.
contributo inviato da ferbar il 1 dicembre 2008

Buongiorno a tutti ,

Alla notizia data dal TG3 e apparsa sui quotidiani in data odierna, in merito al cosidetto "pacchetto anticrisi", varato dal Governo venerdì u. s. , sono letteralmente trasalito sentendo che per accedere al beneficio fiscale del 55% sul " contenimento energetico", relativamente ai lavori effettuati presso abitazioni in ristrutturazione o restauro conservativo, con costi decisamente più alti rispetto alla media, dati dagli interventi specifici sulle coibentazioni, riscaldamento, infissi a taglio termico certificato etc., i n/s emeriti pensatori, che NON mettono mai le mani i tasca ai cittadini, hanno disposto con effetto retroattivo???, al 31/12/2007 di rendere di fatto nulla la Legge , a suo tempo reiterata dall'allora ministro Bersani, fino al 2010 con un danno patrimoniale per le famiglie interessate dal provvedimento di svariate migliaia di Euro. Nel mio caso, a fronte di una spesa certificata di €. 48.800,00 con la detrazione fiscale del 55% avrei diritto ad una restituzione di €. 26.840,00 in tre oppure dieci annualità.

Vi sarei estremamente grato, non solo come sostenitore del PD,  se poteste dare a questo problema la giusta visibilità ed in parlamento condurre una vigorosa battaglia per scongiurare questa ennesima  vessazione.

Un Cordiale Saluto

Ferruccio Barbieri

Tel. 338-9049879

TAG:  CRISI  GOVERNO  MISURE ANTI CRISI  BONUS  INFRASTRUTTURE  MANCIA  PROPOSTA PD  MUTUI  PICCOLE E MEDIE IMPRESE  VELTRONI  BERSANI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di capixaba inviato il 3 dicembre 2008
Molto si era sperato, molto si era fatto affinchè tutta una economia "sommersa" fosse incentivata a riemergere cogliendo anche l'obiettivo di innescare un processo virtuoso volto a raggiungere i famosi 20 20 20 fissati dalla UE in linea con gli accordi di Kyoto.

Bene ... un giorno di dicembre ti svegli e senti che è stato tutto uno scherzo e che qualcuno in gran segreto a "ponderato" l'esigenza di eliminare tutto ciò sull'altare dei bonus salvacrisi per le famiglie.
Ma dico. Siamo davvero rincitrulliti a tal punto da farci passare per fessi oppure c'è qualcuno che ce la racconta storta.
Come si fa pensare che azioni del genere vanno a favore delle famiglie quando bloccano investimenti e quando colpiscono uno dei pochi settori che sta sostenendo il mercato dell'edilizia. Ma si può pensare che sia a favore delle famiglie un provvedimento che incrementerà di nuovo le attività economiche in "nero". Tutto ciò per poter consegnare a casa con tanto di lettera firmata dal Presidente del Consiglio (è nello stile del convertitore Lire-Euro - non cambia) un pacchetto di Natale salvacrisi per avere qualche soldo da spendere.
Che si vergogni, chi nel governo opera in questo modo. Se molte famiglie sono arrivate alla fame si attuino delle politiche di intervento immediato e di investimento strutturale, ma non si vada a farsi belli in giro con interventi ad "impatto zero": la scelta di Tremonti di togliere la riduzione fiscale del 55% su settore del risparmio energetico, la dice lunga sulla ponderazione con cui si sono intrapprese tali disposizioni.
Il fatto è che Tremonti per quello che si è dato a capire da quando si conosce è peggio di un bambino che quando gli altri non accettano cquello che lui vuole fare si indispettisce ... , non gioca più e dice che se ne va. Ma va fa ...
commento di GMAREG inviato il 1 dicembre 2008
Caro Ferruccio.

Anch'io sono nella tua stessa situazione. Ho affrontato quest'anno spese di ristrutturazione che avrei rinviato o comunque effettuato facendo scelte qualitative e quantitative differenti, basandomi sulle incentivazioni messe a disposizione dalla legge finanziaria e ora, con un colpo di spugna, mi si dice di arrangiarmi a pagarli. Nel mio caso parlo di crediti per oltre 70mila €, rimborsi su cui contavo per pagare con serenità un mutuo divenuto improvvisamente insostenibile.

E' inaccettabile e vergognoso che, a spese già sostenute dal cittadino (che su tali incentivi aveva fatto la sua programmazione economica), il governo si rimangi la parola e, di più, faccia piazza pulita di un provvedimento che era stato volano di lavoro e sviluppo virtuoso di un'economia basata su investimenti "verdi" e sostenibili!

Si sono vantati di aver approvato il decreto in 10 minuti. Io aggiungerei che non occorreva che ce lo facessero sapere: SI VEDE LEGGENDOLO QUANTO CI HANNO RIFLETTUTO!!!

Anch'io vi chiedo di attivarvi per lottare per la modifica di questo scellerato provvedimento e difenderne il grande valore!

Gianluca Maregotto
3477981321
commento di M.T.R. inviato il 1 dicembre 2008
Il fatto è gravissimo, e non solo per i privati. E' un enorme danno anche per le aziende e gli studi tecnici che hanno fatto investimenti ed assunto personale in vista della richiesta che ci si poteva prospettare. Ora si aprirà un altro settore di crisi e di licenziamenti.Per non parlare del ritardo dell' Italia nei confronti degli obiettivi di Kyoto per il risparmio energetico: si prospettano multe salate, che ovviamente dovremo pagare ancora noi sia come contribuenti che come cittadini tutti alle prese di un inquinamento atmosferico sempre maggiore. Oggi, a parte il TG3, non ho sentito nessun altro telegiornale parlare di questo, e nessun politico dell'opposizione PD compreso: tutti presi dal grande torto subito da Sky e dai suoi clienti. Per fortuna pare che si stiano muovendo le associazioni di categoria. Speri, Sig. Barbieri, che loro riescano dove chi di dovere latita.
commento di M.T.R. inviato il 1 dicembre 2008
Il fatto è gravissimo, e non solo per i privati. E' un enorme danno anche per le aziende e gli studi tecnici che hanno fatto investimenti ed assunto personale in vista della richiesta che ci si poteva prospettare. Ora si aprirà un altro settore di crisi e di licenziamenti.Per non parlare del ritardo dell' Italia nei confronti degli obiettivi di Kyoto per il risparmio energetico: si prospettano multe salate, che ovviamente dovremo pagare ancora noi sia come contribuenti che come cittadini tutti alle prese di un inquinamento atmosferico sempre maggiore. Oggi non ho sentito nessun telegiornale parlare di questo, e nessun politico dell'opposizione PD compreso: tutti presi dal grande torto subito da Sky e dai suoi clienti. Per fortuna pare che si stiano muovendo le associazioni di categoria. Speri, Sig. Barbieri, che loro riescano dove chi di dovere latita.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
1 dicembre 2008
attivita' nel PDnetwork