma era certamente diretto ad attirare la vostra attenzione, redazionepd.
Censurare non è mai bello, specie chi solleva critiche magari dure ma atte a migliorare le cose: non è un nuovo involucro che cambia le cose. Ci piacerebbe poter scambiare le nostre opinioni con qualcuno della dirigenza e coi parlamentari che noi abbiamo contribuito a mandare a Montecitorio o a Palazzo Madama, sempreché abbiamo tempo e voglia di ascoltarci.
Ci era stato promesso un partito che avrebbe coinvolto il popolo delle primarie e che avrebbe avuto un occhio di riguardo verso i simpatizzanti: io mi chiedo se questo sia ancora l'obiettivo cui tendete e, soprattutto, se vi interessa ancora il nostro voto.
Saluti.
commento di shining69 inviato il 3 dicembre 2008
apparte che al momento funzionano poche cose, ma dalla prima occhiata: grafica un po cambiata ma sostanza uguale a prima. complimenti a chi lo ha pensato. il network nonostante le lamentele identico.
cmq se volete fare qualcosa di buono dovete renderlo interattivo, la comunicazione deve essere bidirezionale da voi a noi e da noi a voi. invece pensate sempre che debba essere da voi a noi. bha e dire che walter di comunicazione ne dovrebbe capire qualcosina.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
20 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork